Passa ai contenuti principali

IMPASTANDO, RICORDANDO...DIVAGANDO...IN CUCINA SI VIVE!!!

E ci si sente più leggeri, ma anche molto concentrati, assolutamente indisturbati, se la cosa riesce..ma qualche interruzione e distrazione arriva, di tanto in tanto, e mi incavolo pure!
PANINI AL LATTE

Un impasto al latte:

700  g  farina 0
1      bustina di lievito secco, 2 cucchiaini sale fino, 1 cucchiaio scarso di zucchero
200  ml  latte tiepido con altrettanto di acqua, circa
50 g  burro sciolto nel MW
dopo 4 ore di lievitazione
confezionare delle palle circa da  tennis, il peso è 8o g per ciascuna, e sistemarle in una teglia rotonda
 hanno lievitato per  due ore, quindi cottura in forno ventilato a 175°C per 40 minuti

GNOCCO ripieno con prosciutto di Praga e sottilette:
Ho utilizzato 450 g dell'impasto, mentre per i panini circa 720 g e sopra alla sfoglia di base ho messo delle rimanenze di prosciutto di Praga, e sottilette di formaggio

Questo gnocco mi ha fatto ricordare un'amica, Anna...qualche pomeriggio andavo da lei, questo penso 25 anni fa, e di solito il giovedì lei era impegnata in cucina con delle grosse teglie rettangolari che riempiva prima con una sfoglia di impasto lievitato di farina e patate, e su questa base posava prosciutto cotto e sottilette, era la cena per gli amici dei figli...poi Anna è morta alcuni anni fa, ma il ricordo rimane vivo!

ho ricoperto con l'altra sfoglia, aggiustandolo sempre con le mani, quini schiacciarlo on la punta delle dita e oliarlo con un pennello. Circa un'ora e mezza di lievitazione!
Cottura assieme ai panini.
 Panini soffici e dal sapore delicato, mentre lo gnocco è più saporito per la farcia!
Un panino tagliato a metà, poi cotto 4 minuti al forno a 180°C è stato uno sfizioso antipasto al Caviale di Melanzana


Una ricetta semplice, ma molto saporita, da riminiscenze esotiche!
Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.




 
 


Commenti

Michela P. ha detto…
Sempre ottimi piatti, complimenti.
Paul ha detto…
Hi Ivana. The sandwich looks great. I've been writing my blog for some time and enjoying it. I always check to see if my friend Ivana has checked yet. Busy I see, you wonderful chef. Take a break once in a while. Bee is now on her cruise. Lucky girl. See you later my friend.

Paul
Ale ha detto…
Sembrano squisiti!!!!
ivana ha detto…
Grazie Michela! Cose sempre molto semplici e campagnole...la mia cucina è questa, e con l'età e gli acciacchi vado sempre in calando!
Un abbraccio!
ivana ha detto…
Ciao Paul!
I can reach your blog only through Bee...you are not in my google+, I don't know why you are not reachable!
You know tha G got a heavy issue, and I've notmuch time to follow the bloggers and comment them!
Bee is on cruise agai,,,a lucky girl!!!
She must go and enjoy!!!

Have a great Sunday!

Hugs!
ivana ha detto…
Ciao Ale!

In cucina ci sto, visto che sono in casa tutto il tempo...cucinando mi rilasso!

Buona serata!

Jean(ie) ha detto…
Ho un panino ricetta da un parente che mi piace fare. E 'così facile e delizioso. Sto discutendo il che li rende come piccoli panini. Ho solo possa avere per farlo questa settimana. Avere un giorno meraviglioso!
ivana ha detto…
Ciao Jean!!

Aspetto la ricetta del tuo pane, voglio provare anch'io!
With dried yeast, or fresh yeast?
Have you the decimal weights for the recipe?
I bake tomorrow, if everything goes smoothly!
Have a lovely week!

Big hugs!

Post popolari in questo blog

FEGATO di CINGHIALE....à la nonna ivana

Espressamente per Miss BEE and Paul from Canada!!
Per farglielo apprezzare e gustare!




Circa 200 g fegato fresco di cinghiale (caccia)


1 cipolla dorata circa 150 g,
5 pomodorini dell'orto ( ancora di questa stagione...tardivi, quindi non sono molto rossi!)
sale e pepe nero macinato fresco
olio extra vergine d'oliva

Due padelle antiaderenti

Rosolare in due cucchiai di olio, dolcemente, la cipolla tritata, aggiungere i pomodorini a fettine e cuocere una decina di minuti



Intanto mettere 3-4 cucchiai di olio nella seconda padella, scaldare bene, cuocere velocemente voltando un paio di volte le fette di fegato asciugate bene.
Salare e pepare solo alla fine, servire subito, e rifinire con la salsetta!



PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce!
Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri.
Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più!
Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!
 Stavolta invece ecco come ho fatto!

Testo e immagini di ivanasetti




6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati
1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri
1/2  limone, succo
2  cucchiaini di prezzemolo secco
2  cucchiaini di salamoia bolognese
2+2  cucchiai di olio e.v.
2       cucchiai di pangrattato bianco secco


Ve…

ZUCCHINA TROMBETTA...a COTOLETTA e FANTASIE di nonna ivana

La trombetta qui da noi è una stravaganza, che qualche famiglia mette nel suo orto, proprio per sfizio, poi al momento della raccolta, non sanno più che farsene, per questo le distribuiscono a destra e a manca!
A me succede che le ricevo da qualcuno, che a sua volta le ha ricevute...si fa il passa mano!
Io sono ben contenta, le ho cominciate ad apprezzare da alcuni anni, ne ho fatto alcune ricette, un po' diverse da quelle che uso per le zucchine verdi o quelle chiare, come faccio per quelle tonde, anch'esse non proprio frequenti sulle nostre tavole.
Vado qualche volta negli orti dei pensionati, proprio qua vicino, per ammirare le zucchine lunghe e sinuose, dal corpo bello sottile dal picciolo, che poi si allargano a fiaschetta all'altro estremo!


Esistono dei piatti particolari che nella loro semplicità tradizionale ti danno sensazioni di conforto, appagamento...purtroppo sono spesso dei cibi pesantucci..ma qualche volta possiamo lasciarci andare...anzi, il piacere di gustare…