giovedì 31 maggio 2012

BOCCONCINI di MAIALE in AGRODOLCE con MACEDONIA di VERDURE

Sotto i piedi senti sempre ondeggiare, come se una bestia immane si scrollasse qualcosa d'addosso, ora lieve ora brusca e cattiva!
Lavorando, intenta a qualcosa che ti piace, non percepisci più questo dondolio e ti immergi nel compito che ti impegna!
Il G. aveva acquistato un bel trancio di polpa di maiale per arrosto, io invece ne ho subito tagliato delle fettine che ho cotto alla piastra, in modo svelto, data la situazione; ieri, invece, ospite zia Irma, ho voluto trattenere un po' di polpa per fare una piccola prova, xia Irma apprezza sempre le mie novità, come dice lei, che non mangia altrovre!
Con pochi ingredienti, che trovo sempre da me ecco un piatto gradevole
Pranzetto sul prato, sotto l'ombrellone, non per vacanza, ma per emergenza terremoto

Testo e immagini di ivanasetti


200  g  di polpa di maiale per arrosto, tagliati a tocchetti come olive grosse
una cipolletta
un gambo di sedano
mezza mela golden a tocchetti
succo limone e un po' di scorza grattugiata
olio, sale pepe, farina


tritare cipolla e sedano e farli appassire dolcemente in un pesante tegame di acciaio con l'olio, aggiungere i bocconcini infarinati





lasciare rosolare, sempre a fuoco basso, perché nell'acciaio non occorre alta temperatura.
Aggiungere la mela, e insaporire con gocce di limone, mescolare bene, versare un po' di acqua calda, chiudere con coperchio e lasciare cuocere per mezz'ora circa.


Preparare in anticipo la macedonia


un cespo di cicoria belga
un gambo di sedano bianco
mezzo cetriolo
una grossa carota
una mela golden media
succo di mezzo limone
olio sale 
Tritare la cicoria, il sedano e la mela e il cetriolo, grattugiare a julienne la carota, mettere il tutto in una terrinetta, irrorare subito con limone, quindi condire con sale e olio.
Lasciare coperto con pellicola, al fresco....
io mi sorbisco pure il sughino che emette!

Ho accompagnato anche con zucchine, olio e salamoia bolognese  cotte al Microonde


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

mercoledì 30 maggio 2012

30 maggio 2012 CREVALCORE: TERREMOTO COMUNICAZIONI




La situazione è sotto controllo, l'emergenza viene gestita da parte dell'Amministrazione con grande impegno, con l'aiuto specifico dei Corpi di Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Carabinieri, Esercito e la Sanità, e Volontari!

Dalla Newsletter del Comune: uffici dislocati alla BIBBLIOTECA COMUNALE

sito comune

Raccolta fondi

Viste le numerose richieste di enti, associazioni e privati cittadini che desiderano dare un contributo finalizzato all’emergenza terremoto nel territorio del comune di Crevalcore, si informa che è disponibile un conto corrente, già attivo, su cui è possibile versare il contributo.

Il codice IBAN da utilizzare è

IT88P0638502437100000300276

Intestato a COMUNE DI CREVALCORE

Causale: Fondi per la ricostruzioni del patrimonio pubblico

Nel ringraziare tutti coloro che vorrano contribuire alla ricostruzione, si precisa che ad ogni contributo verrà data tracciabilità e trasparenza in modo tale che sia possibile sapere esattamente in che modo e per quali opere sarà investito.

Per informazioni: centralino del Comune, tel. 051 988311.





Emergenza terremoto: richiesta alloggi

"Vista l'emergenza terremoto, che ha provocato l'inagibilità di diversi appartamenti e case private, faccio appello a tutti i proprietari di appartamenti sfitti affinché possono essere messi a disposizione per il tempo necessario alla messa in pristino degli alloggi dichiarati inagibili.

Questa comunità ha sempre saputo reagire e rispondere in maniera rapida tutte le volte che é stata chiamata a farlo. Sono certo che anche questa volta saremo capaci di dare un segnale forte a chi ci governa, ma più in generale a tutti coloro che ci guardano, di come si deve rimboccarsi le maniche, e mentre si chiedono i giusti aiuti economici da un lato, metterci tutti al servizio del bene comune dall'altro".*

Chiunque intenda mettere a disposizione una unità abitativa può rivolgersi direttamente all'Ufficio Casa (tel 051 988442; e-mail ghermandi@comune.crevalcore.bo.it).

