martedì 8 dicembre 2009

FINALE EMILIA...la SFOGLIATA

sfogliata degli ebrei



Oggi, 8 dicembre 2009, dovrebbe essersi celebrata la Festa della Sfogliata o Torta degli Ebrei, un tipico cibo di Finale, che ha dietro di sé una lunga storia, che ho riportato nel post di due anni fa, circa!
Domenica ho fatto una corsa a Finale, in anteprima, per documentarmi, ma soprattutto per assaggiare questa specialità!
In un piccolo forno ho potuto acquistare un paio di tranci dello gnocco ancora fumante, dal profumo intenso, non di spezie o erbe, ma di buon strutto e parmigiano!
Naturalmente questa non può chiamarsi degli Ebrei, per l'uso dello strutto di maiale, ma nel giorno della Festa viene offerta, accanto alla versione moderna, anche la versione originale con lo strutto di grasso d'oca.
Praticamente, come ho riportato nella ricetta ufficiale del sito del Comune di Finale E., con farina, strutto, parmigiano si riesce a preparare un cibo caratteristico, robusto, che richiede però una grande forza, il lavoro a mano per confezionarlo è complesso e quasi rituale, per le ripiegature e la tiratura a sfoglia sottile, per la regolare ingrassatura dei fogli, secondo l'usanza tramandata da secoli!
Senz'altro un cibo investito di elementi simbolici.

12 commenti:

Empress Bee (of the High Sea) ha detto...

looks delicious! jewish food has so many traditions and is always so good. i have many jewish friends and i love the food.

smiles, bee
xoxoxoxoxoxoxo

ivana ha detto...

Ciao Bee!

I hope sarge is feeling much better than last days!
Have a great day!

smile!

xoxoxoxoxo

irene ha detto...

Molto ma molto interessante, è incredibile quante tradizioni abbiamo in Italia...una sfoglia simile l'ho mangiata nelle Marche e mai più vista da nessuna altra parte...purtroppo...!!!Acquolina allo stato brado!!!
Ti mando come sempre mille baci e tanti beni anche alla tua famiglia!!
Buona giornata Ivana!!!
Irene

ivana ha detto...

Ciao Irene!
Sì, le tradizioni "ci sarebbero", se noi li volessimo considerare nella loro ricchezza sociale e culturale...ma non sempre accade!
Il rifiorire in molti territori del concetto di slow food, porta a recuperare usanze delle nostre famiglie, e vi sono tesori immensi...dal "sapere" manuale nell'elaborare cibi tipici, al percorso storico di certi piatti!
Ho messo alcuni esempi, dalla storia del tortellino, del tortellone, della beccheria del maiale, questa sfogliata, la lumaca con ricetta del '600 e tanto altro!

Grazie cara Irene...ricambio a te e famiglia!!!

Scarabocchio ha detto...

Aaah assissina!!!
Io sono a stecchetto e tu mi ricordi quella sfogliata succulenta!!!
^^

ivana ha detto...

Ciao Anna!!!

Sì, è succulenta, rustica per i sapori elementari, ricca in calorie...per fortuna che si fa solo nei mesi freddi, altrimenti non sarebbe consigliabile come colazione, come lo era un tempo!!!
Un abbraccio!
Ciao!!!

Paul from Canada ha detto...

Food glorious food. What would we do with out our fantastic food. I think you and I would be bored everyday without the opportunity of cooking and baking. Will I see some of your Christmas baking goods? See you.

Paul

ivana ha detto...

Ciao Paul,
It's true...it's a wonderful game..to day I cooked so much!!!

Have a great wednesday!!!!

Ciao!!!

Bibliotopa ha detto...

vabbè, sfogliata, ma il ripieno di cos'è?
io sono abituata alle sole sfogliate dolci, dalla nostre parti

ivana ha detto...

Ciao Biblio!

Solo farina e acqua per la pasta e poi un rituale lungo con spianatura della pasta e "ingrassatura" con strutto di maiale (per gli ebrei era strutto di oca!)
La ricetta è riportata nel post che ho "linkato" sopra, dove c'è tutta la storia!
Oggi sono stata da Gloria, l'amica 85enne finalese, ma che abita qui da oltre 50 anni, che per anni la confezionava in casa per gli appassionati di questa sfogliata.
Farina, acqua, strutto e parmigiano!

Ciao!!!!

Grazie!!!
Buona serata!

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Qui, in Provincia di Mantova, c'è l'Erbazzone, che è molto simile.
Vi invito a leggere il mio articolo sul mio blog, http://italiaemondo.blogspot.it/2012/05/cera-una-volta-finale-emilia.html.
Cordiali saluti.

ivana ha detto...

Salve Antonio|

Esiste l'erbazzone in molte nostre zone, soprattutto montane dell'Appennino, nella provincia di Reggio e anche Parma.
Ma il metodo è diverso, la farcia è contenuta solo fra due fogli di pasta, quindi penso che per affinità anche quello mantovano abbia questo metodo, che utilizzo anch'io in molti erbazzoni di verdure varie.
La torta degli ebrei finalese è a carattere anche simbolico, per la molteplicità dei veli di pasta, ogni volta ingrassati e conditi con parmigiano. E' un procedimento lungo e anche faticoso!
Conosco molto bene Finale e ne ho scritto parecchio, purtroppo ora è tutto una rovina nel suo centro storico e non solo!

Grazie!