Passa ai contenuti principali

SOTTO I PONTI E PER CANALI DI M.P. BALBONI PRESENTAZIONI A MODENA E A MASSA FINALESE

Ricevo da M.P Balboni!
Per coloro che amano FINALE EMILIA e la sua storia, ecco due importanti occasioni per conoscere la recente opera pubblicata di M.P. BALBONI, storica di Finale E:



SOTTO I PONTI E PER CANALI,

viaggio nella storia del Finale e del suo territorio
attraverso mappe, piante e disegni, schizzi e foto

 Le mie foto di prima del terremoto di maggio 2012




Mercoledì 20 maggio alle ore 16.00 presso l’Accademia Nazionale delle Scienze, Lettere ed Arti di Modena (Corso Vittorio Emanuele 59), presentato dalla dottoressa Euride Fregni (già direttrice dell’Archivio di Stato di Modena) ;
 
Domenica 24 maggio, sarà presentato alle ore 17.30 dall’architetto Gherardo Braida presso la Villa Casino del Vescovo di Massa Finalese (Via per Modena Ovest 
37). 


L’ingresso è libero per ambedue le presentazioni.


Interessante l'annotazione dell' ALMA FINALIS sui luoghi di presentazione del libro:
"SOTTO I PONTI E PER CANALI: PRESENTAZIONI A MODENA E MASSA FINALESE IN SEDI PRESTIGIOSE

Sono due sedi di eccezione quelle in cui a prossimamente sarà presentato un album, di recente pubblicazione, assai ammirato da coloro che già ne sono entrati in possesso. L’album è Sotto i ponti e per canali di Maria Pia Balboni, edito dall’Associazione Culturale ALMA FINALIS e pubblicato da Baraldini. Come precisa il sottotitolo, l’autrice - con l’ausilio di “mappe, piante, disegni, schizzi e foto” - accompagna i lettori in un viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta del volto antico del Finale e del suo territorio, solcato in passato da un reticolo di canali e punteggiato qua e là da numerose torri, chiesette, palazzi nobiliari e cascine.
Le sedi in cui il volume sarà presentato a maggio sono dei gioielli architettonici, ma anche degli scrigni di memoria: una è l’Accademia Nazionale di Scienze, Lettere ed Arti di Modena, l’altra è la Villa Casino del Vescovo di Massa Finalese. La prima, situata nel prestigioso Palazzo Coccapani d’Aragona, è la prosecuzione di quell’Accademia dei Dissonanti (nata nel 1683) che ebbe tra i suoi soci anche lo storico finalese Cesare Frassoni, considerato da Maria Pia Balboni come suo mentore; la seconda è un delizioso casino costruito nel 1547 all’epoca in cui era vescovo di Modena il cardinale Giovanni Morone. Splendidamente restaurato in epoca recente - dopo che fu acquistato dalla famiglia Veronesi -, il casino esibisce oggi numerosi affreschi del ‘500 recuperati al di sotto di uno spesso strato di intonaco, soffitti lignei di grande pregio e alcuni camini settecenteschi; le preziosità al suo interno, unitamente ai giardini retrostanti, ne fanno la cornice ideale per feste, banchetti e varie manifestazioni.


https://www.facebook.com/pages/Alma-Finalis/464160760376604?ref=ts&fref=ts

http://www.accademiasla-mo.it/attivita.php?attivita=135

Commenti

Post popolari in questo blog

FEGATO di CINGHIALE....à la nonna ivana

Espressamente per Miss BEE and Paul from Canada!!
Per farglielo apprezzare e gustare!




Circa 200 g fegato fresco di cinghiale (caccia)


1 cipolla dorata circa 150 g,
5 pomodorini dell'orto ( ancora di questa stagione...tardivi, quindi non sono molto rossi!)
sale e pepe nero macinato fresco
olio extra vergine d'oliva

Due padelle antiaderenti

Rosolare in due cucchiai di olio, dolcemente, la cipolla tritata, aggiungere i pomodorini a fettine e cuocere una decina di minuti



Intanto mettere 3-4 cucchiai di olio nella seconda padella, scaldare bene, cuocere velocemente voltando un paio di volte le fette di fegato asciugate bene.
Salare e pepare solo alla fine, servire subito, e rifinire con la salsetta!



PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce!
Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri.
Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più!
Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!
 Stavolta invece ecco come ho fatto!

Testo e immagini di ivanasetti




6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati
1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri
1/2  limone, succo
2  cucchiaini di prezzemolo secco
2  cucchiaini di salamoia bolognese
2+2  cucchiai di olio e.v.
2       cucchiai di pangrattato bianco secco


Ve…

ZUCCHINA TROMBETTA...a COTOLETTA e FANTASIE di nonna ivana

La trombetta qui da noi è una stravaganza, che qualche famiglia mette nel suo orto, proprio per sfizio, poi al momento della raccolta, non sanno più che farsene, per questo le distribuiscono a destra e a manca!
A me succede che le ricevo da qualcuno, che a sua volta le ha ricevute...si fa il passa mano!
Io sono ben contenta, le ho cominciate ad apprezzare da alcuni anni, ne ho fatto alcune ricette, un po' diverse da quelle che uso per le zucchine verdi o quelle chiare, come faccio per quelle tonde, anch'esse non proprio frequenti sulle nostre tavole.
Vado qualche volta negli orti dei pensionati, proprio qua vicino, per ammirare le zucchine lunghe e sinuose, dal corpo bello sottile dal picciolo, che poi si allargano a fiaschetta all'altro estremo!


Esistono dei piatti particolari che nella loro semplicità tradizionale ti danno sensazioni di conforto, appagamento...purtroppo sono spesso dei cibi pesantucci..ma qualche volta possiamo lasciarci andare...anzi, il piacere di gustare…