giovedì 31 maggio 2012

BOCCONCINI di MAIALE in AGRODOLCE con MACEDONIA di VERDURE

Sotto i piedi senti sempre ondeggiare, come se una bestia immane si scrollasse qualcosa d'addosso, ora lieve ora brusca e cattiva!
Lavorando, intenta a qualcosa che ti piace, non percepisci più questo dondolio e ti immergi nel compito che ti impegna!
Il G. aveva acquistato un bel trancio di polpa di maiale per arrosto, io invece ne ho subito tagliato delle fettine che ho cotto alla piastra, in modo svelto, data la situazione; ieri, invece, ospite zia Irma, ho voluto trattenere un po' di polpa per fare una piccola prova, xia Irma apprezza sempre le mie novità, come dice lei, che non mangia altrovre!
Con pochi ingredienti, che trovo sempre da me ecco un piatto gradevole
Pranzetto sul prato, sotto l'ombrellone, non per vacanza, ma per emergenza terremoto

Testo e immagini di ivanasetti


200  g  di polpa di maiale per arrosto, tagliati a tocchetti come olive grosse
una cipolletta
un gambo di sedano
mezza mela golden a tocchetti
succo limone e un po' di scorza grattugiata
olio, sale pepe, farina


tritare cipolla e sedano e farli appassire dolcemente in un pesante tegame di acciaio con l'olio, aggiungere i bocconcini infarinati





lasciare rosolare, sempre a fuoco basso, perché nell'acciaio non occorre alta temperatura.
Aggiungere la mela, e insaporire con gocce di limone, mescolare bene, versare un po' di acqua calda, chiudere con coperchio e lasciare cuocere per mezz'ora circa.


Preparare in anticipo la macedonia


un cespo di cicoria belga
un gambo di sedano bianco
mezzo cetriolo
una grossa carota
una mela golden media
succo di mezzo limone
olio sale 
Tritare la cicoria, il sedano e la mela e il cetriolo, grattugiare a julienne la carota, mettere il tutto in una terrinetta, irrorare subito con limone, quindi condire con sale e olio.
Lasciare coperto con pellicola, al fresco....
io mi sorbisco pure il sughino che emette!

Ho accompagnato anche con zucchine, olio e salamoia bolognese  cotte al Microonde


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

23 commenti:

Paul ha detto...

I'm very thankful to see that you're still sharing with us your tremendous different types of dinner even under this trying times.
Sleeping under the stars due to the tremors must be very difficult for all of you. Is your home in any way showing challenges due to the tremors? We here in Amherstburg pray for hope that all will be OK.
Tomorrow will be your birthday. I wish it could be better one. I do hope that my card will eventually arrive and give you some happiness my friend. Ciao.

Paul

dede ha detto...

Ivana vi ho pensato spesso anche se non ti avevo ancora scritto. Non trovavo le parole

Dida ha detto...

Ivana, anche in emergenza sai dare ai tuoi cari un pranzetto squisito e insolito. Capisco che zia Irma l'apprezzi. Bravissima.
Tanti cari auguri di buon compleanno e un abbraccio forte forte.

Profumi di Pasticci ha detto...

buongiorno Ivana,
speriamo che prestissimo diventi un bruttissimo ricordo!!
Grazie per la ricetta, da provare quanto prima
ti sono vicina
un abbraccio forte
anna

Anonimo ha detto...

Ma sei incredibile!!!
Davvero, non riesco a credere che tu sia.. be', resto senza aggettivi, di fronte a queste tue persistenti dimostrazioni di forza d'animo.. ed anche fisica, devo dire!
Ti invidio ( per modo di dire.. ) oltre che ammirarti: non so come riuscirei a reagire e a tirare avanti io, in una situazione come la vostra!
Ora, poiché ho letto le parole di Paul, qui sopra, ti faccio anche gli auguri più affettuosi che mai persona abbia ricevuto per l'occasione..
Buon Compleanno, Ivana!!!
Auguri a te, tutti i tuoi cari, tutta la tua terra provata e ferita: AUGURI!
Adriana

Anonimo ha detto...

Mi sa che alla zia Irma piaccia farsi viziare con questi semplici ma gustosi manicaretti.
Un saluto e un abbraccio a tutti, buona giornata, Francesca.

Anonimo ha detto...

Sono felice che nonna Ivana cucina di nuovo!Pere stare più tranquilla potresti portare anche i fornelli fuori.Accidenti ma allora le scosse si sentono ancora,spero che finiscano presto.Mia figlia ieri è partita per le Marche per avere un pò di serenità.Ho visto in tv quanti danni nella vostra bellissima cittadina,un vero peccato.Un abbraccio dalla Sardegna ETTA

Anonimo ha detto...

