Passa ai contenuti principali

il NOSTRO PANE TRADIZIONALE, al FORNO di FABIO E MATTEO a la mia TRECCIA FESTIVA

Da un paio di settimane non faccio più i miei CROSTINI SECCHI E CROCCANTI che piacciono molto alla mia famiglia, bambini compresi, un tipo di pane storico, molto faticoso da confezionare, perché di pasta dura, come il pane ferrarese, e le mie mani sono piuttosto stanche...
In questo fine settimana ho fatto la treccia con la ricetta della GHIRLANDA PASQUALE, più morbido e facilmente malleabile, che è molto adatto alla colazione del mattino, essendo lievemente dolce, e soprattutto per il pranzo della domenica con le salsine da tocciare!


Ho trovato il pane che fa per noi, e senz'altro per tantissimi altri, da FABIO & MATTEO...già sapete che io sono parecchio curiosa e che mi intrufolo in posti dove trovo qualcosa che mi piace, che è in linea con il mio concetto del cibo, in questo caso del pane, come da decenni è il rovellio della mia mente, alla ricerca del piccolo mondo antico!
Per caso acquistai alla bancarella della Festa dei Fiori in piazza il pane da un ragazzo, che lo esponeva davanti al suo forno, e subito me ne innamorai (del pane, naturalmente!), acquistai ragnino e stria e all'assaggio a casa mia decisi subito che quello era il nostro pane...proprio quello dal sapore di nostrane farine, senza additivi, se non con il profumato sapore dell'olio d'oliva!

Ecco la mia TRECCIA all'olio e limone, con burro e latte, come da ricetta della ghirlanda sopra citata, senza arancia ma solo con qualche goccia di succo di limone!

con il mio solito metodo: robot, lievitazione, confezione, lievitazione, cottura

 ho calcolato male la misura della teglia e ho sacrificato l'estetica del formato...pazienza!!!
Nelle fette però non si nota...le conservo in freezer e le tolgo poco prima del pasto, sono ottime!




Il pane che acquistiamo per tutta la settimana è questo: ragno all'olio, ma anche comune, senza grassi;
ma si possono acquistare tanti altri formati, quali i barillini al FORNO di FABIO e MATTEO, due ragazzi volonterosi, con serietà e coscienza trattano il pane secondo le buone consuetudini nostre.
Sono ragazzi esperti con istruzione nel settore, che rende appunto molto affidabile il loro prodotto!


e un'ottima stria

Ho intenzione di fare l'approccio anche ai loro dolci, sui quali ho dato una golosa sbirciatina...

Bravi ragazzi...in bocca al lupo!
Io do sempre fiducia nei giovani!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.

 

Commenti

oh my! it all looks so good! i love fresh bread and have not had any in so long!

it is very windy here, warm but windy, blows the dust or sand or whatever it is in your eyes.

sunday is grocery shopping with the duck. have a wonderful day my friend!

smiles, bee
xoxoxoxoxo
ivana ha detto…
Ciao cara Bee!

Thank you!!!
Glad that you go out with duck...have a lovely grocery shopping!
No wind here, but a bothering rain, no walk!!!

Big hugs, honey!!!

xoxoxoxoxo
Anonimo ha detto…
Bella la stria, mi ha fatto venire l'acquolina in bocca, peccato non poterla mangiare! La mia schiena non si decide a guarire nonostante le punture e poi ci metti il cattivo tempo!!!!!Pazienza.....
Buona giornata, Francesca.
ivana ha detto…
Cara Francesca!

Speriamo che ti passi, il tempo non aiuta proprio!
Qui ha piovuto fino adesso, ma poi sembra si stia schiarendo, con il sole che compare timido!
Tanti auguri, cara,
un abbraccio!
Paula Feldman ha detto…
quanto amore va nel pane!!! e quanto amo il pane! Profumi da casa tua arrivano qui a ponente dove il sole fa capolinea nel cielo e io vado a stendere...abbraccio da ponente,P
Traveling Bells ha detto…
Pass the butter, please! I would love, love having some of this bread. Now. My tummy is empty. I will take fresh bread over dessert.

Sunny, warming, and no wind here today. Spring is almost back here.

Big hugs, honey...
Fabipasticcio ha detto…
Mi piace la tua curiosità e non solo verso il cibo, è la curiosità che utre lo spirito e ci fa crescere. la tua treccia racconta e sa di tanto, non solo di cibo. Buona domenica carissima♥
ivana ha detto…
Ciau Paula!