"Stiamo studiando la possibilità di sgravi fiscali ed economici per chi metterà a disposizione gli alloggi

Il mio grazie è per il momento la sola cosa che possiamo assicurare, ma scoprirete sicuramente che un gesto come questo vi farà sentire persone migliori, cioé un qualcosa che non ha prezzo perchè è un valore inestimabile e prezioso".*

*Claudio Broglia, Sindaco di Crevalcore

Centralino: 051988311



In vigore i precedenti comunicati per SCUOLE, CIMITERI,  chiusura fino a nuova comunicazione

UTENZE 

Sorgea: posticipazione pagamento bolletta

Sorgea

Tutte le famiglie che hanno avuto la certificazione di inagibilità della propria abitazione (da parte della Protezione Civile o dei Vigili del Fuoco), potranno usufruire della posticipazione del pagamento delle bollette di luce, gas (SorgeaEnergia) e acqua (Sorgeaqua) per tre mesi.
 

Da parte mia:


Un ringraziamento  per tutti coloro che si prendono a cuore la nostra situazione, per l'assistenza, gli aiuti concreti e per l'appoggio morale e la vicinanza!


UN ABBRACCIO a VOI TUTTI, AMICI VICINI E LONTANI!!!!



martedì 29 maggio 2012

CREVALCORE: la TERRA TREMA, ULTERIORE DRAMMA, DANNI, EVACUAZIONE

La situazione si è improvvisamente aggravata stamattina verso le nove con la scossa di 5.8 Mag Richter, un fuggi fuggi, ululati di sirene, di  cani, traffico convulso da e verso gli abitati, scuole a rischio di crolli, bambini nei parchi e nei cortili
 Chiese.  palazzi, porte cittadine, tutto transennato e solo custodito da vigili e protezione
Crepe, calcinacci,  e tanto caos e disperazione!
Siamo quasi esclusivamente fuori, i muri tremano, i pavimenti sembrano sollevarsi!
Le scosse si succedono,  implacabili, anche nel prato senti la terra come un'onda che ti accompagna, infida, sotto i piedi!
Le attività di nuovo bloccate, ascoltiamo la radiolina, e le cronache dalle varie zone sono tragiche!


Un grazie a tutti coloro che ci pensano!

Un abbraccio



MEZZE MANICHE RIGATE con BROCCOLO e PROSCIUTTO e il PANE



La natura ci ospita nella sua casa, ci dimostra la sua dolcezza infinita...in un piccolo fiore, nel profumo intenso dalle siepi, nel cielo azzurro profondo, e la mente sembra dimenticare in un attimo l'aspetto brutale della sua potenza, nelle scosse che portano morte, sconvolgono la vita delle persone, distruggono le opere dell'uomo.
Ricominceremo!

Testo e immagini di ivanasetti
con la pioggia di lacrime!
I fiorellini che si aprono ogni mattino ai raggi del sole


Il ligustro profumato e la sua ape che succhia senza spaventarsi

Pure in cucina la mente si distrae, si industria a combinare semplici ingredienti e sapori per rendere il pasto gradevole

MEZZE MANICHE RIGATE e quello che c'è in frigo: un broccolo lessato dal giorno prima, quindi asciutto, un trancio di prosciutto

Trito un ritaglio di grasso  di prosciutto, che metto in padella con un po' d'olio, una mezza ipolla tritata, uno spicchio d'aglio pure tritato

lascio appassire dolcemente, quindi metto il broccolo a ciuffetti, gocce di limone, sale e pepe e lascio insaporire per alcuni minuti; soltanto quando la pasta è cotta al dente, metto il prosciutto, mescolo bene, verso la pasta e mescolo bene per un minuto!


 Molto saporita e anche bella da vedere!

 PANE CROSTINO all'OLIO
ne ho fatto un kg e mezzo!

Ho scritto questo post con le scosse del terremoto che facevano dondolare il pavimento, sarà verso i 3° Richter...una onda che sale nelle membra...ma ormai ci si fa l'abitudine!
 Ma penso alle zone più colpite,  agli sfollati, meno fortunati di me!


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.




domenica 27 maggio 2012

CREVALCORE, VILLA RONCHI ...DOPO il TERREMOTO!


