martedì 17 luglio 2012

CREVALCORE...BY NIGHT...RIFLESSIONI

Ancora tre giorni e sono due mesi dalla prima scossa del terremoto!
Da qualche tempo la vita serale e notturna del paese presenta una fantasmagoria di luci e suoni, musica e movimento! Pure noi ci siamo mossi, ma molto timidamente, siamo stati ad una cena a Bevilacqua come se nulla fosse successo, proprio come negli anni scorsi...ma la chiesa lì di fianco aveva le ferite ben visibili nell'abside e nella facciata...e il pensiero era richiamato alla realtà.
Abbiamo assistito pure a un concerto corale di canti dialettali, un primo approccio con lo spettacolo, in un'atmosfera rarefatta, ma l'attenzione per me è stata intensa, ne ho scritto, Concerto dei Castellani della Valle, di Crevalcore, sotto la direzione di Gian Marco Grimandi, bolognese, ma cittadino d'adozione della nostra cittadina.
Poi si sono attivate altre manifestazioni, in tono minore, dislocate, ma gradevoli, attirano coloro che sono rimasti dopo il terremoto...e  sono quattro sere che il G. ed io abbandoniamo la nostra routine di anziani pantofolai, per immergerci nel bagno di folla...
Come ho riportato, è stato allestito lo stand della Pesca di Beneficienza pro Asilo Stagni, quindi per noi e gli amici è il riferimento principale, ho riportato le immagini in altri post, siamo in buona compagnia, ci si conosce un po' tutti, si ascolta la musica di un gruppo che si è piazzato proprio di fronte, e anche il bar, l'unico non lesionato del centro, è affollatissimo...lì si mangiano dei buoni gelati, ce li siamo gustati pure noi!
Tutta la circonvallazione è piena di auto parcheggiate, da diversi punti arrivano le musiche, si balla anche, penso...ma noi stiamo vicino al bancone della Pesca, e vinciamo pure, in sala abbiamo un enorme borsone, abbiamo vinto il premio numero 2, una coperta termoelettrica, in pura lana vergine, che guarderemo alla luce del giorno!
Mi sento allegra, si scherza, sembra tutto normale, ma quella Porta Bologna sbarrata e puntellata è un'immagine quasi minacciosa, mi blocca le parole, mi dà una specie di sbandamento...e mi viene improvviso il desiderio di affacciarmi in quella piazza proibita, tutta illuminata, ma deserta e silenziosa...così a piedi passeggiamo lungo i viali per arrivare ad imboccare quasi dalla parte opposta del paese la via Bai che è l'unica via che dal sud sbocca sul corso Matteotti, l'ho percorsa già due volte, ma voglio vedere la piazza nella notte, nel suo silenzio innaturale, con la luce che invano illumina palazze e portici, transenne e detriti, macchinari e legni.
Cammino di fretta, gli altri dietro, più stanchi e lenti...eccoci arrivati...
Siamo a cinquanta metri da Porta Modena, o da Sera, e infatti si può vedere attraverso il voltone, libero dalle camionette, è trascorsa un'ora dal tramonto, non è notte fonda, le luci hanno meno contrasto, sembrano velate!

testo e immagini di ivanasetti
   Nessuno sta camminando su questo selciato rifatto appena un paio d'anni fa, nessuno sotto le arcate dei portici, perché, a parte un breve tratto di pochi metri dichiarati agibili, tutto il resto è prigioniero dietro transenne non proprio rigide, ma tanto severe, invalicabili!


I lavori di rafforzamento dei muri sono in attesa delle luci del giorno, allorché i macchinari, le gru, i martelli pneumatici riprenderanno la convulsa opera di ristabilire una certa sicurezza, per far rivivere questo centro, un gioiello urbanistico, ma tanto fragile.



