Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

GIORNO DELLA MEMORIA 2014....TRECCIA MORBIDA E PETTO DI POLLO ALL'ACETO E CON OLIVE

Il Giorno della Memoria è trascorso con immagini, racconti e tanta commozione e dolore... un gesto umano è quello di coloro che anche nelle nostre città vedono i segni per ricordare... i cimiteri "morti" dove da decenni non si inumano più salme degli estinti, perché le comunità sono "svanite", svaniti quelli che vivevano accanto ai nostri nonni, che avevano un'attività, o una professione, o semplicemente dei bambini che giocavano nei cortili, o mamme che facevano la spesa... tutto svanito... dove sono svaniti lo sappiamo, ma succede di dimenticare... Grazie Mauro per la fotografia della visita al Cimitero Ebraico di Finale E. Un morbido pane a treccia che che ho impastato per il pranzo di domenica che mi faceva ricordare la Hallah, il pane del Sabbah, che i coppia allietava  la tavola dopo il tramonto nelle famiglie ebree... 500  g  farina 1      bustina di lievito secco 1      cucchiaio succo limone 3      cucchiai olio evo 2      cucchiaini

UN GIOVEDI' CON SOLE, UN'ORETTA IN LIBERA USCITA...UN RISOTTO E L'INCONTRO CON LA CINA!!!

Un'aiuola che ingentilisce il bordo del porticato del nostro Centro Commerciale ha attirato il mio sguardo, una ardita rosa gialla allungava il suo stelo verso il portico, forse attirata dalla temperatura più dolce che le permette di sbocciare e fiorire a gennaio  un paio di boccioli stavano protetti dall'alta erba, e accanto c'era un cespuglio spoglio ma vivido di rosse minuscole bacche  Testo e immagini di ivanasetti Mi sentivo pure io rifiorire nell'animo, e con leggerezza, senza pensarci due volte ho spinto sulla porta a vetri del negozio di parrucchiera...avevo i capelli molto lunghi e bisognosi di una radicale aggiustata...non faccio in tempo a mettere a fuoco e vedere come sia l'ambiente, che un sorridente ragazzo mi fa accomodare subito sulla poltroncina per il lavaggio dei capelli e con destrezza ma anche delicatezza mi saggia la temperatura dell'acqua, mi applica lo shampoo e massaggia la mia testa. mi asciuga e mi indirizza subito all&#

2014 IL GIORNO DELLA MEMORIA, INCONTRI E VISITE

Condivido con piacere le iniziative che aiutano a non dimenticare i periodi bui che l'umanità ha vissuto...dalle testimonianze di luminosi esempi di coraggioso  e incondizionato aiuto ai perseguitati di allora, ai giovani di oggi e a tutti noi è data la possibilità di continuare a credere e sperare A Casumaro Maria Pia Balboni, storica di Finale Emilia, presenterà il suo libro  " BISOGNAVA FARLO, Il salvataggio degli Ebrei internati a Finale E." Venerdì, 24 gennaio 2014, ore 21 presso la Biblioteca Ileana Ardizzoni di Casumaro Altro momento per ricordare sarà la visita delle scolaresche che aderiscono, al Cimitero Ebraico di Finale Emilia  lunedì 27 gennaio 2014 il Liceo Scientifico Morandi e il Gruppo Culturale R6JG organizzano visite guidate,  anche cittadini interessati possono presentarsi alle 11:00, e saranno accompagnati nella visita alle tombe delle Famiglie Ebraiche finalesi, con la loro storia. I quattro studenti del Liceo , che faranno da g

FIUMI INFURIATI CHE RIGURGITANO LIMACCIOSE ACQUE SU CAMPI, COLTIVI...E VIOLANO FRAZIONI, RIONI, PIAZZE

... Le nostre terre allagate... paesi che conosciamo bene invasi dalle acque limacciose che violano case, negozi, chiese, cimiteri, aziende, che rapiscono alla loro quotidianità bambini, anziani, operai, impiegati, contadini, uomini e animali, che asfissiano campi e coltivi...questa visione in mmagini su televisori e monitor di computer è per me un motivo di smarrimento, di angoscia...e così tralascio la mia abitudine di condividere piccoli piaceri della cucina, della natura, delle aurore o dei tramonti...che per il momento sono offuscati da un plumbeo grigio che porta questo sconvolgimento nel territorio... Nella mia mente, e nello stesso tempo nelle cartelle delle immagini archiviate negli anni, ho ricordi di gite, visite, passeggiate fatte in momenti sereni, spinta sempre dalla curiosità e dal desiderio di conoscere luoghi della mia regione, per riapprezzarne, nella mia età già avanzata, quello che da giovani non si aveva il desiderio di conoscere, avendo altri obbiett

SMERIGLIO MAKO, L'ETICHETTA...POI SPAGHETTI AL RAGU' DI SMERIGLIO, E SMERIGLIO IN UMIDO

Il G. fa i suoi giretti e la spesa la vuole ancora fare, ma non sempre è attento alle mie raccomandazioni! "Oggi voglio cucinare il palombo, ricordi? La vigilia dil Natale l'avevo preparato per la cena ed era piaciuto molto, oggi lo rifacciamo!" Non è palombo, vedo subito che ha un colore troppo intenso e il taglio diverso, ma il G insiste, che ha richiesto palombo al banco della pescheria! Non trovo il sacchetto di plastica in cui era avvolto il pacchetto di due robusti fogli di carta bianca, sul sacchetto viene applicata la etichetta...andiamo a rovesciare il sacco della plastica da buttare...e lo trovo finalmente: Smeriglio Mako Decongelato...ma guarda un po'...il G. me l'aveva nascosto, per  non spiegarmi che palombo non ce n'era ??? Mi sono messa a ridere...mica è grave, lo cucinerò come avevo pensato! Testo e foto di ivanasetti SPAGHETTI ALLO SMERIGLIO   SMERIGLIO IN UMIDO. Erano circa 900 g, per questo ho pensato di fare il condimento

PICCOLE RICETTE QUOTIDIANE: ELICOIDALI CON BROCCOLO E MELA

Il primo è ancora un piatto essenziale, ma nelle nostre famiglie di origine contadina si è abbamdonato la tradizione del condimento con carne, come il ragù alla bolognese, o alla salsiccia, al tonno, alle regaglie di pollo...e, imparando da altre usanze interregionali, anche le verdure hanno un loro utilizzo sempre più frequente! Il broccolo ha un bel colore e un sapore particolare, lo uso spesso, in torte salate, o come contorno, e nel condimento per le paste di semola di grano duro. Stavolta ingentilisco il piatto con la mela golden, naturalmente all'insaputa del G., altrimenti brontola già ancora prima di mangiare, con la sua solita idiosincrasia verso le deroghe bizzarre che adotto io nei condimenti dei primi! In queste settimane utilizzo, come contentino al gusto del G., un po' di pancetta coppata, un bel trancio ricevuto nel  cesto strenna di Natale, e trovo che  è stata un'idea vincente, perché dona lla pasta quell'aspetto lucido, che caratterizza la past