Passa ai contenuti principali

NONANTOLA: 23. FIERA DELL'AGRICOLTURA E DELL'ALLEVAMENTO 2016

Nonantola è una cittadina che mi piace molto, da anni la visito nelle sue  manifestazioni fieristiche, e ne approfitto per documentarmi su aspetti architettonici, storici, culturalI e gastronomici. 
Offre sempre eventi e iniziative che mi attirano e spero di potervi partecipare, per quel tanto che le mie condizioni me lo permettono. e persone disponibili mi portano e mi accompagnano!  I tempi e le possibilità cambiano e devo rendermene conto!

ANTEPRIMA DELLA FIERA:
LE fiere estive si susseguono da un paese all'altro e tanta gente, nei tempi passati, anche a piedi, in bicicletta e in corriera si spostava, alla ricerca di emozioni, divertimenti, canzoni di piazza, e"Cose mirabolanti" ,che solo in fiera si potevano trovare, ma soprattutto si amava incontrare l'esposizione di prodotti locali, legati all'agricoltura, all'artigianato, e alla tipicità gastronomica e particolare era la curiosità per  dolciumi e bigiotteria, ma anche per padelle e tegami e straordinarie scope dai luaghi manici, e colorate catinelle di plastica!
Finita la Fiera della Madonna del Carmine a Crevalcore si inaugura quella di Nonantola, che ancora mantiene la sua originaria tipologia, Fiera dell'aAgricoltura e dell'Allevamento, ecco due pagine della ricca brochure dedicata alla edizione 2016, negli eventi dell'ANTEPRIMA della Fiera!
Mi interessa molto la conferenza di giovedì 21 sera, sulla canapa, e la successiva visita al museo della Canapa, nelle sale della Partecipanza Agraria di Nonantola...
I miei ricordi sulla lavorazione della canapa sono ancora ben presenti in me, e anni fa ne feci una ricerca, ...
Oggigiorno a Nonantola si segue un progetto di ripristino di tale coltura!


Commenti

Post popolari in questo blog

FEGATO di CINGHIALE....à la nonna ivana

Espressamente per Miss BEE and Paul from Canada!!
Per farglielo apprezzare e gustare!




Circa 200 g fegato fresco di cinghiale (caccia)


1 cipolla dorata circa 150 g,
5 pomodorini dell'orto ( ancora di questa stagione...tardivi, quindi non sono molto rossi!)
sale e pepe nero macinato fresco
olio extra vergine d'oliva

Due padelle antiaderenti

Rosolare in due cucchiai di olio, dolcemente, la cipolla tritata, aggiungere i pomodorini a fettine e cuocere una decina di minuti



Intanto mettere 3-4 cucchiai di olio nella seconda padella, scaldare bene, cuocere velocemente voltando un paio di volte le fette di fegato asciugate bene.
Salare e pepare solo alla fine, servire subito, e rifinire con la salsetta!



PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce!
Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri.
Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più!
Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!
 Stavolta invece ecco come ho fatto!

Testo e immagini di ivanasetti




6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati
1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri
1/2  limone, succo
2  cucchiaini di prezzemolo secco
2  cucchiaini di salamoia bolognese
2+2  cucchiai di olio e.v.
2       cucchiai di pangrattato bianco secco


Ve…

ZUCCHINA TROMBETTA...a COTOLETTA e FANTASIE di nonna ivana

La trombetta qui da noi è una stravaganza, che qualche famiglia mette nel suo orto, proprio per sfizio, poi al momento della raccolta, non sanno più che farsene, per questo le distribuiscono a destra e a manca!
A me succede che le ricevo da qualcuno, che a sua volta le ha ricevute...si fa il passa mano!
Io sono ben contenta, le ho cominciate ad apprezzare da alcuni anni, ne ho fatto alcune ricette, un po' diverse da quelle che uso per le zucchine verdi o quelle chiare, come faccio per quelle tonde, anch'esse non proprio frequenti sulle nostre tavole.
Vado qualche volta negli orti dei pensionati, proprio qua vicino, per ammirare le zucchine lunghe e sinuose, dal corpo bello sottile dal picciolo, che poi si allargano a fiaschetta all'altro estremo!


Esistono dei piatti particolari che nella loro semplicità tradizionale ti danno sensazioni di conforto, appagamento...purtroppo sono spesso dei cibi pesantucci..ma qualche volta possiamo lasciarci andare...anzi, il piacere di gustare…