mercoledì 31 agosto 2011

CREVALCORE---CARTOLINE dalla CAMPAGNA: CLEO e NEFERTITI, POLLI e POMODORI and other STUFF!!!

Ultimo di agosto, ultima operazione "Conserva di Pomodoro Anni Cinquanta"!
Anna, Alessandra ed io laviamo e tagliamo bidoni dicarota, sedano e cipolla, che aggiungeremo alla passata di pomodoro.
Laviamo nel grande mastello casse e casse di pomodori sanmarzano bellissimi, rossi e sani.
Ci troviamo nell'angolo della casa, sull'erba, siamo vicini alla sala della lavorazione delle carni di maiale, nella stagione fredda, mentre d'estate si fanno le verdure. Abbiamo il tubo dell'acqua, sia calda che fredda, che ci arriva con il lungo tubo verde.
Anna ha già messo in posizione tre fugoni, con i paiuoli giganteschi, che serviranno domani mattina presto, per la bollitura dei pomodori.
Il prato è ingiallito, rinsecchito, anche la portulaca selvatica, che è così resistente nei nostri cortili, è appiattita e striminzita, i mici non si fanno vedere, rintanati nel capannone dei motori a sonnecchiare.

A un tratto lungo la carreggiata che fiancheggia i campi già arati vediamo arrivare un gruppo: bambini, genitori e asinelle!
Il Vet Clementel ci viene a far visita!
Non conoscevo ancora Nefertiti, figlia di Cleo!


Cleo è una simpatica asinella nera, ha sei anni, mentre la figlia di poco più di un anno, è di un bel grigio, con la sua croce scura ben delineata sulla schiena, è la prima uscita con la cavezza al collo!

Faccio la sua conoscenza accostando la mano al muso morbido, e sento le sue nari che annusano, delicate, per imparare a distinguere il mio odore.
Equus asinus Linneo 1758, può campare una trentina d'anni, mi dice il Vet!
Si intrattengono un po' poi ripercorrono la carreggiata per ritornare alla loro casa, un quattrocento metri da noi!



e noi continuiamo il nostro lavoro, mentre dal recinto dei polli, arriva il verso di qualche gallina, che sente l'ora della cena, un paio si sono piazzate con le zampe dentro alla ciotola dell'acqua, e nell'angolo del pollaio, come a controllare, c'è il micio "strano" che ha rifiutato di vivere con i suoi simili e con gi umani, per andare a convivere con la grande famiglia dei polli, comprese le urlanti faraone, che a ogni movimento dall'esterno fanno un fracasso da matti!
Il micio che...parlava coi polli!





Forse bisognerebbe portarlo dallo psicologo...per capire quale trauma lo ha indotto a questo comportamento!

Abbiamo finito di lavare i pomodori, li sistemiamo in cassette, domattino bollitura e in giornata si prepara la conserva, che viene imbottigliata e poi sterilizzata!
Gli scarti dei pomodori sono la cena per i polli.
Sono sparsi fra le alte erbacce del loro vasto recinto, ma appena si accorgono del mucchio di pomodoro si precipitano a beccare...il gallo arriva per ultimo, ma il suo incedere regale scombussola polli e galline, che si ritirano in disparte con rispetto!



Non so perché, ma mi sembra di avere vissuto dei momenti straordinari!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

martedì 30 agosto 2011

MARTEDì RIPOSO!!! troppo lavorato il lunedì!!!

Infatti il lunedì è sempre un giorno di svariate sperimentazioni in cucina.
Il mio modo di lavorare è "alla carlona", cucino senza ricordare come ho eseguito le altre volte i piatti ... parto da una base di ingredienti, per poi inserirne altri, che penso ci stiano bene!
Alla fine...può andare, allora mi riguardo le foto, ci adatto un testo e lo riporto qui, nel mio diario!
Solite verdure!
ZUCCHINE RIPIENE con parmigiano, pane mortadella, erbe
PEPERONI FARCITI con riso, salame calabro piccante, provolone, pomodorini


pure un tegame di POLPETTE con manzo, mortadella, pane, parmigiano, uovo


Ma il divertimento per me è stato rifare le nostre cioppette o ragni di pasta dura, secondo la tradizione di famiglia!
Il fornaio le fa molto meglio, ma la soddisfazione di riuscire ad arrotolare la pasta col palmo della mano è davvero un piacere grandissimo!
Mi piace impastare e lavorare l'impasto a lungo, per dargli quella viva morbidezza che denota l'inizio della lievitazione!


