lunedì 29 settembre 2014

PANE A GHIRLANDA CON PANCETTA E FORMAGGI E PIZZA ...

Avevamo voglia di pizza...ma per due mi sembrava tempo sprecato solo per una lastra da forno, così ho pensato al pane...e guardando, come mia abitudine, in frigo per ispirarmi, ho realizzato un pane "speciale" come lo chiamo io in famiglia, quando presento le mie fantasie panificatorie...sperando che mi vada bene!
In frigo ho formaggi e un avanzo di pancetta coppata affettata fine, che è ottima anche nelle focacce nostrane da forno, il così detto gnocco...

testo e immagini di ivanasetti
Ho cominciato la mattina:

700  g  farina 0
1  bustina di lievito di birra secco, MF,
2  cuccchiaini di zucchero
2  cucchiaini di sale
350  g  circa di acqua tiepida
40  g  olio extravergine
 Mescolare farina e ingredienti secchi nel Robot
versare dal bocchettone l'acqua e l'olio

A bassa velocità, 4 nel braun, impasto finché non è liscia, per non surriscaldare il motore fermarsi spesso
A mano continuare a lavorare l'impasto che è sodo, o pasta dura...
Metto l'impasto in una ciotola grande  che avvolgo in teli morbidi e metto nella lavastoviglie a lievitare...la lavastoviglie è l'elettrodomestico che non viene toccato da nessuno, così non rovino la lievitazione, per circa sette ore.

Per confezionare il pane uso 2 terzi dell'impasto, 2 terzo per la pizza, per una teglia molto grande da forno100  g  pancetta circa
Stendo la pasta in un largo disco che cerco di modificare a rettangolo,
 
vi sistemo le fette di pancetta coppata strappata a fiocchetti
e sopra
una mozzarella a pezzetti
2-3 fette di  di sottilette di qualità, a pezzetti

La farcitura non è abbondante, si può mettere più salume.
Arrotolo la sfoglia a cilindro abbastanza lungo da chiudere ad anello in una teglia di alluminio di 28 cm di diametro
Spennello con olio e pochissima acqua e infiocchetto con ciuffetti di aghi di rosmarino
Ancora circa un'ora di lievitazione
 Cottura 50 minuti a 195 °C per i primi 15 minuti, abbassare  a 155°-160° per altri 30-35 minuti
E' ottimo, croccante!
Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.












venerdì 26 settembre 2014

2014 NONANTOLA: SOGHI, SABA, SAVOR...LA SAGRA DEI SAPORI MERAVIGLIOSI DEL MODENESE

Ingrandire le immagini cliccando sopra !!!


NONANTOLA/MO
DOMENICA 28.09.2014
Soghi, Saba, Savòr

Eccoci arrivati all'annuale appuntamento che mi affascina, incuriosisce, soddisfa...e un'oretta per le vie della cittadina, dove in ogni angolo ci sono leccornie, o importanti eventi legati alla terra e ai suoi raccolti, non me la posso perdere..anche vogliosa di fissare nelle immagini tanti prodotti di eccellenza!
Un anno che ha portato calamità sulla campagna anche a Nonantola, ma la volontà di superare anche gli effetti della Natura, quando si arrabbia con noi, distratti e autolesionisti nel danneggiarla, lavorando sodo e  caparbietà!!!

Un augurio che il tempo sia clemente in questo fine settembre!

Immagini di edizioni passate
vedi edizione 2009


martedì 23 settembre 2014

CROSTATA DI PERE KAISER CON CREMA DI NOCCIOLA, BIRNEN-WAEHE

Man mano metterò le tante ricette, oltre a post che ho tralasciato di pubblicare, per le ragioni di difficoltà, da molti mesi a questa parte, di poter gestire il mio blog!
Tempo di pere, quindi  mi guardo le cartelle di dolci con questo frutto...
L'anno scorso ne feci alcuni  in questa stagione, ma la crostata è sempre la preferita

testo e immagini ivanasetti
per la pasta frolla 
230  g  farina 00, 1 cucchiaino di lievito per dolci, un pizzico di bicarbonato, gocce di limone
80  g  burro tolto dal frigo poco prima
70  g  zucchero
20  hg di nocciole macinate
latte freddo q.b.
Impastare velocemente con le mani gli ingredienti messi nella ciotola grande, fare una palla e metterla al fresco per almeno mezz'ora 


Preparare
5  pere a spicchi non troppo grandi e irrorarle con succo di limone, aggiungere cannella e mezzo cucchiaio di zucchero.
In una ciotola più piccola preparare la crema:
2  uova fresche
1   cucchiaio di farina
 2  cucchiai di zucchero
30 g sfarinato di nocciole
spezie saporite e cannella, frullare e aggiungere un mezzo vasetto di latte



tirare la base a pochi millimetri, aiutandosi con un cellofan, cospargere con 3 frollini tritati


Sistemare gli spicchi di pere sulla base già nella teglia, poi versatrvi la crema

cuocere in forno già caldo a 170 ° per 35-40 minuti
Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

sabato 13 settembre 2014

2014 FINALE EMILIA: GIORNATA EUROPEA CULTURA EBRAICA 2014

Come ogni anno a settembre anche a Finale Emilia si tiene la Giornata Europea della Cultura Ebraica.
Ricevo da amici di Finale la locandina dell'evento, con gli incontri della giornata nei luoghi, che testimoniano la presenza di una attiva comunità ebraica per molti secoli!




venerdì 12 settembre 2014

TORTA MORBIDA CON SUSINE...AFFOGATE!!!