Dalla lontanaza in una serena giornata novembrina, come appariva ai Signori della tenuta che comprendeva anche queste terre e questo castello


da Enrico L, che ringrazio, che la scattò per me, avendogliela richiesta allora


e la solare immagine di Fabio Bigiani,nostro pittore concittadino
 
 Testo e foto di ivanasetti

 La tortuosa strada comunale verso Castello dei Ronchi nasconde ancora alla vista la linea della Magione Gentilizia Cinquecentesca, che conosciamo così bene...io ci ho persino fatto due piccole mostre a tema, la canapa e gli usi rurali anni negli Cinquanta "Apriamo il Baule della Nonna..." nel 2005,  e qualcosa di cucina, in senso lato "Anche la frittella aveva l'Anima..." nel 2006, naturalmente con grande incoscienza e poca scienza...ma tant'è, gli anni Cinquanta o giù di lì mi hanno sempre affascinato, anche perché appartengo alla prima metà del Novecento...purtroppo!
Parlo per alleggerire l'impatto:



 Il cancello sbarrato, una grossa catena serra i battenti


Sembra deserto ...poi scorgo Mauro, gli faccio un cenno e lui mi viene a sciogliere la catena, ha le lacrime agli occhi...
i SEMPAR in BARACA

Nel dovuto modo di cautela e sicurezza mi lascia fare il giro della villa e fotografare...la luce del pomeriggio sereno, estremamente azzurro, sembra voler calmare la mia tensione e il mio dolore...le piante antiche del parco, il gelso con le sue more che stanno maturando,...ma non gli uccelli, un silenzio desolato...macerie sull'erba, crepe nella parete sud, tetto scoppiato a nord ovest, torretta incrinata...e tutto l'interno sconquassato...le parole di Mauro, nel raccontare quelle ore sono spezzate...ma la vita deve continuare...come dice loro il nostro Sindaco Broglia: "Non abbandonatelo ora!!!" 
I controlli si ripetono, i ragazzi delle protezione civile, dei vigili del fuoco sono sempre comprensivi, incoraggianti, ma seri e esperti...




 il gelso con i frutti che stanno maturando





La struttura porticata alla destra della villa è semidiroccata,

mentre il porticato alla sinistra della villa è lesionato nelle travi e i pilastri sono precari, le parti d'uso, cantine e magazzini hanno subito meno danni, quando ci si aspettava che fossero quelle parti le più esposte al rischio crollo...qualche amarezza e dubbio sorge sui restauri effettuati, quando si acquisì la struttura e si recuperò il possibile dopo il decennale abbandono, e gli usi impropri che se ne fecero nel dopoguerra.




e la mia mente, richiudendo il cancello con l'enorme catena va alla dolcezza delle immagini che ho inserito in testa!

Nel blog sotto Villa Ronchi troverete le immagini del PRIMA

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.







venerdì 25 maggio 2012

2012 S.AGATA bO: FIERA di MAGGIO e la PARTECIPANZA AGRARIA

Sono sempre attirata da sagre, fiere, manifestazioni che in genere si svolgono in paesi e cittadine delle nostre provincie!
la FIERA di MAGGIO è stata aperta il 24 maggio, e durerà fino a domenica 27!
E' la 31. edizione, e noi ci siamo andati quasi sempre: è sempre un immergersi in una magica atmosfera, dal profumo della tradizione gastronomico e agroalimentare che si diffonde dagli stand ortofrutticoli e dalle bancarelle di prodotti tipici del territorio, e una gradevole esperienza di eventi sempre interessanti, di cultura, musica, esposizioni.
Un incontrare gente, mestieri, passioni...un rivedere nel ricordo del passato le origini della nostra gente, e nelle esposizioni tecnico-meccaniche il presente e il futuro!

S. Agata si presta benissimo a questo avvenimento, per la disposizione urbanistica del centro storico, nelle piazzette interne, nel perimetro della circonvallazione usufruibile nei suoi viali, nei parchi, negli spazi fuori mura,e nelle strutture espositive del Palazzo della Partecipanza, nella sala Nilla Pizzi, nei giardini del Comune, e in tanti angoli da scoprire!
Ci vuole questo evento che ci risollevi dalla tristezza, che ci dia un po' di speranza nel futuro, nella capacità di riprendere in mano la situazione, di dimostrare la genialità, la perseveranza nel lavoro, la versatilità delle forme di vita che possiamo produrre!


S. Agata deve avere questa motivazione in più per aprire alla gente un momento di serenità, di riflessione sulle possibilità di recupero, anche dopo batoste così pesanti!

