mercoledì 19 dicembre 2012

CREVALCORE:OPERAZIONE TORTELLINI...IL TERREMOTO E GLORIA

in quante casa qui da me si stanno confenzionando tortellini in questi giorni, in attesa del pranzo di Natale?
Due pomeriggi che le mie mani si accaniscono a tirare sfoglie, per fortuna con la macchinetta, a ritagliare quadrettini, a posar palline di ripieno e a chiudere lembi di pasta replicando gesti che si imparano da bambine e non si dimenticano più!!!
 Ho già sei sacchetti da mezzo kg in freezer...
storia tortellino
ricetta ufficiale
metodo casalingo ivana
lavoro collettivo

29 maggio 2012, ore 9:03, il centro storico è sconvolto dalla seconda tremenda scossa, tutti scappano fuori, non pensando che è pericoloso, dall'alto cade di tutto, cornicioni, comignoli, intonaco, tegole...pompieri già sui loro mezzi, le squadre della Protezione Civile sanno già come disporsi, sono addestrati per il soccorso alla popolazione, vanno casa per casa a sollecitare lo sgombero...Gloria, 86 anni sta confezionando tortellini, il suo tavolo è apparecchiato come questo del mio cucinotto, li ascolta:
"Signora, deve uscire!!!"
Gloria li segue, come in trance.
La casa sembra non sia colpita, ma tutt'intorno è a rischio...nel marasma, Gloria rientra...si rimette a fare tortellini...
Rientrano due vigili, gentili la prelevano...
"Devo fare i tortellini...vedete? Sono pronti, devo chiuderli!"
"Non può, signora...ci pensiamo dopo!"
"No, vedete? la pasta non deve asciugare, altrimenti non si chiudono e il ripieno fuoriesce quando si cuocciono!"
Parla tranquilla, questi giovanottoni, energici, decisi non sanno cosa vuol dire confezionare tortellini, pensa Gloria!

E' difficile fare i tortellini, un sapere che purtroppo non tutte le casalinghe moderne conoscono..i tortellini sono un tesoro, che Gloria non vuole abbandonare...per giorni questo pensiero le martella costantemente in testa...lei vive ospite in una casa diversa, di amici, lontana da Crevalcore...
I tortellini hanno trovato una soluzione, che poi Gloria conoscerà al suo ritorno, allorché la sua casa viene riconosciuta sicura, e le case vicine non minacciano crolli...

Ogni volta che confeziono tortellini mi viene in mente questo episodio che Gloria mi ripete quando mi fermo per darle un saluto...
Suppergiù abbiamo lo stesso ripieno, lei se lo fa macinare dal macellaio, io lo preparo da me...stavolta invece ho comperato il ripieno, una prova che volevo fare...sono ottimi!!! 

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.



16 commenti:

.TelA ha detto...

Non c'è dubbio!
Io sto con Gloria.
E coi tesori buoni da fare anche non per queste feste.
Tipo in una giornata assolata di primavera...

Anonimo ha detto...

Un pò mi vergogno, ma pensa, io i tortellini li ho fatti solo una volta e queto perchè li ha sempre fatti mi madre e mia suocera. Quest'anno mia mamma non è riuscita a farli per problemi di salute ma ci ha pensato mia suocera, così ne ho 3 kg in freezer!
Buona giornata, Francesca

ivana ha detto...

Grazie TeIA,
hai ragione,io li faccio in autunno e primavera, è un lavoro da fare con tranquillità in casa...per mangiarli...il freezer è un ottima soluzione per poterli distribuire nelle giornate in cui vuoi impiegare un buon brodo che ti ispira...

Grazie per Gloria...starà facendo chili e chili di tortellini in questi giorni, ha ancora le mani d'oro, quello che occorre per farli come si deve!!!
Buona giornata!

ivana ha detto...

Francesca cara,
penso che sia ora di rimettersi in riga...dopo sarai anche tu la nonna che preparerà i tortellini per i nipotini...e non si spezzerà questo cordone di tradizione e memoria!

Devo mettere i link ai miei racconti sul tortellino!

Un abbraccio e buona settimana...di passione!!!

Empress Bee (of the high sea) ha detto...

they look amazing and i love your story about gloria... enjoy every one of them honey!

hugs, bee
xoxoxoxoxo

Giangi ha detto...

I tortellini... io adoro i tortellini... del resto, da bolognese arci-doc, non potrei diversamente...

Pensa, io non so cucinare, non so nemmeno cosa sia una cucina, a momenti, se non un luogo della casa dove si cucina, appunto, e dove ci sono armadietti, madie, scaffali, forni ecc. Null'altro so di cosa sia la cucina davvero, e ti dirò, m'infastidiscono non poco persino le trasmissioni, tante, troppe, trooopppppeeee in televisione dove c'è sempre una pentola, un pentolino, un sugo in preparazione e cuoche e cuochi sapienti (saccenti?) che ti spiegano i perchè e i percome.

Poi, però, fortunatamente trovo le eccezioni al mio irritarmi di tutto questo cucinare di qua e di là, per esempio leggendo il tuo blog, così vero, intenso, profondamente umano e contadino nel senso più grande del termine. E mi apre il cuore perfino leggere dei tortellini lasciati a seccare (delitto!) all'aria per colpa del terremoto tremendo del 29 maggio. Ah, come aveva ragione (seppur incosciente, vista la mala parata) Gloria, a non volerli sprecare!

