giovedì 15 agosto 2013

PFIRSICH-WÄHE o BASSA CROSTATA DI PESCHE CON CREMA...FRIZZANTE!

Sorrido al titolo della ricetta, assemblata ieri per portare un dolce alla grigliata ferragostana, con la famiglia, all'aperto, in campagna!
Ho preparato delle verdure, peperonata mia solita, a strati, e dei pomodori gratinati.
La grigliata comprendeva braciole di agnello, spiedini misti, costine di maiale, pancetta stesa, salsiccia nostrana...poi tante verdure, ciotole di assemblaggi supervitaminici, poi, già sazi, arrivano burrata, pecorini, caciotte...e infine i dolci...pensavo che il nostro Masterchef, 12 anni, si esibisse con il suo  apprezzatissimo salame di cioccolato e invece aveva fatto una crostata di ....pesche, così in tavola abbiamo avuto la crostata di nonna ivana alle pesche e la crostata di Tommy...pure con pesche...sono piaciute in egual misura...gli avanzi sono partiti stamattina per una scampagnata in montagna, nel Frignano!
Avrei voluto preparare una torta rovesciata di pesche, che di solito faccio tutti gli anni nel periodo delle pesche, saporite e fresche...poi per non crearmi dei problemi di "capovolgimento"  sono passata alla ricetta semisecolare, di mia conoscenza, almeno, della WÄHE alla frutta, di origine basilese, naturalmente con la mia solita divagazione sul tema.

testo e immagini di ivanasetti
cominciamo con una frolla:
200  g farina (130 tipo 00, 70 integrale bio), 100  g burro freddo, a fettine, 70  g  zucchero semolato, un mezzo cucchiaino da caffè di bicarbonato, gocce di limone, buccia di limone, con le mani in punta unire il burro a rendere sbriciolato l'impasto, quindi aggiungere un uovo intero, grande, freso, sempre dalla campagna
riposare in frigo, intanto preparare la crema, in una ciotola:
40-50  g  farina, quella integrale, se non ricordo male, 50-60 g di zucchero,io sto sempre scarsa, ma si corregge con lo zucchero a velo prima di servire, un pizzico di misto spezie,  3 uova grandi, di cui uno con due ballotte, come diciamo noi, ovvero tuorli! Invece di usare panna, o latte o yogurt, ho messo mezzo bicchiere scarso di acqua frizzante...non avevo nessuno degli altri ingredienti...e avevo la scusa che ...non doveva essere troppo calorica, per un fine pasto, unisco anche 4 bucaneve pestati in un sacchetto, altrimenti avrei messo mandorle macinate!
Pelo cinque pesche noci, taglio a spicchi non grandi, irroro con poco limone, stendo la frolla a due-tre mm di spessore, su carta da forno per una teglia bassa di 28 cm, deve risultare abbastanza bassa, sforacchio con la forchetta, dispongo le fettine a raggiera, verso la crema a coprire il tutto


cottura in forno ad aria calda, che è praticamente un forno ex a Microonde, da anni le onde si sono estinte e funziona solo elettrico...pensare che ci avevo dato tanti soldi, poi a ripararlo  ne volevano pure un sacco, non l'ho buttato e è un secondo forno elettrico ventilato, e grill che fa proprio al caso mio, e risparmio il forno elettrico grande, di 75 cm.
Dunque...170° per 40 minuti.
Praticamente è  frolla, crema, frutta, sono possibili tante varianti, anche con il diluente, a volte uso succo di frutta fresca, o sciroppi di frutta in barattolo ecc...non uso mai surrogati, additivi, zuccheri strani...sempre e solo alla casalinga..anteguerra!!!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

3 commenti:

Empress Bee (of the high sea) ha detto...

it looks wonderful! i just had peach jello!

smiles, bee
xoox

Cuoca Pasticciona ha detto...

Carissima nonna Ivana la tua crostata è semplicemente deliziosa. Immagino gia il sapore!
A presto :)
http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

Sandy B ha detto...

I would happily taste test this! Looks yummy. Love peaches, of course.

Big hugs, honey...