Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2012

CREVALCORE: CORAGGIOSE RAGAZZE NELLE CASETTE-NEGOZIO...CLARA!!!

Le casette sono sette, un gruppo di tre, indi uno spazio con il container per i servizi, un altro gruppo di quattro casette. Hanno chiamato questo angolo "Happy Centro", proprio per sottolineare la scelta entusiasta per questa realtà nuova che le ragazze hanno voluto fare per riappropriarsi della loro attività! L'inaugurazione del 22 settembre,  ha ufficializzato questa possibilità, ed ora si va avanti con la volontà di dimenticare la batosta subita. In settimana, passata l'euforia e l'affollamento, a piedi mi sono fatta un giro con la mia macchinetta, desiderosa di avere un approccio, quando possibile, con ciascuna di loro! La prima casetta delle quattro, oltre la curva della strada, è occupata dallo Studio di un Ingegnere, unica presenza maschile del gruppo...non mi fermo... Ecco il negozio di CLARA... il negozio nel centro storico è inagibile, non si sa fino a quando, per i lavori che dovranno essere fatti al palazzo; lei ha aderito all'iniziativa priv

CROSTATA CIPOLLE, PATATE, PANCETTA, per gli AMICI

La mia solita crostata di cipolle, con l'aggiunta di patata, che ha reso più composita la farcia dopo la cottura! Mi viene richiesta spesso da figli e nipoti, quando hanno cene con amici, e io la preparo volentieri! Per sabato devo prepararne per dieci ospiti!  La presente era una crostata enorme con altra più piccola, portata al pranzo con i vicini, per più di trenta persone, come apripasto, non avendo minestre o paste asciutte come primo! Testo e immagini di ivanasetti Ho calcolato un terzo del peso degli ingredienti, da riportare qui per una tortiera di cm 26 di diametro   500  g  cipolle dorate tritate 130  g  patate tritate olio, sale e pepe, origano 3  uova grandi 1  cucchiaio colmo di farina 50  g circa latte 30  g  parmigiano reggiano grattugiato 80  g  pancetta bolognese a fette, poi tritata noce moscata alla fine Appassire in padella antiaderente con olio extra vergine d'oliva le cipolle per una decina di minuti scoperto; aggiu

CREVALCORE: L' ENOTECA PAPI HA RIAPERTO

E' martedì, è giorno di mercato, il Corso Matteotti è quasi deserto, gli stand e le bancarelle sono altrove...ma io non posso rinunciare alla visita nella "piazza", a rendermi conto delle attività commerciali che lentamente ingranano, per ridare vita al Centro Storico! Non frequento la "piazza" di sera, quando la gente esce per trovare svago, incontri, amici...prima del sisma i locali si animavano di clienti affezionati, le ore serali, ma anche fino a tardi, erano gioiose, piene di brio, di risate, e l'Enoteca Papi era un punto di riferimento per l'aperitivo, la cena veloce con buffet, zuppe e minestre, o saporite crescenti, stuzzichini freschi...e ottimo vino, ma anche birra!!! La Enoteca Papi è stata riaperta venerdì 21 settembre scorso!  Alfredo è sempre gentile e disponibile, l'ambiente è di nuovo accogliente, severo ed elegante, ricco di dettagli;  grandi vini, esposti negli alti scaffali a parete, rivelano esperienza e conoscenza acquisita

CREVALCORE: FESTA DEL VICINATO, PER STARE INSIEME

Anche quest'anno abbiamo festeggiato il buon vicinato con un pranzo molto abbondante, come il solito...ma niente va perduto o buttato, le nostre dog bags sono varie e ricche, soprattutto di sapori diversi, secondo i gusti delle nostre famiglie! Rita e Marco sono i padroni di casa che allestiscono nella loro veranda aperta, immersi nel verde del giardino delle nostre villette, i lunghi tavoli, dove con le rispettive sedie da giardino che portiamo ci sentiamo tutti a nostro agio, trascorrendo alcune ore in grande semplicità e armonia,  raccontando, a gruppetti, le vicende quotidiane, i problemi...abbiamo Oscar,  un simpatico dicitore di barzellette, freddure, storie anche del passato, che ci rende tutti leggeri e sorridenti. Testo e foto di ivanasetti Io avevo finito tardi in cucina a preparare le cose da portare con noi, così il G. ed io siamo arrivati da ultimi, il tavolo con i cibi pronti preparati dagli ospiti era strapieno di vassoi piatti da portata, ciotole carichi di