Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

CROSTATA DI RICOTTA, CIOCCOLATO, ARANCIA, CON FROLLA SPECIALE IVANA

Non sono molto ortodossa nell'eseguire ricette, anzi derogo e svio parecchio! La settimana scorsa avevo realizzato una crostata con questi stessi ingredienti, il risultato, più classico, mi aveva soddisfatto, tanto da volerla rifare...ma in corso d'opera ho fatto quelle improvvise variazioni...che poi riescono ancora meglio!!! Testo e immagini ivanasetti  In una ciotola mettere  180  g  farina 00, una punta di bicarbonato, un pizzichino di sale     60  g  zucchero e mescolare con le fruste elettriche e aggiungere 80  g di burro morbido (30 " nel MW con Jet Start), e sbriciolare nella farina   1  tuorlo con poco albume e sempre mescolando impastare con   1/2 arancia il succo. Si ottiene una massa morbida che si mette su carta da forno  e si spalma  con un cucchiaio bagnato e sopra si cosparge con 3  frollini pestati e 50 g di fondente tritata Per la crema di ricotta 2  uova intere da sbattere con la frusta con 60  g di zucchero e 1    cucchiaio raso di

INVOLTINI DI VERZA FARCITI CON MORTADELLA, FORMAGGIO E UOVO

Sono molto legata alle verdure di stagione, che preparo  spesso nella settimana. La verza è abbastanza versatile, questa settimana da una palla di verza ho cucinato una parte come contorno, col mio metodo a cupola, pochissima acqua, solo con sale olio e pepe, si cuoce più velocemente che in umido, e poi posso usarla come un contorno delicato ma saporito, soprattutto se aggiungo aceto o limone! Oggi ho invece fatto in padella una base di cipolla e pancetta coppata, con alcuni cucchiai di pomodoro e un po'd'acqua, poi aggiunta la verza a julienne salata e pepata e cotta incoperchiata, a cupola, come il solito! Gli involtini sono molto graditi, la settimana scorsa utilizzai  un filetto di cernia cotto al forno, mescolata a pane, formaggio, uovo e spezie, ed erano ottimi, oggi invece con la mia solita mortadella! Testo e mmagini di ivanasetti Quando la verza è ancora intera, togliere le foglie più esterne, che possono servire a striscioline in un minestrone. separare poi