Passa ai contenuti principali

CROSTATA CON BIETA, RICOTTA, CREMA...

Ancora una mia rustica crostata salata, con lo stesso metodo, la mia brisée solita, mangiata in questi giorni di festa...a dire il vero ho chiesto a qualcuno di portarla in sala da pranzo, prima della cena della Vigilia di Natale e ...poi non l'ho  più vista...né assaggiata, il piatto da portata era già vuoto.
Mi volevo attrezzare per ritagliare dei bocconcini, qualcosa, insomma, di più presentabile...e invece ho visto solo questo scempio...le foto sono state fatte da Tommy, undici anni, che si era offerto come fotografo ufficiale della cena!!!

Una brisée con

250  g  farina 00
120  g  burro freddo a fettine
una punta di coltello di bicarbonato, gocce di limone e acqua frizzante fredda.

In una ciotola ho mescolato con le dita la farina col burro, fino ad avere come delle briciole, ho aggiunto poi l'acqua e ho impastato brevemente, per non bruciare l'impasto.

1   mazzo di bieta, solo la parte verde, sbianchita, scolata e strizzata, tagliata a listarelle
3   cipolle medie tritate
olio evo, 3 cucchiai
sale, pepe, origano e basilico secco 
Fare appassire le cipolle, aggiungere la bieta, le erbe, sale e pepe, e lasciare insaporire pochi minuti. Fare raffreddare.
Crema:
200  g  ricotta mista
6 uova medie (nella foto sono quattro, ma poi ho arricchito con altre due la crema)
2  cucchiai colmi di farina 00
3  cucchiai di parmigiano reggiano + 1 per la base, grattugiato
mezzo bicchiere di latte freddo
sale, noce moscata
Diluire farina e formaggio con il latte dentro a una ciotola antiscivolo, aggiungere la ricotta e le uova uno alla volta, sale e noce moscata.


 Tirare la pasta a disco, per una teglia da forno di 32 cm di diametro, usare anhe la carta da forno, con la forchetta forare la base, e schiacciare il bordo di pasta, cospargere di formaggio, mescolare le verdure alla crema


Cottura in forno ventilato a 170°C per 40 minuti.
 
Il G. mi ha comprato altra bieta...è di poche parole...vuol dire che devo rifarla...per l'ultimo dell'anno, cena in fattoria, è adatta anche là!!!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.
 



Commenti

Sara ha detto…
Una bellissima idea farcire questa torta con la bietola, a mio parere non viene abbastanza esaltata nelle ricette e questo è un buon modo per renderla protagonista!
Traveling Bells ha detto…
I would love to have a couple of slices of that RIGHT NOW, since I haven't had breakfast yet. That would be perfect. Great ingredients.

Stay warm. It sure is cold here.

Big hugs, honey...
Jean(ie) ha detto…
That would be wonderful with a little bit of fruit salad. Yum!
i think tommy did a wonderful job with the camera!

smiles, bee
xoxoxoxoox
Paul ha detto…
Delicious my friend and Tommy's photoograpy work is excellent.

Paul
ivana ha detto…
Grazie Sara!

La bieta sostituisce bene gli spinaci, e io la uso anche nell'erbazzone, poi con le parti bianche faccio diversi piatti, oltre a verdure lessata e condita!

Grazie e un abbraccio!
ivana ha detto…
Ciao Sandy!

It ..vanished!!!
I baked another pie, it's in my freezer for next time!

Big hugs, my friend!

ivana ha detto…
Ciao Jean!

It was a antipasto,
It's also for a lunch, with salat, right!!!

Big hugs, honey!
ivana ha detto…
Thank you, Tommy has got his camera at eight, he took many pics during his school trips, to many cities and town!
Today he brouht the New Year wishes, so he got money from graqnpa!
Have a great first Jan!

Big hugs, honey!
ivana ha detto…
Ciao Paul!
Tommy takes many pics everywhere!

Thank you!
I invited you l2011 to Google+ friends, today I tried again!
But your name here among the comments, is not linkable...I cannot understand why!
Are you follower of mine? I cannot receive the notice of your post of your blog!!!

Greets

Post popolari in questo blog

FEGATO di CINGHIALE....à la nonna ivana

Espressamente per Miss BEE and Paul from Canada!!
Per farglielo apprezzare e gustare!




Circa 200 g fegato fresco di cinghiale (caccia)


1 cipolla dorata circa 150 g,
5 pomodorini dell'orto ( ancora di questa stagione...tardivi, quindi non sono molto rossi!)
sale e pepe nero macinato fresco
olio extra vergine d'oliva

Due padelle antiaderenti

Rosolare in due cucchiai di olio, dolcemente, la cipolla tritata, aggiungere i pomodorini a fettine e cuocere una decina di minuti



Intanto mettere 3-4 cucchiai di olio nella seconda padella, scaldare bene, cuocere velocemente voltando un paio di volte le fette di fegato asciugate bene.
Salare e pepare solo alla fine, servire subito, e rifinire con la salsetta!



PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce!
Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri.
Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più!
Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!
 Stavolta invece ecco come ho fatto!

Testo e immagini di ivanasetti




6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati
1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri
1/2  limone, succo
2  cucchiaini di prezzemolo secco
2  cucchiaini di salamoia bolognese
2+2  cucchiai di olio e.v.
2       cucchiai di pangrattato bianco secco


Ve…

ZUCCHINA TROMBETTA...a COTOLETTA e FANTASIE di nonna ivana

La trombetta qui da noi è una stravaganza, che qualche famiglia mette nel suo orto, proprio per sfizio, poi al momento della raccolta, non sanno più che farsene, per questo le distribuiscono a destra e a manca!
A me succede che le ricevo da qualcuno, che a sua volta le ha ricevute...si fa il passa mano!
Io sono ben contenta, le ho cominciate ad apprezzare da alcuni anni, ne ho fatto alcune ricette, un po' diverse da quelle che uso per le zucchine verdi o quelle chiare, come faccio per quelle tonde, anch'esse non proprio frequenti sulle nostre tavole.
Vado qualche volta negli orti dei pensionati, proprio qua vicino, per ammirare le zucchine lunghe e sinuose, dal corpo bello sottile dal picciolo, che poi si allargano a fiaschetta all'altro estremo!


Esistono dei piatti particolari che nella loro semplicità tradizionale ti danno sensazioni di conforto, appagamento...purtroppo sono spesso dei cibi pesantucci..ma qualche volta possiamo lasciarci andare...anzi, il piacere di gustare…