Grazie, ora farò solo il pane della domenica, quello ritorto lo compro da Fabio e Matteo, anche se un po' scomodo!!!
Qui abbiamo avuto un paio d'ore un po' più chiaro, ma non mi sono fidata a stendere, infatti adesso c'è un cielo scurissimo che minaccia temporale!!!

Un abbraccio!
ivana ha detto…
Ciao Sandy!
It's really a good bread!!!

Here rain, our Sunday is not so amazing!

have a great Sunday!

big hugs!

xoxoxoxoxo
ivana ha detto…
Ciao Fabi!
Troppo buona, grazie! Un po' asto senteno la stanchezza, forse la primavera, poi questo tempo che intristisce le ossa!!!!

Buona serata a te e ai tuoi due cavalieri!

Un abbraccio!
bergamo da scoprire ha detto…
Ciao Ivana, visto che non trovo il tuo indirizzi e-mail ti scrivo qui: purtroppo non riuscirò a postare entro il primo maggio la "Casa dell'Arciprete" di Bergamo alta per il primo maggio, in quanto sono subentrati alcuni impegni, ma su google potrai trovare tutte le indicazioni digitando "Casa dell'Arciprete vincolo". Io la posterò per maggio, ma non entro il primo giorno del mese...Un caro saluto e buona continuazione, ciao!
Byte64 ha detto…
Grande Ivana,
quando ho visto il tuo pane intrecciato qualche giorno fa, non ho potuto resistere, assomigliava troppo a un certo bussolano mantovano che mi piace molto, così l'ho fatto ed è venuto buono buono.

Un saluto!
ivana ha detto…
Ciao Flavio!!!

Grazie dei complimenti! Io faccio tutto alla carlona, non come te o le tue colleghe panificatrici...per la treccia mi ispiro alla ricetta di casa che ho visto realizzare quasi una cinquantina d'anni fa, il pane della domenica Sonntagsbrot, o anche il Berner Butterzopf, da mio zio bernese negli anni Sessanta...io mi limito a farlo di solito a Pasqua, o quando ne sento proprio la voglia, come del Pane Halla ebraico, ma mai riesco ad ottenere una treccia come si deve!!!

Complimenti a te!

Un abbraccio!

Post popolari in questo blog

La vecchia salsa da lesso del suocero

Anche se poi non raggiungo mai il risultato equivalente! Tanto per cominciare si usavano solo i prodotti dell'orto, che un tempo erano un po' scarsini. Si dovevano avere essenzialmente questi ortaggi: non i bei peperoni carnosi di oggi, ma i diavolicchi verdissimi e piccantissimi, le pastinache, così chiamavano le carote, le solite cipolle e il sedano verde, e tantissimo prezzemolo; la rifinitura era l'aceto agro fatto in casa, con i rabbocchi dei resti di vino! (Non dovrei dirlo, ma 'sto aceto a volte era solo acido!) Vi passo le immagini della mia versione, come prassi, si va ad occhio! Senz'altro non eccedo in prezzemolo, perché mi piace vedere il pot pourrit di colori, inoltre do un finale tocco di addensamento con farina che proprio non ci dovrebbe andare, perché importante era avere la parte oleosa ben separata dalle verdure, mentre la farina dà consistenza cremosa.

BAMJE, OKRA; GOMBO ...un INCONTRO SERENO

Il G. ed io abbiamo fatto dopo anni ritorno alla casa di una coppia di amici, che purtroppo non ci sono più, erano molto più anziani di noi: Nella grande casa in mezzo al verde vive Roberta, la figlia minore...a lei dobbiamo portare il nostro saluto, ma anche le condoglianze per la morte prematura di sua sorella Luisa. Dolore e mestizia, ma il rievocare la nostra frequentazione per decenni della loro casa le ha addolcito quell'ora, distogliendola dal presente. Armando, il compagno rientrato dal lavoro, è  gentile e attento, lo vedevo qualche volta lì in casa, ma ora mi rendo conto quanto sia disponibile, premuroso... Dobbiamo venir via...ci accompagnano, e viene il discorso del cibo, e Armando ci presenta il suo orto, e non solo... Una striscia del parco è adibita ad orto, piante di pomodoro, sostenute da frasche di legno, melanzane violette e un quadrato di rigogliose foglie verde scuro, che mi ricordano l'ibisco e il malvone...questa pianta Armando voleva proprio mostra

PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce! Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri. Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più! Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!  Stavolta invece ecco come ho fatto! Testo e immagini di ivanasetti 6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati 1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri 1/2  limone, succo 2  cucchiaini di prezzemolo secco 2  cucchiaini di salamoia bolognese 2+2  cucchiai di olio e.v. 2       cucchiai di