giovedì 29 settembre 2011

LASAGNA di CRESPELLE con RAGU' di SALSICCIA e foglie di CAVOLO ROSSO

Le crespelle sono un  espediente per consumare uova che non posso lasciare invecchiare in frigorifero!
Mi sono davvero fatta una esperienza  delle crespelle, che utilizzo in vari modi, che possiamo trovare qui di fianco nel sommario!
Basta prepararle in tre misure e in due forme, quadrata e rotonda, disporle sulla carta assorbente e decidere: con che cosa farcirle, come cucinarle oppure, quando ne ho preparato parecchie, le conservo in freezer, disposte a strati su un vassoietto di polistirolo.
Stavolta avevo tre uova da utilizzare! Ho pensato di fare o una torta a strati oppure una lasagna!
Avevo pure lessato delle foglie di cavolo rosso, quindi ho optato per  le lasagne! Avevo un paio d'etti di salsiccia fatta in fattoria, quindi ragù di salsiccia, che col cavolo si abbina pure bene!
Per fare la besciamella non ci sono problemi, burro e latte ci sono sempre...basta un po' di buona volontà per affronatre la lavorazione a mano del tutto, che rende pregiato un piatto anche economico.


Ho pronto questi ingredienti:


La pastella per le crespelle, con
3  uova 
150 g  farina 00
350  g  latte freddo, sale e n0ce moscata,


la besciamella con
30  g  burro,
1  cucchiaio farina,
250 ml latte, sale e noce moscata


Ragù con battuto di carota, sedano e cipolla, un po' d'olio
200  g  salsiccia fresca di campagna
un po' di lambrusco, tre cucchiai di polpa fina di pomodoro, sale e pepe!
Cotto in padellina antiaderente
Nel frattempo cuocio pure le crespelle in padella antiaderente  da 24 cm di diametro,  ne ottengo cinque





procedo alla confezione delle lasagne, in una teglia usa-getta con carta forno
imburrata: una parte di crespella tagliata a rettangolo, i ritagli servono per coprirla, per mantenere morbida la superficie




quattro fogli di crespella, ciascuno spalmato di besciamella, coperto da uno strato di foglie di cavolo rosso, che poi è diventato viola-bluastro, il ragù di salsiccia e parmigiano grattugiato.
ho coperto l'ultima farcitura con i ritagli di crespella...
Cuocere in forno ventilato a 180°C, per 20 minuti coperto anche con  foglio di ALU, scoprire e cuocere per altri 15 minuti!




Con l'avanzo di una crespella, tagliata in quattro, e un po' di besciamella e ragù di salsiccia ho pure fatto 4 ottimi cannelloni!




Il G. è sempre parecchio diffidente, poi si lecca i baffi e ha mangiato gli avanzi anche a cena!!!!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

mercoledì 28 settembre 2011

LILLI la TARTARUGA, in VISITA al GIARDINO di DANIELA!

Lilli è arrivata dentro al suo singolare trasportino provvisorio, una scatola trasparente da confezione per la  frutta..
In un primo momento è stata shockata alla vista dei micetti che si sono lanciati verso di lei, con curiosità ma anche con ripulsa!
Lei ha cercato la via di scampo, passando sotto al cancello e...fuggendo a più non posso lontano, sull'asfato!

LILLI che fugge


.Viene riportata in giardino, sembra tranquilla, si guarda attorno, distesa!


MICETTA si avvicina senza cattive intenzioni, anzi si diverte ad avvicinare il suo musetto alla testina di LILLI, che lei ritira prontamente indietro!


Lilli ha preso l'aire, zampetta faticosamente sul terriccio dell'aiuola, con avidità ficca il grugnetto dentro al terreno!


meglio toglierla e farle fare un bagnetto, nella vasca coi pesci e le ninfee


un riposino sull'isola 




Ora, tranquillamente ambientata, gironzola attorno e conversa con MICETTO2, che a sua volta la degna di attenzioni



La visita sta finendo...Micetto l'ha già salutata...lei è nella sua scatoletta trasparente, pronta per andare all'appartamento...la scampagnata se la ricorderà...speriamo fin dopo il letargo!!!




Storie di animali...che rasserenano la nostra mente!!!



Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

martedì 27 settembre 2011

PANE e SALSA di ZUCCA e il GRAPPOLO d' UVA NERA!

Lunedì è il giorno del pane e di altre cose, come le verdure da preparare: cavolo rosso e cavolfiore!

