domenica 29 luglio 2012

PESCA NETTARINA, LAMBRUSCO...e GELATO, un PICCOLO DESSERT ESTIVO

Sabato il G. ha fatto spesa alla c...d, e in omaggio hanno dato una confezione da 1.5 kg di pesche nettarine a polpa gialla, di prima qualità!
Ho subito pensato che fosse per smaltire frutta troppo matura, invece erano impeccabili, proprio giuste per farci un qualcosa che mi frullava in testa!
Il Lambrusco nelle nostre famiglie fin da quando ricordo, e si va alla prima metà del Novecento, era un elemento che entrava in parechi piatti, persino nel brodo dei tortellini, nella macerazione delle fragole e pure nella preparazione delle pesche, d'estate, nelle granite, per "tocciare" la ciambella o brazadela, e mi pare che anche con la polenta avesse a che fare!
 Bene, mi prendo due nettarine medio grandi, che possono bastare a noi due, in fondo è una prova, non so neppure come va a finire...come il solito, modifico durante l'esecuzione!


Farcirle? Non ho amaretti, poi il burro non è fresco, ho dei formaggi spalmabili e della ricotta, ma a quelli penserò in un'altra occasione!

Testo e foto di ivanasetti
ecco gli ingredienti base...

Prendo un tegamino dove mettere le quattro metà di pesca, verso pure, con la bottiglia il Lambrusco per due dita, e per scrupolo cospargo dei pizzichi di zucchero semolato sulle pesche, un cucchiaino in tutto),  pongo al fuoco a fiamma bassa, coperto, 



lascio cuocere una ventina di minuti, tolgo le pesche che lascio raffreddare su un piatto e continuo a ridurre il vino sulla fiamma (ho preso delle misure e dei tempi un po' alla carlona...questo è un prototipo, mia maniera, passibile di miglioramenti...a me soddisfava l'idea in sé!)

Dopo una ventina di minuti, ero uscita di cucina un momento, ho visto il Lambrusco tutto ridotto, come una glassa, quindi la prossima volta metterò più vino e starò a controllare!!!


Senza troppo pensare, con un cucchiaio decoro le pesche nel piatto...lascio riposare al fresco...poi cerco del gelato in freezer, ma trovo un unico cornetto gelato


Alla men peggio distribuisco il gelato sulle mezze pesche con pezzetti di cialda...e il G, che brontola ogni volta che "pasticcio" in cucina, si lecca pure i baffi...senza dire neppure una parola!
Arrossisco per questa preparazione tutta scombinata, poco estetica...ma da me non ci si deve aspettare niente di perfetto, non fa parte della mia natura!
Quindi mi prendo nota di eventuali varianti e aggiustamenti, come cottura, presentazione!


La riduzione del Lambrusco ha un sapore delizioso, è una glassa morbida e vischiosa e bella lucida!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.
 











10 commenti:

Empress Bee (of the high sea) ha detto...

i was laughing so hard picturing the g licking his whiskers and not talking! too funny.

i have been eating nectarines each day as well but i didin't cook any, just ate them!

smiles, bee
xoxoxoxoox

Jean(ie) ha detto...

that looks like a wonderful combination. I can imagine the grape-ish taste of the sweet lambrusco gave a nice rich roundness to the nectarines.

I've done strawberries with a "white zinfandel" (which is a pink, sweet wine. Just added a tad of sugar and a tad of vanilla. You just slice the berries and let it sit in the wine for a couple of hours. All fresh, no cooking. you got the sweetness of the wine with the tart-sweet berries. Makes a fresh-tasting dessert.

Dida ha detto...

Bella ricetta, come al solito hai realizzato una leccornia con quello che avevi a disposizione. Grande Ivana, tanti "chef" avrebbero da imparare da te.

ivana ha detto...

Ciao cara Bee!

It was the adventure with the nectarines...an experiment, as usual from me!!!
It was very funny!!!

Have an amazing new week, honey!

big hugs!!!
xoxoxoxoxo

ivana ha detto...

Ciao cara Jean!
We always used wine with strawberries, it's a countryside tradition!
I see that you (generally your people) and many modern cooks use so many spices, I love natural flavour of fruits, veggies, meat, fish, so I do put very little spices...they were necessry when food could not be refrigerated, it was dangerous for infections, and spices were used like disinfectant!
I hope I expressed right, I use no translator!!!
I've to adjust the recipe, less cooking time, more wine, cleaned peaches from the cooking juice

Have a wonderful new week!!!

Big hugs, my friend!!!

xoxoxoxo

ivana ha detto...

Cara Dida!

Non esageriamo...mi arrangio, poi la mia imprecisione ha sempre il sopravvento..ma le idee mi piacciono, con piccole cose raggiungere un minimo di sorpresa!
Sto pensando all'aggiustamento..prima che mi finiscano queste nettarine ottime!!!

Un abbraccio cara!
Sai che puoi vedere in Wikipedia francese Nin, l'isola suggerita da Ettore...una interessante zona da visitare, con una grande storia dietro!!! Piaxcerebbe anche a me andarci!!!

Traveling Bells ha detto...

Ciao Ivana!

You can experiment on me with your food...any time! This recipe sounds delicious and I think, looks mighty good.

Big hugs, honey...

Anonimo ha detto...

Lambrusco olè!!In fondo al cuore di ogni emiliano c'è un angolino per il buon lambrusco,al naturale o cotto che sia.
Bella e buona la tua preparazione che copierò appena possibile. Abbracci Erminia

ivana ha detto...

Ciao cara Sandy!

I figure you 'd be a good tester!
Thank you, too many compliments for my little exeriments!

Have fun in your reign!

Big hugs!

xoxoxxoxo

ivana ha detto...

Erminia cara!

Forse a Cento il lambrusco è meno frequente sulle tavole e lì da te forse ancor meno, io però non ne farei mai a meno! Non mi devemai mancare, o quello di mia sorella o cantine fidate!

Un abbraccio...sempre parecchio caloroso, per il caldo torrido e la siccità!