E a quasi trecento metri, all'altra estremità della piazza, si può vedere Porta Bologna, oltre la quale si trova lo Stand della Pesca, da dove veniamo, ma che non si può raggiungere attraversando la piazza...e io provo tanta nostalgia di quel nucleo vitale della nostra vita sociale, il Municipio, la Chiesa Parrocchiale, il Campanile e il monumento a Marcello Malpighi...una nostalgia pungente, e opprimente come un peso!



Un silenzio e un abbandono che stridono con la illusoria frivolezza oltre quelle porte, dove si canta, si suona, si balla, si ride e si gioisce dello stare insieme...a volte sdraiata sul letto, nella notte, ascolto la musica che mi giunge attraverso le finestre aperte e dopo un po' di disagio, di quasi disapprovazione, mi arriva una specie di giustificazione, di comprensione...oltre al beneficio in denaro che queste manifestazioni sorte tutte a scopo benefico produrranno, possono anche essere considerate delle sedute psicanalitiche e psicologiche, per salvarci dalla depressione!

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


19 commenti:

Anonimo ha detto...

Non è illusoria fivolezza bensì la voglia di continuare a sentirsi vivi e membri di una comunità.Benvengano concerti, raduni, pesche e ogni altra cosa che crei gruppo e solidarietà.Stare assieme aiuta certamente tutti così come terapeutico puo' essere questo tuo scrivere di emozioni e note di vita. Tu sai bene che quando ti leggiamo, e non solo in quel momento, siamo con tutti voi. Abbracci Erminia

T.. ha detto...

Ivana vi pensavo proprio due sere fa...al concerto davanti alla Chiesa di Mingardi, l'anno scorso...
un abbraccio grande e bisogna guardare avanti e cercare di cogliere quanto di positivo si può ricavare da questa esperienza.
Un bacione!

Empress Bee (of the high sea) ha detto...

oh honey i think of you and this every day and pray for the best for you. your attitude is so good, you go forward and not back.

big hugs, bee
xoxoxoxooxox

Giangi ha detto...

Cara Ivana, magari ce ne fossero sempre di manifestazioni che animano la sera e la giornata di Crevalcore: non sono frivolezze o illusioni, sono d'accordo con... Anonimo, ma necessari e doverosi colpi di vita che ridanno fiducia a tutti.

Crevalcore è viva, Crevalcore è piena di gente che vuole ritornare alle abitudini care (anche a me) della passeggiata in centro, de caffè sotto il portico ecc. Questa musica, queste iniziative servono a quello, non a innalzare vanità o inutili stridenti gioie fittizie.

Coraggio e forza, la strada non sarà breve, ma è già intrapresa, e per fortuna che lo è già.

Un abbraccio forte

ivana ha detto...

Grazie Erminia!

Hai sempre dei concetti positivi e ben esposti e te ne ringrazio!
Sì, è vero, sono come iniezioni di coraggio, di speranza...
Stamattina sono stata pure al mercato, che la settimana scorsa, alla riapertura dopo tante settimane non avevo avuto il coraggio di fotografare. mentre oggi mi sono lasciata andare!

Un abbraccio, cara!

ivana ha detto...

Cara Tiziana, è vero mi fece un gran piacere incontrarvi in piazza quella sera, la fiera quest'anno non ha avuto luogo e la piazza che intravedo è muta e vuota di vita!
Speriamo che si trovi una soluzione per riaverla, in qualche modo!

Buona serata a te!

Un abbraccio e salutami tanto la tua famiglia!

ivana ha detto...

Ciao Giangi!
Hai ragione, siamo anche gente, noi emiliani romagnoli, che si esprime sempre nella sua gioiosità e positività. amando feste, compagnia, cibo e tanto altro che non troviamo da altre parti...grazie al cielo, dico per noi, che siamo così!
Però pur essendo in compagnia, ieri sera, dovevo ritornare su quel tratto di piazza per riflettere!
Grazie!

Un abbraccio!

Anonimo ha detto...

