Passa ai contenuti principali

TORTELLONI DI RICOTTA,CON RADICCHIO, PESTO E MORTADELLA, I MIEI PRIMI CASARECCI

Il mio blog languiva sempre più, anzi stava diventando un deserto, silenzioso , lontano!
Eppure  i cambiamenti esistenziali non hanno, per fortuna, assopito il mio piacere di stare in cucina, anche se più handicappata nei movimenti, alla vista, alla memoria:  cerco di stare attenta, di non voler strafare, ma basarmi sulle cose semplici, economiche e in un certo senso sostanziose, sta in noi regolarsi nella quantità del cibo.

Testo e ricette di ivanasetti
Preparare la sera prima il ripieno, nel riposo al fresco l'amalgama degli ingredienti si compatta e accresce il sapore del ripieno:
500  g ricotta fresca vaccina
230  g parmigiano reggiano e
  30  g pane raffermo bianco grattugiato assieme 
    2  cucchiai di prezzemolo tritatissimo.
    1  uovo
sale, noce moscata e pepe.
Mescolare bene in una ciotola, prima le uova , il prezzemolo e sale e spezie  
poi aggiungere la ricotta e schiacciare bene quindi mescolarvi formaggio e pane!
Fare un bel mucchietto e, coperto bene, fare riposare in frigo.
 
Il giorno dopo impastare la sfoglia all'uovo per confezionare i tortelloni
 
420  g farina 0
  80  g farina rimacinata di grano duro
    5   uova fresche

Io utilizzo il robot, aggiungendo un uovo alla volta, anche la pasta deve riposare anche più ore, così è più agevole tirare le sfoglie con la macchinetta

Tagliare le strisce larghe come il rullo della macchina per pasta, di cm 15, per cui si ritagliano due quadrati di 7 cm circa, si mette un mucchietto di ripieno e si avvolgono sulle dita a tortellone!



Il condimento:

mezza cipolla affettata fine, 
un caspo di radicchio rosso precoce
un cucchiaio colmo di pesto genovese
60  g  mortadella a fiammifero!
olio, sale e pepe

Fare appassire la cipolla in padella, con olio, aggiungere il radicchio tagliato a striscette, compresa anche la parte bianca, fare appassire bene, aggiungere il pesto e mescolare e continuare un cinque minuti, aggiungere la mortadella pochi minuti prima della cottura dei tortelloni.
Erano ottimi, mio figlio ed io abbiamo saltato il secondo di carne, data la replica fatta di tortelloni

Commenti

Fiorenza ha detto…
Buon anno nonna Ivana, aspettavo un tuo post.
Un abbraccio forte
Fiorenza
ivana ha detto…
Grazie Fiorenza!
Anch'io aspetterei di poter scrivere, cose ne ho tante di cucina e di vita, ma non riesco a concentrarmi...ma tenterò!

Un abbraccio!
Anonimo ha detto…
Ciao nonna Ivana,
Sei una persona dolcissima! Adoro il tuo blog e le tue ricette semplici ed appetitose.
Mi sono ripromessa di provare i tuoi tortellini ed i classici tortellini. Un forte abbraccio. littlestar

Post popolari in questo blog

FEGATO di CINGHIALE....à la nonna ivana

Espressamente per Miss BEE and Paul from Canada!!
Per farglielo apprezzare e gustare!




Circa 200 g fegato fresco di cinghiale (caccia)


1 cipolla dorata circa 150 g,
5 pomodorini dell'orto ( ancora di questa stagione...tardivi, quindi non sono molto rossi!)
sale e pepe nero macinato fresco
olio extra vergine d'oliva

Due padelle antiaderenti

Rosolare in due cucchiai di olio, dolcemente, la cipolla tritata, aggiungere i pomodorini a fettine e cuocere una decina di minuti



Intanto mettere 3-4 cucchiai di olio nella seconda padella, scaldare bene, cuocere velocemente voltando un paio di volte le fette di fegato asciugate bene.
Salare e pepare solo alla fine, servire subito, e rifinire con la salsetta!



PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce!
Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri.
Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più!
Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!
 Stavolta invece ecco come ho fatto!

Testo e immagini di ivanasetti




6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati
1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri
1/2  limone, succo
2  cucchiaini di prezzemolo secco
2  cucchiaini di salamoia bolognese
2+2  cucchiai di olio e.v.
2       cucchiai di pangrattato bianco secco


Ve…

ZUCCHINA TROMBETTA...a COTOLETTA e FANTASIE di nonna ivana

La trombetta qui da noi è una stravaganza, che qualche famiglia mette nel suo orto, proprio per sfizio, poi al momento della raccolta, non sanno più che farsene, per questo le distribuiscono a destra e a manca!
A me succede che le ricevo da qualcuno, che a sua volta le ha ricevute...si fa il passa mano!
Io sono ben contenta, le ho cominciate ad apprezzare da alcuni anni, ne ho fatto alcune ricette, un po' diverse da quelle che uso per le zucchine verdi o quelle chiare, come faccio per quelle tonde, anch'esse non proprio frequenti sulle nostre tavole.
Vado qualche volta negli orti dei pensionati, proprio qua vicino, per ammirare le zucchine lunghe e sinuose, dal corpo bello sottile dal picciolo, che poi si allargano a fiaschetta all'altro estremo!


Esistono dei piatti particolari che nella loro semplicità tradizionale ti danno sensazioni di conforto, appagamento...purtroppo sono spesso dei cibi pesantucci..ma qualche volta possiamo lasciarci andare...anzi, il piacere di gustare…