martedì 31 maggio 2011

LUNEDI' di FUOCO con ASPARAGI, PEPERONI e GNOCCO a ROSETTE con salsiccia

Lunedì intensamente ...profumato...va be', anche con qualche esagerato insieme di effluvi, che poi ci hanno appagato a cena!

Una parmentier con ASPARAGI

sempre con gli Asparagi, ho preparato un contorno ricco


In frigo avevo pure PEPERONI, li ho farciti e cotti in due tempi nel MW!!
Con riso bollito, poi insaporito in un ragù di cipolla, pomodorini, olive, ho riempito 4 mezzi peperoni e dinuovo in MW!
Erano delicati e digeribili!





il divertimento più grande è stato nel preparare un lievitato con il mio "livador"
Invece di pane o gnocco ingrassato, ho pensato bene di procedere in altro modo: una torta di rose...salate!







Il profumo di questo pane speciale era estasiante!!!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.




domenica 29 maggio 2011

SANT'AGATA /BO FIERA di MAGGIO 2011 VECCHI MESTIERI

La passeggiata di stamattina mi ha regalato una piacevole emozione...entrare dalla vecchia PORTA OTESIA, la porta a Nord della cittadina, è come entrare in un salone lungo, con la bella serie di portici sulla destra, al centro una piazza onorevole con una bella chiesa, un campanile e il Fontanone!
La fiera dell'hobbistica, del fai da te e dei VECCHI MESTIERI, Associazione di Volontariato romagnola di RAVENNA, trova la cornice giusta...la giornata è serena, il caldo è sopportabile, non c'è l'umidità che opprime!


Nella parte opposta, a Sud, non esiste più la porta, ma una piazzetta, che comprende il sagrato di una bella Chiesa del Seicento, dell'Addolorata e lì sono sempre in bella mostra le ultime macchine della Lamborghini, industria automobilistica d'eccelenza che ha sede proprio a Sant'Agata.

fotoivanasetti



A me ha interessato tantissimo incontrare i volontari della tradizione, una associazione di Ravenna...riprendono con entusiasmo e passione i "mestieri-saperi" di una volta!

VECCHI MESTIERI
la roba in znì
di Mario Cavina
Via F. Avisio, 91
48100 Ravenna

Qui troviamo tradizioni romagnoli, ovvero le interpretazioni locali di attrezzi e strumenti e gli usi della vita quotidiana, che poi corrispondono a quello che anche per noi era il preparare il cibo, il tessere, il costruire con il legno attrezzi e anche giocattoli, sapere trarre dalla natura il materiale per costruire anche..un fiore!




il ragazzo è intento al telaio...poi farà lo spettacolo con la frusta, come i famosi "Sciucaren" della Romagna.







Mi sono soffermata con grande curiosità alla postazione di Margherita...che stava gramolando l'impasto del pane, proprio come io ricordo la stessa usanza nella mia famiglia, tanti decenni fa!
Margherita è davvero enusiasta, mi spiega con dovizia, conferma le mie stesse convinzioni, infatti sto preparando il mio pane settimanale proprio nello stesso metodo che lei descrive.



E' un lavoro abbastanza gravoso: per sollevare la pesante trave, si deve azionare una macchina semplice a leva, composta da un manubrio e da due bracci che si alzano e abbassano, e la trave riesce a battere l'impasto, guidato dalle mani sapienti di Margherita! Al manubrio è un simpatico signore del gruppo!


Questo è il Sig CAvina, è addetto a molti "mestieri", confeziona sporte con una pianta acquatica duttile, che richiede un lungo trattamento per essere lavorata, costruisce oggetti


su un trespolo c'è un fascio di archi, così mi appaiono, e invece sono armi giocattolo che servivano ai ragazzini per giocare alla guerra...
L'arma è composta da un segmento di canna cava, a un estremo della quale è scavato un piccolo alloggiamento, nel quale si inserisce il proiettile, sempre in legno, e la pressione sull'arco in tamericio scaglia il proiettile a una breve distanza!
Ne ho comprato uno per il mio nipotino!



