mercoledì 8 gennaio 2014

ZUCCA DELICA PER UN PRIMO STAGIONALE: ELICOIDALI GRAGNANO CON RADICCHIO ROSSO, ZUCCA E PANCETTA

Le festività natalizie mi hanno tenuta impegnata nel confezionare e preparare cibi tradizionali, come il Pane di Natale mio, le raviole, i sabadoni, e tantissimi tortellini ...cibi che ho messo anche nei pacchetti regalo, come è nostra abitudine campagnola!
E la comparsa stamattina di una zucca acquistata settimane fa, conservata in cantina, non ben in vista, mi ha riportato entusiasmo...ora ho qualcosa da strologare per presentare al G., volente o nolente, quelle mie fantasie improvvise, stimolate da  percorsi mentali  bizzarri e inaspettati...sempre però per piatti non eccelsi, sopraffini o stupefacenti, ma cose per tutti i giorni...con qualche variante e novità!!!
Eccola!
Il piatto in tavola, che il G. ha gustato, sempre esprimendo a priori:
"Sarà poi buona, 'sta pasta?"
Testo e immagini di ivanasetti
Ho pensato subito alla pancetta coppata, un trancio che è arrivato a Natale, che io utilizzo, parsimoniosamente, in condimenti per primi piatti...lo preferisco al prossciutto o allo speck, visto che da noi lo speck è prosciutto, mentre all'estero è pancetta stesa e affumicata, che io preferivo!

Per tre peersone:
180 g zucca, privata a crudo della buccia con un coltello, tagliata a dadini e precotta 3' nel   MW a potenza 700W. 
120  g  Radicchio rosso a palla rotonda, a strisce
40 g pancetta coppata tritata
1   gambo di sedano
1   spicchio aglio grosso
olio, sale e pepe
240  g Elicoidali Gragnano IGP


Mettere a scaldare nell'olio aglio, sedano e pancetta tritati, ma scaldarli soltanto
quindi aggiungere il radicchio, salare e pepare e chiudere con coperchi più piccolo da sigillare bene, così cuoce, a bassissima fiamma, stufandosi, per circa 10 minuti,
aprire e aggiungere i dadini precotti della zucca, non coprire, insaporire pochi secondi, mescolando delicatamente

nel frattempo si è lessata la pasta 14 minuti scarsi, scolata bene (l'umidità toglierebbe il sapore ben amalgamato del condimento, che deve avvolgerla, rendendola lucida per la parte grassa sciolta...il mio concetto di pasta asciutta è proprio questo sapore pieno degli ingredienti. 
Altra annotazione: come si evince da tutte le mie ricette, io aggiungo l'aglio tritato sempre a freddo con gli odori e le verdure per mantere il suo sapore piccante, che si amalgama meglio con gli altri ingredienti.
Anche il terzo commensale ha gradito!!!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

2 commenti:

Paul ha detto...

A very interesting dinner Ivana. I really enjoy prossciutto. Is there different ways to cook prossciutto?
After a very heavy snow, up to 10 inches of snow and heavy winds and a very dangerous temperature, a -30 degree F. tomorrow hopefully it will slowly begin to warm up to at least 0 degrees F.
On February 1st MaryLou & I go on our cruise on the same ship, the Carnival Breeze, the ship that Bee is on right right. We can't wait.
See you later my friend.

Paul

Fabipasticcio ha detto...

Un idea da copiare visto che è la stagione delle zucche e del trevisano tardivo. Buona giornata Ivana e a rileggerci presto tra ricette, pensieri e sorrisi :-D