Le grosse susine violette, dal piccolo nocciolo, sono proprio molto adatte per fare questo tipo di torte, la loro polpa è soda e profumata, e con un semplice impasto non troppo ricco di grassi, si ottiene un dolce meno calorico di altri!!!


Con un handicap in partenza...da pesate fatte prima con la bilancia, visto che abbiamo confezionato quasi due kg di tortellini, ho cercato a lungo invano la ciotola della bilancia...ho rinunciato alla pesatura e ho fatto con l'empirico cucchiaio da tavola!


nella ciotola antiscivolo mettere 

3  uova fresche +  5 cucchiai di zucchero, montare bene con le fruste elettriche, aggiungere 50 g di burro sciolto al MW a 70W per 1', e montare ancora, quindi aggiungere la farina, 6 cucchiai da tavola mescolata a 2 cucchiaini di lievito per dolci, scorza di limone grattugiata, immettere a cucchiai alla volta, alternando con circa 5 cucchiai di latte
5  grosse susine sode, lavate e asciugate e tagliate a spicchi, preparare la base di carta forno, versare  l'impasto-crema, e appoggiarvi gli spicchi di  susine
Cottura in forno ventilato a 170°C per 40 minuti
Spolverare con zucchero a velo!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


 



mercoledì 10 settembre 2014

2014 CREVALCORE, LA FESTA ALLA ROTONDA E' RITORNATA...

La Festa dell'8 settembre 2011 
fu una festa bellissima, con un cielo sereno e così rosato nel tramonto, da far meraviglia...tanta gente venuta non solo dalle campagne intorno all'Oratorio, ma anche dal paese, come sempre, ma quella volta fu davvero eccezionale...o forse è il ricordo che fu l'ultima, che ce la rende più suggestiva!
Le vaghe striature rosa erano sopra di noi  come se fosse l'alba, invece del tramonto!
Testo e immagini di ivanasetti
Quest'anno la tradizione dei riti religiosi in questi giorni dedicati alla Madonna è ripresa, in tono minore, con mestizia ed emozione per la condizione precaria dell'Oratorio, tutto ingabbiato, inagibile...




Non c'era molta gente, anche perché mancava lo spazio che era disponibile nel passato, difficoltoso era parcheggiare, ...e anche il tramonto non era pittoresco come nel 2011, ma ha fatto presto a spegnersi, senza quei riverberi di colore di fuoco a ponente...
poi la luna che sorgeva, l'ultima grande luna visibile in queste settimane, sembrava scherzare dietro l'alberello che aveva i rami aperti come per salutarla
Una cerimonia in sordina, ma con tanto più fervore nella recita del rosario, e una piacevole chiacchierata fra amici e conoscenti attorno al tavolo dello spuntino, con gnocco al forno, torte salate e dolci e pasticcini..
Nel passato c'era una lotteria di beneficienza,  e ai tavoli che si allestivano attorno nella vasta aia della casa lì vicino, si mangiava gnocco fritto e salume, che veniva direttamente fritto durante la lotteria in enormi padelloni!
e si concludeva con i fuochi d'artificio!
In compenso quest'anno avevamo una splendida luna
Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


lunedì 8 settembre 2014

ZWIEBEL-WAEHE AL PARMIGIANO DA PASTO, CROSTATA BASILESE DI DI CIPOLLE...EMILIANA

Un bel trancio di  fresco parmigiano reggiano da pasto, cipolle ramate giganti in cantina...e la voglia, ispirata da un amico d'oltralpe, di rifare la crostata che da tanti decenni conosco e che rifaccio per figli, nipoti e loro amici!

La base è sempre  una brisée da me adattata, per darle più croccantezza.
Stavolta ho usato

400  g  farina 00, un pizzico di sale
160  g  burro, non freddissimo
1      cucchiaino da caffè di bicaronato
due cucchiaini di succo di limone
acqua frizzante dal frigo, che aggiungo appena intrisa la farina con il burro, usando le dita (stavolta non ho usato il robot, l'acqua occorrente la si avverte impastando a mano)

L'impasto mi è servito per due crostate, quella di cipolle salata, utilizando più della metà dell'impasto, mentre per una crostata dolce alle susine, ho aggiunto 1  cucchiaio colmo di zucchero semolato

Intanto nettare le due cipolle di circa
500  g, e cuocerle dolcemente, coperte, fino  farle trasparenti, e raffreddare
di circa 700 g di impasto, ho fatto due parti, 400 e 300, la più gialla con l'aggiunta dello zucchero è per la crostata dolce
Preparareun disco con bordo per la base e grattugiarvi sopra a julienne circa 
1oo g  di parmigiano reggiano 16 mesi.
Preparare la crema che va mescolata alle cipolle stufate:
3  uova
2   cucchiai di farina
1  bicchiere di latte
sale e pepe
Dopo aver ben mescolato, aggiungervi le cipolle già fredde
versare la crema ottenuta sullo strato di parmigiano, cuocere in forno ventilato a 170°C per 45-50 minuti!

E' ottima il giorno dopo anche fredda, oppure rimetterla al forno a  scaldarla per una decina di minuti!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.