Punto nevralgico della cittadina: Il Palazzo del Comune a destra, sfilato, Porta Otesia, l'Oratorio Cinquecentesco addossato alla Torre dell'Orologio, e a sinisttra il bel Palazzo della Partecipanza


Ho parlato spessodella Partecipanza, ma soprattutto di quella di Nonantola, ma pur conoscendo bene S.Agata Bolognese nella sua struttura urbana, non mi ero ancora soffermata in particolare.

L'altra sera ho fatto una scappata, nel secondo giorno d'apertura della Fiera 2012, e sono rimasta incantata: soprattutto anche fortuna di trovare all'interno, nella bellissima e restaurata
Sala delle Colonne o sala delle Famiglie Partecipanti

PARTECIPANZA S.AGATA BO





Un soffitto decorato con gli stemmi delle Famiglie dei Partecipanti.
Qui sono raccoltI i quadri di proprietà della Partecipanza Agraria di S. Agata Bolognese, aquisiti nei secoli, alcuni di pregio artistico elevato.
Alcune immagini, prese di fretta, ma in un pieghevole a disposizione si possono avere informazioni e immagini dei quadri più importanti, con didascalie!



Sono pure conservati codici antichi ritrovati quasi casualmente, essendo incorporati nelle rilegature dei libri mministrativi della Partecipanza. E' davvero interessante poterli vedere , e sentire le esperte informazioni del dott Pizzi, Vicepresidente della Partecipanza Agraria.

Mi prefiggo di andare con calma!

Il FONTANONE


Auguro alla fiera il meritato successo di pubblico, come lo è sempre stato!


programma 2012 dal Comune


fiera 2011
fiera 2011 ancora

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


CROSTATA con CONFETTURA CILIEGIE

e la base era una simil-frolla, che ho strologato ultimamente, con meno burro, ma con yogurt...


Foto e testo di ivanasetti

Questi ultimi giorni sono stati pesanti per un immobilismo che ci ha bloccati nelle nostre attività quotidiane, poi qualche guizzo di volontà ha sortito l'effetto giusto, cioè la mia prima giornata con un certo piacere di cucinare, strologare davanti alle cose che mi trovo davanti...
Bruno Helfenberger, svizzero, mio primo cugino, mi aveva portato dei vasetti di confetture e gelatine che aveva preparato lui stesso...mi era rimasto il vasetto con la confettura di ciliege, a colazione ne avevo assaggiato un po' sopra la fetta biscottata, e tutto il giorno mi frullava in testa:
"Ci devo fare la crostata...ce la devo fare!"
E ce l'ho fatta

250  g  farina 00, con un pizzico di bicarbonato, e gocce di limone con anche la scorza.
3 cucchiai di zucchero
75    g  burro ammorbidito
1      uovo
75    g  yogurt bianco yomo

300  g confettura fatta in casa di amarene

Mescolare gli ingredienti secchi, agg. il burro e l'uovo, impastare velocemente, fare la palla e fare riposare al fresco per 20 minuti.
Preparare la teglia con carta da forno, tirare un disco più grande del fondo, per avere un breve orlo da ripiegare, di 4-6 mm di spessore.
Cospargervi la confettura, fare una grossolana grata, consistente, per non fare asciugare troppo la confettura, cuocendo!



Spolverare con zucchero semolato la grata.



Cottura 30 minuti a 170°C ventilato, ma la prossima volta faccio 160°C


E' davvero deliziosa, penso anche dipenda dall'ottima confettura, che non conteneva troppi zuccheri, ed è rimasta morbida e non si è squagliata come tutte le confetture industriali che contengono un mucchio di zuccheri!


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.





giovedì 24 maggio 2012

CREVALCORE: EMERGENZA TERREMOTO, ASSEMBLEA PUBBLICA!!!

Oggi, 24  maggio 2012,

ASSEMBLEA  PUBBLICA,
EMERGENZA TERREMOTO

che avrà luogo al TEATRO VERDI di Crevalcore

ore  20:45

Il Municipio non più agibile, per danni gravi alle strutture interne
Le scosse si susseguono, qualcuna abbastanza forte; nelle zone già colpite nel Modenese e Ferrarese si sono aggiunti nuovi disagi, soprattutto le strutture pubbliche e i monumenti storici ne hanno ulteriormente risentito.

Ci auguriamo che la situazione sismica si normalizzi e si possa riprendere coraggio per ricostruire!

Grazie agli amici vicini e lontani che ci sono tanto vicini!
Un abbraccio!