Un salutino veloce, cara Ivana: grazie delle tue riflessioni, sempre sfumate, sempre intelligenti. CHIARA

Jean(ie) ha detto...

I'm so glad they are providing you all a chance to get together and enjoy activity. Also glad they are helping people with depression after a time like this.

Am I correct that you won a prize? Was this where you got your trout?

Big hugs from the west!

Anonimo ha detto...

Cara Ivana, le tue foto fanno comprendere anche troppo bene i sentimenti che suscita il vedere i luoghi amati apparentemente intatti, o quasi, e non poterli "vivere" appieno, percorrere le vie, incontrarsi nelle piazze, dover sopportare che siano vuoti e vietati, illusoriamente alla vostra portata, MA chiusi, non si sa per quanto.
Certo la speranza c'è.. non lasciatela impallidire!
Su con la vita! Le nuove generazioni aiutano, in questo, no???
CERCO di predicare bene, Ivana, ma.. spesso ricado nel mio "razzolare male": al posto tuo, chissà mai come mi comporterei.. lasciamo perdere.
Buona giornata, un abbraccio da
Adri

Traveling Bells ha detto...

I am so glad that you are having a bit of fun again. Keep it up!

You know that life is good...and will get even better as time goes on.

Big hugs, honey...

Puddin ha detto...

La notte porta sempre una vista piu ovvatata..sembra che tutto dorme un sonno tranquillo aspettando il sole. Ma finalmente si vedono gente che sorridono e potete di nuovo dire che la vita sta diventando 'piu normale'. E questa la cosa piu importante. abbracci da un ponente molto soleggiato e poco fresco

ivana ha detto...

Ciao Chiara!

Mi fa piacere leggerti ogni tanto, anzi rende più prezioso il rapporto!

Buon luglio, spero di vacanza e riposo!
Un abbraccio!

ivana ha detto...

Ciao Jeanie,
our people is joyous and strong, it helps psichologically everyone...and we get courage to continue and to re-build the activities!

Have a lovely Friday!
Big hugs, honey!

ivana ha detto...

Cara Adri,

queste sono situazioni abnormi, ma in un certo senso il tempo aiuta, l'esaurirsi dell'energia sismica (speriamo duratura!) ci rende più forti e speranzosi...ma le riflessioni servono per farci stare aderenti alla realtà...non dobbiamo intontirci con troppa divagazione!

Un abbraccio...chiedo scusa se sono sempre in ritardo, ma lo studio è una fornace, e ne scappo subito via!

Un abbraccio, a presto!

ivana ha detto...

Thank you, Sandy!

Time helps to mild the pain...we have to help ourselves!!!

Big hugs, honey!

Have fun with your family...on the river!!!

ivana ha detto...

Ciao Paula!

Dalla notte al giorno la piazza ha sempre l'abbandono, la differenza sta che di giorno risuonano le voci degli operai, i rumori dei macchinari, delle gru, dei compressori...speriamo che portino presto a una condizione più rasserenante la gente che ci deve tornare a vivere e a lavorare nelle attività, uffici, banche ecc...


Un abbraccio dal caldo atroce e dalla siccità!!!

Grazie!

Anonimo ha detto...

...anche qui in Toscana, che siccità! Cammino per i campi e sollevo una polvere bianca e fine, come sabbia. Perfino le ginestre seccano, i rosmarini... Che tristezza. E quante colpe abbiamo! Buonanotte. CHIARA

ivana ha detto...

Ciao Chiara,

grazie per il saluto notturno!
Allora sei nella tua Toscana! Davvero prati aridi, solo fili gialli e chiazze calve polverose, dove l'erba sembra sparita.
Un anno strano questo, con un inverno freddissimo e nevoso, almeno qui da noi, colpe nostre, senz'altro, non facciamo che offendere la natura e questa nostra Europa un tempo verde e generosa, oggi ha questi eventi negativi!


Buona notte, cara!

Un abbraccio!