mercoledì 13 febbraio 2013

CODA DI ROSPO AL POMODORO

Io prendo dal freezer una confezione di code di rospo surgelate, le scongelo e mi vien voglia di prepararlo come facevamo una volta con il baccalà...lo lascio a bagno in acqua e succo di limone e un po' di sale; scongelato lo asciugo bene tamponando con carta da cucina.
Va infarinato e fritto in olio in padella, dalle due parti, fino a che è rosolato, lo metto su carta da cucina ad assorbire il grasso
Ingredienti semplicissimi, tre code di rospo infarinate e fritte, un mazzettino di prezzemolo e uno spicchio d'aglio tritatissimi, olio per il tegame, sale, pepe, mezza tazza di vellutata di pomodoro, che avevo preparato per gli spaghetti
Una fetta di polenta 
Rosolare leggermente l'aglio e il prezzemolo, aggiungere la vellutata di pomodoro, scaldare, posarvi sopra i tre pezzi di pesce, qualche goccia di limone, sale e pepe, peperoncino se piace, scaldare bene e mescolare delicatamente, per non romperlo.
Aggiungere appena un po' di acqua calda, coprire e cuocere per una ventina di minuti, o finché non è evaporato il liquido e si ha un sughino ristretto, che ha ben insaporito il pesce.

Polenta pronta, tagliata a fette, spennellata con olio e scaldata su una piastra, ma da lasciare morbida, per il sughetto, non proprio dietetico, ma rustico alla campagnola...con la neve che imbianca  il paesaggio, il freddo della sera, il piatto è gustoso e...nostalgico!
Un tempo dal Mercoledì delle Ceneri si iniziava un periodo quaresimale, di rinunce, fioretti, e pasti di magro così detti, in cui non si toccava carne , si cucinava solo pesce, o c'erano uova fresche dal nido, che si preparavano in pochi modi, sempre quelli, delle nonne, mamme, zie delle famiglie numerose!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.



8 commenti:

Empress Bee (of the high sea) ha detto...

no meat at all until after lent? i thought that was just on fridays. did not know that!

smiles, bee
xoxoxoxoxo

Anonimo ha detto...

Per questo mercoledì di magro ho fatto il baccalà in umido con le patate, perchè anche io seguo le ricette di una volta!
Buona giornata, Franesca.

Traveling Bells ha detto...

Looks mighty good to me.

Big hugs, honey...

ivana ha detto...

Ciao Bee!!!
No, no meat on Ash Wednesday, and on Fridays, but it's a tradition by old families!

Have a great and amazing BValentine's Day!

Smiles!

ivana ha detto...

Ciao Francesca!
Infatti avrei davvero preferito il baccalà, ma al mattino sono dalla bimba e avevo fatto scongelare questo per fare prima, ma con il limone tolgo quel sapore un po "opaco" della coda di rospo!

Domani ho le trote fresche da fare al forno!

Un abbraccio!!!

ivana ha detto...

Ciao Sandy!

a caloric dish, but we like it sometimes!

Big hugs, honey!

Fabipasticcio ha detto...

E' bello rinnovare le tradizioni con le tue ricette! Ma questo piatto non ha nulla di penitenziale. Non mangio la coda di rospo, è uno dei pochi pesci che non mi fa star bene, ma questa preparazione è una golosità!!! Se si può fare con il baccalà, proverò a farlo per uno di questi venerdì. Un abbraccio carissima e buon fine settimana ♥

ivana ha detto...

Ciao Fabi!

Questa è una ricetta che sta bene proprio con uil baccalà e anche con i baff (pescegatto), io avevo la coda di rospo, che non mi garba tanto, a con il limone si modifica quel sapore sciapo e poco gradevole....
Buona settimana a te!
Un abbraccio