Il solito impasto del mio pane bianco, il livadòr, che è il riporto dell'impasto dell'altra settimana, un pizzico di lievito secco, mezzo grammo scarso, un po' olio e...tanto olio di gomito!!!


nel robot, poi si lavora a mano



poi mettere a lievitare






di nuovo a lievitare



la cottura 40 minuti in forno ventilato a 90°C, a un quarto dalla fine a 60°C


Per un paio di giorni siamo a posto!!!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.








lunedì 29 agosto 2011

DOMENICA d'AGOSTO, una passeggiata sulla RIVIERA del PANARO

Finalmente la temperatura è diminuita, non ci è parso vero che alle sei del pomeriggio avessimo 29°C, una decina meno di un paio di giorni fa, quando non potevamo uscire, perché una aria calda ci avvolgeva come l'alito silenzioso di un asciugacapelli!
Una meta era la Riviera del Panaro, che non avevamo mai fatto in piena estate, ma solo in autunno e a inizio primavera!
D'estate ha tutt'altro aspetto, di maturità, di fecondità, con le erbe a pieno frutto, pronto a cadere e a nascondersi sottoterra, per rinascere a primavera!
La Riviera è il Lungo Panaro, una passeggiata di chilometri sia a piedi che in bicicletta, su un argine ben alto sul terreno circostante, mentre il fiume scorre tranquillo, nascosto dalla vegetazione che ha invaso tutta la golena!
Solo una breve passeggiata pacata, io con la mia digitale, e l'occhio sempre attento al bordo del sentiero, mentre il G. è davanti, e già conosce queste piccole piante tipiche delle zone umide...per me è difficile ricordare e dovrò studiare.

Ma sono interessanti ugualmente!
Magari qualcuno mi suggerisce il nome scientifico!





Dalle case sparse sulla riva sinistra qualche cane ci abbaia...un cagnetto simpatico arranca sull'argine per venirci a salutare...eccolo!


Peccato che il sole che sta per tramontare mandi la sua luce radente proprio sulla nostra sinistra e non posso fotografare la zona coltivata, con i vigneti di Lambrusco e con il mais già pronto da raccogliere!









E' stato un piccolo pretesto per stare un'oretta all'aperto, lontano dal traffico, qui passavano solo biciclette, ma rade.
Abbiamo goduto del silenzio e del ritmo rallentato ...sembra di avere ricevuto una inezione di energia e positività!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


sabato 27 agosto 2011

SALSA DIAVOLINA alla FRUTTA di nonna ivana!

Ed è pure double-face!!!

Svuoto il portafrutta...che ci faccio? Mi intrigano questi frutti scombinati...vediamo in frigo cosa mi può servire, solo il tubettone thomy di senape forte...bene! E in cantina? Delle cipollone ramate!

Mi dispongo sul tavolo 'sti ingredienti racimolati, strologo per il condimento...che sia ...focoso!!!!
E lo è davvero...fate il conto di sentire la harissa, quella marocchina, sulla lingua!Solo che ha profumi e sapori più complessi e dolciastri!
La prova fatta con i chutney che preparo ogni anno mi soddisfa sempre...stavolta voglio completarla a salsina....
Non mi manca una serie di liquidi tosti, che contribuiscono a profumare, amalgamare, stuzzicare: Lambrusco, Aceto di Mele, Aceto Balsamico di Modena

Testo e foto di ivanasetti!