Brava Ivana. CHIARA

Empress Bee (of the high sea) ha detto...

my dear ivana, i think of you all day and worry. i am so happy to see you cooking your normal way and hope all goes well for you and all in your area honey.

hugs, bee
xxoxoxoxox

Jean ha detto...

I'm glad to see your normal posts coming back. you all are still in my thoughts and prayers.

Lets hope that things calm down enough so recovery and rebuilding can start.

hugs!

ivana ha detto...

Ciao Paul!
One day can be serene, the other is sad and hopeless!
We hope the house can stay safe...but it's destiny!

Hugs, and thanks!

ivana ha detto...

Cara Dede!

Hai ragione, anche a me mancano le parole, mi sforzo a essere il più serena possibile, ma non sempre riesco!

Un abbraccio!

ivana ha detto...

Cara Dida,
a impegnarsi il tempo la situazione è meno percepita, l'illusione del piacere di fare qualcosa aiuta, per un po'!
Un compleanno sotto too, cena fredda qui in giardino, affettato e insalata mista, albcocche e niente più!
Non guardo neppure il TG!
Cerco di rispondere a tutti, anche privatamente, ma mi sento giù di corda!

Un abbraccio!
Grazie sempre per la tua disponibilità!

ivana ha detto...

Grazie Anna!

Mi fa piacere sentire tutto il vostro affetto!

Un abbraccio!

ivana ha detto...

Grazie Adriana!

Solo stasera riesco a rispondere, fino al omeriggio sono a casa del figlio, c'è da fare, la piccola vuole le mie attenzioni!
Risente anche lei della situazione, il dormire accampati!
Speriamo che la situazione si stabilizzi!
Ma non si è tranquilli, più il tempo passa!

Un abbraccio,, non voglio amreggiare anche voi!
Spero di dormre e che domani sia un giorno più positivo!

Un abbraccio affettuoso!

ivana ha detto...

Grazie Francesca!

Cucinare mi distrae soprattutto, mi impegna la mente, il tempo passa meglio!

Spero che si possa fare ancora!

Non tutte le ore sono sopportabili, purtroppo, quandi si sta qui si riflette e si teme!
Spero nel sonno ristoratore!

Un abbraccio!

ivana ha detto...

Ciao Etta!

Le scosse sono infinite, speriamo non incidano ancora tragicamente sulle popolazioni, sulle fabbriche, sulle case...ma ormai molta distruzione è fatta!

Spero di poter cucinare domani!

Un abbraccio alla tua Sardegna, che non ho mai visitato, e me ne dolgo tanto, avrei amato davvero quella terra!
Oggi 77 anni...e non so come saranno i prossimi!

ivana ha detto...

Ciao carissima Bee!

I fee better when I can spend some hours in the kitchen, but sometimes it's ot possible!

The situation is tragic, my house is safe, I hope the earthquake is not so bad again!

Big hus, i thanks for your thoughts!

xoxoxoxoxo

ivana ha detto...

Ciao cara Jean!

Thank you so much for your thoughts and prayers...sometimes we are sad, in other moments we forget the preoccupation...

Big hugs!

xoxoxoxoxo

Traveling Bells ha detto...

What a joy to see a cooking blog here, rather than bad news. Please know that I have been praying for you and your family and the people in your region. I know this earthquake affects everyone in some way or another.

Big hugs, honey...

ivana ha detto...

Ciao cara Sandy!

I'm so glad to hear from you!
Are you at home?

Thank for the prayers....we need great help from God and men...it's looks so sad and incredible!

Big hugs, honey!

xoxoxoxoxo

Anonimo ha detto...

....E la Sardegna avrebbe amato te,mai dire mai!
Se verrai ti ospito io in un paese dell'interno,il mare è a un'ora di viaggio purtroppo.
per me sarebbe un onore avere nonna Ivana e non solo perchè è una brava cuoca naturalmente eh eh!Speriamo che il terremoto si sia stancato di rigirarsi...nel letto.ETTA

ivana ha detto...

Grazie Etta!

Sei molto gentile!
Naturalemnte sarebbe un onore per me...poi, per il mare, a parte la voglia di conoscere le bellissime spiagge e coste della Sardegna, non è un problema per me, amo anche le terre interne, dove conoscerei la genuina gente sarda!

Mai dire mai...giusto!!!


Un abbraccio!