Ho pigiato un grande grappolo d'uva, in un colino di acciaio, con le mani!
Ho ottenuto 200  g  circa di succo, e mi è servito proprio per tre cose!
Ho dimenticato la settimana scorsa di trattenere la pasta di riporto per fare il pane, così oggi, per ripartire, ho iniziato con un cucchiaino di succo, un po' di farina e acqua fresca e ora la pallina morbida sta riposando in...lavastoviglei, per due giorni, spero di riavere il mio lievito!


il PANE BIANCO di pasta dura, con succo d'uva. una crosta croccante, una mollica fina, soffice e saporita!.
testo e foto ivanasetti


700  g  farina 0
60    g  succo d'uva fresco
30    g  olio evo
2      cucchiaini sale fino
5      g  lievito secco yeast lidl
una tazzina di olio e acqua per spennellare le rosette






Ho impastato nel robot, quindi a mano, messo a lievitare come il solito in lavastoviglie.per un'ora e tre quarti, quindi ho confezionato tortiglioni e rosette nostrane.
Altra ora di lievitazione.
Cottura a forno ventilato a 190°C per 25 minuti quindi ho abbassato a 165 per altri 15 minuti circa!







Nel frattempo ho preparato una salsa:
450  g  zucca gialla a pezzetti
150  g  cipolla tritata
150  g  succo d'uva
70    g  aceto di mele
30    g zucchero
un mezzo cucchiaino di sale, 1  cucchiaio di senape medio-forte, pepe, cannella, zenzero
Ho cotto, coperto, per circa un'ora e un quarto, a fiamma minima, finché non era assorbito!
Ho passato nel passaverdure, invasato a caldo e capovolto su un telo!



inizio lievito naturale nonna ivana



 Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


domenica 25 settembre 2011

ZIA IRMA 91 ANNI al LAGO AZZURRO / CREVALCORE!!!

Due settimane fa zia Irma ha sollevato la cornetta del telefono, ha fatto il numero del ristorante al Lago Azzurro, ha parlato con la Signora, ha combinato il menu per la domenica 25, per una ventina di persone...noi nipoti, vicini e lontani, alcuni amici, un vicino nel condominio...e ecco che la festa per il suo 91esimo compleanno è assicurata!
Così oggi ci siamo trovati prima a casa sua, poi tutto il gruppo si è recato ai laghetti!!!
Una bellissima giornata di fine settembre, calda, luminosa, gioiosa!




Ci si va volentieri, soprattutto nella bella stagione, perché, terminato il pranzo, con rilassato passo si percorre il periplo dei tre laghetti, ciarlando a bassa voce per non disturbare i pescatori nella loro paziente attesa che le carpe abbocchino, poverine, o pesci gatti dai baffi viscidi e il corpo verdastro scuro!




Sono sempre molto gentili, malgrado la giornata pesante, con il pieno per le Cresime di queste domeniche, per le feste di gruppi sportivi ecc.
Il tavolo è bello lungo...




 Un piccolo antipasto,




Tortelloni ricotta, e lasagne...zia Irma è sempre sul tradizionale,






l'arrosto pure tradizionale di vitello, morbido e cremoso, con molti contorni e patate arrosto





e la torta, sempre con frutta, pan di spagna e panna...una delizia, per zia Irma, che la preferisce a tutte le altre...naturalmente era ottima anche per noi...non è mancato il must, il nostro Lambrusco  e il frizzante Pignoletto!




Caffè e il  limoncello...come commiato....e zia Irma con grande nonchalance ha pagato il conto!
Alle quattro del pomeriggio eravamo ancora tranquillamente a nostro agio sotto la veranda a chiacchierare, a salutare coloro che partivano per altrove...a riprometterci di in contrarci di nuovo!

BUON COMPLEANNO, ZIA IRMA...e tantissime grazie!!!


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


sabato 24 settembre 2011

CAMPAGNA a SETTEMBRE, DOLCE E RICCA

Settembre e la vendemmia!
Tutti pronti in un pomeriggio caldo ma non afoso, il cielo è di un azzurro alto sulle nostre teste!
Peregrine nubi leggere incorniciano l'orizzonte



I filari delle piantate sono lunghi, i grappoli dell'uva del Lambrusco sono di un bel blu cupo...da un paio di giorni sono comparsi gli storni, micidiali per la loro voracità, che in poche ore attaccano la vigna ldevastando i grappoli.
Alcuni anni fa tutti i vigneti subirono una tartassata che ridusse al minimo la produzione di vino, e le assicurazioni ebbero molto da sborsare!



 Lambrusco Salamino, Goccia d'Oro,



Qui sopra i grappoli già attaccati dagli storni, gli acini scomparsi, il graspo maltrattato...bisogna fare presto, per non perdere buona parte della vendemmia!





Trasparenze dorate dell'Albana, Trebbiano e Montuni






Dalla massa di letame arriva un carro trainato dal trattore, da spandere sui campi da arare, per preparare, dopo l'aratura il terreno per la semina del frumento ad ottobre...per il pane!




Una piccola compagnia cittadina alle prese con questa avventura!
L'ombra è della sottoscritta!



Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.