Dal mais non solo la farina, ma con le foglie secche della pannocchia matura questa signora confeziona dei fiori stilizzati






Ma la fiera è tanto altro, agricoltura, giardinaggio, animali da cortile, cavalli, bovini e tante occasioni di divertimento, spettacolo e musica...chiusura domani lunedì 30 maggio

Torre Romanica dell' XI sec., cui è stata sovrapposta la cuspide a metà dell'Ottocento


Cento foto scattate...sono proprio un'esagerazione...il G. era...infuriato!!!!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

CROSTATA con CONFETTURE di FRAGOLE e ASPARAGO

In questi giorni ho cucinato parecchio...
Stamattina Isora ha regalato un vasetto di confettura di asparago, "Per crostate!!!" si è raccomandata!
Io l'ho assaggiata e mi è sembrata come la confettura di pomodoro acerbo, che faccio spesso...mi intrigava la cosa, quindi ho pensato a una crostata, mia maniera!


Si sa che io faccio la frolla dolce alla mia maniera, per ottenere una pasta non secca, né troppo calorica.


150 g farina 00
50 g burro sciolto
60 g zucchero semolato
1 uovo
1 cucchiaino di lievito per dolci
una grattugiata di scorza di limone

per farcire

100 g confettura di asparagi Isora
200 g confettura di fragole coop

apribile
In una ciotola mescolare farina, lievito e zucchero, fare la fontana, versare il burro raffreddato, l'uovo e con una forchetta sbattere un po', quindi intridere la farina, con le mani continuare brevemente fino ad avere una palla morbida.
Stendere con due terzi dell'impasto uno strato di 2-3 mm su un disco di carta grande come il fondo di una teglia apribile di 22 cm di diametro, con un cordone di pasta fare un orlo esterno e schiacciarlo con le dita contro la parete dello stampo, farcire con le due confetture ben mescolate, ripiegare il bordo verso l'interno, con della pasta fare una grata in superficie

Cuocere in forno ventilato per 30 minuti a 160°C


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

sabato 28 maggio 2011

TIGELLE un'altra VERSIONE à la nonna ivana

Cibo tipico del nostro Appennino Modenese, ormai conosciuto in ben più vasta zona!
Si può fare anche in casa, se si vuole qualcosa di genuino, un pane profumato, pratico, che si mangia appena cotto nella tigelliera, sul fornello!
Io preparo le tigelle in anticipo, in previsione di mangiate fra amici, quando occorre avere cibi già pronti da servire;oggi ne ho preparato più di un kg, le ho cotte e raffreddate e ora sono in freezer!


Oggi voglio provare un'altra combinazione...anche perché ho delle rimanenze di farine che voglio togliermi d'attorno, e ho un po' di pasta acida da utilizzare.


500 g farina 0 blu tre grazie
100 g semolato di GD
100 g farina integrale bio
50 g burro
60 g mia pasta acida
3 g yeast lidl
15 g sale fino
10 g zucchero
400 g acqua tiepida e poche gocce di limone






Impasto il tutto nel robot, come il solito, è molto pratico, e meno faticoso!
Metto l'impasto a lievitare in una ciotola coperta, e per essere tranquilla l'ho messa nella lavastoviglie per poco meno di tre ore.
Ho lavorato ancora un po' l'impasto, ho fatto delle palline, che ho posato su un telo infarinato, e ho lasciato coperto a lievitare ancora per un'ora abbondante!
Le palline si gonfiano di nuovo; scaldo bene la tigelliera dalle due parti, inserisco sette palline alla volta e in pochi minuti ne ho cotte trentacinque.

Noi le mangiamo con salame, prosciutto crudo, coppa di testa, stracchino con sott'oli e sott'aceti e tant'altro a piacere, nutella e marmellata!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


giovedì 26 maggio 2011

SANT'AGATA bolognese FIERA di MAGGIO 2011

FIERA DI MAGGIO 2011 25 - 29 maggio 2011


Siamo già in piena fiera, la cittadina è tutta in fermento, i lavori di montaggio di stand, tendoni, impalcature sono già a buon punto!
Faremo una visita stasera, amiamo passeggiare lungo la circonvallazione, dove troviamo bancarelle di chincaglierie, artigiani con i loro articoli e manufatti, le bancarelle dei lavoretti fai da te, i banchi con piadine e cibi tipici, la musica, le curiosità..


e all'interno, nel centro e nel corso principale, si incontrano altre attività, altri luoghi di intrattenimento, mostre, esposizioni, mestieri, attrezzi del mondo antico, e quant'altro per rendere interessanti a tutta la popolazione queste giornate di festa.




Ho messo foto di edizioni precedenti!
Sono ansiosa di vedere novità e miglioramenti!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.