Amo a tal punto i tortellini, che dalla sfoglia, anzi, dal vulcanetto di farina con le uova dentro da sbattere fino alla cottura, li so fare perfino io! Il ripieno so perfino io come si fa (almeno la ricetta di mia nonna, senza dubbio diversa da tutte le altre, perchè il tortellino non ha UNA ricetta, ne ha tanta quante le case e le aie dove veniva raccontata, sperimentata, tramandata, infine realizzata).

Cara Ivana, mi piacerebbe mangiare i tortellini assieme a te, ma... meglio che li prepari tu, mi sa!

Un abbraccio

Gian Marco

Jean(ie) ha detto...

Those look wonderful. I made homemade sausage the other day. Perhaps I need to try to make tortellini. Do you use a machine to make the pasta so thin?

Traveling Bells ha detto...

I buy three-cheese tortellini for my soup on Christmas Eve. I am sure your homemade is much, much better. Yum.

Big hugs, honey...

Anonimo ha detto...

Anch'io oggi ho comperato gli ingredienti per fare i tortellini anche se non ho disdegnato, in passato, utilizzare il ripieno già pronto e in bellavista sul bancone dei nostri droghieri emiliani, ma qua nelle Marche, ancora non ho visto chi lo vende. Anche se i piatti tradizionali sono altri,in tutte le case si mangiano i tortellini a Natale, Pasqua e altre festivita' che raccolgono le famiglie attorno a un tavolo.
Senza tortellini, zampone e raviole dolci.... non mi sembra Natale per cui mi tirero' su' le maniche e li confezionero' ancora una volta. Poi mangiarli sara' una grande soddisfazione per tutti e sarà come essere ancora nel bolognese. Un abbraccio e un grande augurio di Buone Feste a te e al G. da Erminia

Anonimo ha detto...

Ahahah.. io, mai fatti, solo cotti e mangiati: mia suocera li faceva speciali, come mia mamma i ravioli.
L'unica riserva era: Posso scolarmeli prima che cuociano troppo? A me piacciono al dente, gli uni e gli altri.
Fare, so - sapevo - fare bene molte altre cose, ma la pasta ripiena no..
Eppure anche a me sono care le tradizioni: solo che le nostre, ora, la rispettiamo grazie alla figlia.
Tu sei TROPPO brava..
Ma, quanto a Gloria, non ho capito com'erano poi finiti i suoi tortellini terremotati: mi hai messo la curiosità di conoscere la soluzione!
Buone Feste qui, per ora.. e un abbraccio augurale più che mai
Adri

ivana ha detto...

Ciao Bee!!!
Gloria love making tortellini, she works so much, for relatives and friends...it's her life!
Big hugs!

ivana ha detto...

Ciao Gian Marco!
Coi tortellini non sii scherza...ognuno ha la sua ricetta e spesso mi sono davvero meravigliata come anche pochi km possano rappresentare una differenza anche sostanziale...soprattutto se c'è di mezzo anche un corso d'acqua!
Mi piacerebbe però conoscere come fate in casa vostra il ripieno! Da mia sorella si faceva con carni di maiale, parmigiano, mortadella e prosciutto, ma mai che sia riuscita a capire come si regolavano coi pesi, aggiungi questo, poi quello, poi riaggiungi e assaggia adesso, poi ancora...insomma era un rito elaborato, anche alla presenza di marito e uocero...ed era sempre ottimo...la signora Weber (carburatori!) stava tre giorni senza mangiare, per poter riempirsi a dovere quando ranzava nella grande loggia, e magari si era in una cinquantina!!! Che ricordi, ragazzi!!!
Scusa il ritardo, ma anche i pani di natale mi impegnano parecchio e oggi preparativi!
Grazie, ciao!!!


ivana ha detto...

Cara Jean,
you wanto to know so many things about food and tradition, as I do...
Tortellini are a Bologna typical soup, but it's very different from cheese tortellini (we call them ravioli or tortelloni, big tortellini, but not for soup!)
Eggdough made with kitchenmachine and another machine to thin it...you can see it in my blog...I'll send you the links!

Thank you!

ivana ha detto...

Cara Sandy!
Generally our tortellini are meattortellini, and they are special, overall when they are homemade...
Cheese tortellini , bigger than meattortellini, are not for soup, after Italian use!

Big hugs..and wishes for your voice!

ivana ha detto...

Ciao Erminia!
Hai ragione, bisogna ingegnarsi, quando si vive lontani da casa, anch'io facevo così...e ho anche insegnato aamici stranieri, come si facevano...percché finché non si sono sentiti originali, non sanno proprio cosa sono i tortellini!

Un abbraccio forte a te e tantissimi auguri di buone feste a tutta la tua famiglia!!!

ivana ha detto...

Ciao Adri!
Non è da tutti fare i tortellini, mica è di tutti i giorni, io mi organizzo per prepararne come riserva, quando vengono i bambini all'improvviso mica aspettano che sia festa per mangiarli!
I tortellini, o almeno l'impasto per la sfoglia e il ripieno furono, non so proprio in che modo, cucinati presso il campo dei terremotati dal personale della protezione civile, spero che qualche casalinga terremotata abbia potuto spiegare come si doveva procedere! Non sono andati perduti!

Buonanotte...ora vado anch'io, domani sarà una giornata pesante!!!