La cipolla ha la precedenza, essendo la più dura a cuocere, quindi la metto, ben tritata, in un tegame di acciaio con un cucchiaio abbondante di senape, sale, un cucchiaino di peperoncino, misto spezie, pepe, noce moscata, 50 g di Lambrusco, un paio di cucchiai di aceto balsamico, 4-5 cucchiai di aceto di mele, e lascio cuocere circa mezzora, che si ammorbidisca e insaporisca. Tengo coperto per non disperdere i liquidi, e a fiamma bassa.

Pelo e taglio a dadini anche la frutta, che scaldo in un altro tegame con parte di lambrusco, aceto di mele e balsamico, due cucchiai di zucchero, un po' di misto spezie, poi verso nel tegame con le cipolle e cuocio copertoper un'ora e mezzo, poi altri venti minuti scoperto, a fiamma moderata, solo per asciugare un po'!



travasare la frutta nel tegame della cipolla appassita


dopo due ore circa passsare il tutto nel passaverdure fine


Fare dei vasetti da 250 ml, per la sterilizzazione, ne trattengo un vasetto da consumare a breve e per fare le prove e gli assaggi


In casa avevo provolone e gorgonzola dolce...ho fatto da cavia...ma volentierim tanto che a cucchiani, quasi me la mangiavo tutta!
Ottima per l'arrosto di lonza, le grigliate, il fagiano, salumi e formaggi!
Almeno io la consumerò così!!!!



Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.



venerdì 26 agosto 2011

VENERDI' di RELAX dopo la RIUNIONE di FAMIGLIA,

Mi sono alzata alle sei...ho fatto il mio giro nel cortiletto, osservato gli arbusti di Ibisco, notando che le cimici sono quasi sparite..
Mi sono accorta che la minuscola rosellina tzigana ha due fiori sbocciati, dopo essere stata bloccata per il gran caldo di queste settimane...mi fa piacere averla, da parecchi anni...forse caduta dal balconcino delle grosse caravan del Circo, che improvvisamente di notte partirono dal piazzale vicino al Parco, per l'avvenuta morte del capofamiglia dei Circensi. Il G. portava a spasso il cagnolino ogni giorno all'alba e trovò il vasetto, sbrecciato per la caduta, ma con la piantina viva e in fiore... me la portò!
Il fiorellino della rosa è di 2 cm scarsi di diametro e altrettanti di altezza:



Il giardino di Daniela è sempre impeccabile,


il BOMBO è già freneticamente alla cerca di nettare, prende di mira i calici dell'ibisco e vi si tuffa vibrando le ali, scuotendosi tutto, irrequieto!


In attesa di leggere il giornale che il G è andato a comprare, mi siedo al tavolo da giardino e mi leggo il librettino che mi ha portato mio figlio da Garmisch: BAYERISCHE SMANKERL, ricette bavaresi e dintorni...ne sento nostalgia, mi sceglierò un qualche piatto da replicare!!!!

La micetta di Daniela compare all'improvviso e si accomoda in grembo a me, mi controlla, con occhietti intelligenti, tranquilli, fiduciosi



Un'ora di relax totale, mentre il sole sta salendo all'orizzonte, ma è ancora nascosto dalla casa di fronte!

Vado finalmente a sparecchiare e a lavare i piatti di ieri sera!!!!

Giovedì sera in famiglia: una carrellata di grandi pizze che siamo andati a prendere qui a due passi, alla PizzAria dal Campione, dal nostro campione Christian!!!
Erano davvero ottime, i ragazzi ne hanno fatto una scorpacciata, e, anche se non erano intonate, le due salsette fatte il giorno prima, hanno avuto successo!!!
Eravamo in nove, ma avevamo ordinato per quindici, di sicuro...le rimanenze sono partite con i ragazzi...questo mi fa piacere!!!

Pizze in bianco, Pizza Margherita, pizza marinara e pizza ai wurstel e salame, la favorita dai bambini!
Birra e Lambrusco!
Gelato.


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.