lunedì 17 gennaio 2011

CEPPO di S.ANTONIO nelle case contadine si prepara un lauto pranzo


Tradizione a S.Matteo Decima/BO


A mezzanotte è scaduto ill Ceppo di Sant'Antonio, o Vigilia!
E' l'ora magica, secondo le antiche credenze contadine, in cui i bovini parlano fra di loro, e raccontano come è stato il loro rapporto con gli uomini, e come si comporta il bovaro nei loro confronti!
Certamente l'agricoltore di oggi non ha più di queste suggestive superstizioni, ma la ricorrenza ha sempre una grande importanza.
Nei paesi di campagna si svolgono riti religiosi, come le benedizioni delle stalle, ormai rare, perché esistono solo enormi stalle di allevatori specializzati, con tecnologie  e metodi moderni.
Si celebra la messa  e pure si partecipa al pranzo sociale degli agricoltori!
Io non appartengo più da decenni a quel mondo, ma mi fa piacere ricordarlo...
Oggi, 17 gennaio, è dedicato a  Sant'Antonio Abate 

Io ho preparato questo pranzo:

LASAGNE VERDI

 
CARRE' ARROSTO al  LAMBRUSCO


Contorni vari:
BROCCOLO stufato 
MELANZANA GRIGLIATA con pomodorini, carote lessate, mozzarella basilico e origano, con olio e aceto

PATATE e MELA ARROSTO, col sugo dell'arrosto di carne



 I bambini, e non solo, hanno gradito
Oggi abbiamo finito il Pane di Natale, che come tradizione in casa nostra durava fino alla festa di Sant'Antonio Abate!




Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

12 commenti:

"Lois Grebowski" ha detto...

St. Anthony... my patron saint in many ways... I think you cooked a wonderful feast to celebrate this man. I hope the blessing of the animals went well.

Have a great week!

Cruising Paul ha detto...

Wonderful meal in regarding the Feast of St. Anthony. We are still eating my Christmas goodies but I think I'm getting a little sick of them. I think I better start baling new things and I will right after I get back from my cruise.
I have to go to see my surgeon just to a check up after my colonoscopy. I hope that all is well and I'm sure if there had been any problems, they would have called me a lot sooner.
Well I have to go now. It's time to start arranging my clothes for the cruise. Ciao Ivana.

Paul

Empress Bee (of the High Sea) ha detto...

hi honey! i am still sick but trying hard to get better. sick is no fun! your dishes look delicious! i hope you get some rest now. you work so hard!

smiles, bee
oxoxoxoxoox

Dida ha detto...

Buon Sant'Antonio Ivana! Qui da noi si fanno i falò che una volta i giovani del paese si divertivano a "saltare". Ora è proibito causa vari incidenti successi negli anni. A chi interviene al falò vengono offerti salamini lessi o grigliati e del buon vin brulé. Nelle famiglie si mangiano "salamiti e fasuriti", cioè salamini e fagioli in umido, in onore del santo che qui da noi è conosciuto come Sant'Antonio del purscel, cioè del maiale. Per fortuna che qualche tradizione resiste...
Un abbraccio.
Dida

ivana ha detto...

Ciao Lois!
Thank you!
S.Anthony Abbot was the origin of the monasticism, and so many helps came from that in the Middle Age!
There are still many celebrations in the countryside!
This year I didn't go to the Blessing in a small town close to our commune!
Have a great Monday!!
Hugs!!!

ivana ha detto...

Hi Paul!
I'm sure, all is well, no colonscopy problems!
My Christmas goodies are most with nuts, so is healthy, few sugar, much fruit jam without sugar!
I wish you a great week!
Ciao!!!

ivana ha detto...

Carissima Bee!
I hope you feel better soon, sure it's no fun!
I rst a bit now....
Have a healthy Monday!!

Big hugs!!!

xoxoxoxoxo

ivana ha detto...

Ciao Dida!
Nei paesi di campagna questa tradizione si perpetua ancora, con altri modi e maniera, ma sempre interessanti!
Vicino a Bologna, presso una casata nobile, ieri si è svolta davvero una cerimonia grandiosa, con tutte le attività principali del mondo agricolo, con l'investitura del maiale ecc!
Per i falò, qui non li ricordo, perché erano più frequenti per l'ultimo dell'anno e per il Ceppo della Befana, il "Vecchio" e la "Vecchia", ma i riti delle Benedizioni alle stalle ancora sopravvivono!

Grazie cara!
Una buona settimana a te!!!

Puddin ha detto...

Anche se i tempi sono passati e forse qualcuno dice che i bovini non ne parlano del pastore...scommetto che di notte quando ruminano sdraiati nel fieno, qualche storiella qualche pettegolezzo le scappa! un abbraccio da ponente...P

ivana ha detto...

Ciao P.!

E come no? Tutti gli esseri comunicano fra di loro...e possiamo essere anche noi l'oggetto delle loro conversazioni!!!
Spero che i fiori che ho io non parlino...ne direbbero di belle del mio pollice scolorito!!!!

Un abbraccio dal Levante grigino...spero in un po' di sole nel pomeriggio!!!

Anonimo ha detto...

La mia bisnonna lato emiliano era nata il 17 gennaio. Pare dicesse: Io son nata quando parlano le bestie! Chiara

ivana ha detto...

Ciao Chiara!!!
Proprio così...in campagna questa frase si ripeteva spesso, soprattutto in questi giorni...e c'era un gran rispetto per le bestie!!!

Grazie, un abbraccio, buona notte!!!