martedì 22 dicembre 2009

PANETTONE 2009 alla mia maniera, o PANONE o PANE di NATALE


Procedimento e ricetta nel PANONE 2008


Ho adattato, come faccio tutti gli anni, un'antica ricetta delle nostre parti, che potrei riassumere con questo esempio della mia amica Laura, 87 anni, scritta agli inizi degli anni Cinquanta! (non trovo la scansione...devo cercare ancora!!!)
Io procedo diversamente,  per incontrare i gusti dei figli, che vogliono avere un dolce che sia come un pasticcino semisecco, frollo, ricco di frutta secca, fichi, uvetta, savor, cioccolata, canditi in giusta misura, più gli ingredienti della nostra brazadela!
Spero di avere ottenuto un panone di gradimento!


Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.


Testo e foto ivanasetti










16 commenti:

Empress Bee (of the High Sea) ha detto...

i have only seen this in stores for sale here, never home made before. i have also never tasted it but it looks wonderful!

no chemo today, more tests all week long. don't know any news, very scared though... please pray.

smiles, bee
xoxoxoxoxoxoxo

ivana ha detto...

Dear Bee!
I do pray...the tests will be o.k.!
I woke up with sore throat, I hope I can feelgood for the next days, I've so much to do!!!
These bread are really rich and tastefull!!!

I wish you and sarge a serene day!

hugs!!!!

angela ha detto...

Ciao,
i tuoi "pan di natale" mi sembrano squisiti, io non li ho mai fatti : perche' non pubblichi la ricetta cosi' provo a farli assaggiare ai miei cognati per capodanno?
Qui fanno gli strufoli e anche una specie di sabatoni ripieni di castagne e cioccolato, fritti e ricoperti di miele, una bomba ma buoni davvero,poi i mustaccioli alla cannella, i roccoco' ecc...sono tutti molto golosi. Un abbraccio (anche a zia Irma) Angela

ivana ha detto...

Cara Angela,
grazie!

La ricetta è già nel blog in pane di natale dell'anno scorso, con utta la descrizione.
Quest'anno ho macinato meno frutta secca e ho lasciato più morbido...sono come una torta semisecca, che si scioglie in bocca..li ho bagnati con saba e liquore, perchè avevo poca saba e i panettoni sono grandi, li ho avvolti in pellicola, e messi in cantina, poi li devo incellofanare e fare i regali!!!

Stamattina ho fatto le raviole natalizie,bagnate nell'alchermes e rum e arrotolate nello zucchero semolato, proprio come faceva una mia vicina che lavorava per i notabili del paese.!!!!

Scappo...magari ti mando tutte le foto step by step, in quanto ne faccio sempre parecchie!

Ciao...auguri!!!

Christmas Paul from Canada ha detto...

Good morning Ivana. I went to the doctor yesterday and he said I had a virus so he gave me some antibiotic that should get rid of this sickness. He gave me enough for 10 days. You better check yourself about that throat.
That Christmas cake looks very interesting. I;m all done baking for this Christmas year. Now we just eat it. Ha,ha,ha. and gain weight I guess. Have a good Tuesday my friend.

Paul

ivana ha detto...

Ciao paul!!!
Throat and back, cooking for Christmas is awful!!!
I rest some minutes!!!
Glad you got an antibiotic, so you are fit for the next Feast days!!!
Ciao!

angela ha detto...

Ciao, ho trovato la ricetta ma quando scrivi un cucchiaio di spezie a cosa ti riferisci? Tu quali spezie usi? Con la saba vanno bagnati caldi? Una sola volta o ripetutamente? Grazie , ciao, Angela

Anonimo ha detto...

Che belle ricette Ivana!
Un saluto e un augurio di buone feste da chi viene spesso a visitare il tuo blog!!!

:-)) ciao!!! Annamaria

Anonimo ha detto...

Come sempre ti faccio i complimenti,e ti devo dire che li faccio anch'io molto simili ai tuoi, una variante è che io la farina, le uova, il burro e il lievito li aggiungo dopo 3 o 4 giorni al composto che ho preparato con gli altri ingredienti e poi via in forno. E' vero è una faticaccia però quando ti fanno i complimenti perchè sono buoni diventa una soddisfazione. Buon Natale Francesca

ivana ha detto...

Ciao Francesca!
Ho modernizzato il metodo, lascio a bagno in liquore misto solo fichi, canditi e uvetta...
Il fatto è che voglio raggiungere un impasto tipo torta, perché i giovani vogliono sapori di oggi!
Ogni famiglia fa il proprio panone, e anch'io non li faccio sempre uguali!

Ciao e Buone Feste!

ivana ha detto...

Ciao Annamaria!

Grazie..
A presto e Buone Feste!

ivana ha detto...

Ciao Angela!

Le spezie sono in una bottiglietta, possono chiamarsi MISTO SPEZIE, o Spezie per dolci mnatalizi, si trovano al supermercato, le trovavo alla coop, poi ora non le vedo, ma alla Meridiana a S. Giov Pers, le ho trovate, altrimenti metti cannella, noce moscata,cardamono, chiodi di garofano macinati!
La saba la metto a freddo, solo una volta, perché li avvolgo subito nella pellicola e li metto al fresco, poi li incarto da regalo!
Il miele si mette bollente sui pani a freddo, almeno il vapore della cottura deve sempre essere tutto uscito.
Stavolta ho fatto separatamente, uvetta, fichi tagliati piccoli e trito di canditi li ho lasciati bagno in un liquore, separatemente per alcune ore!, poi ho messo tutta la frutta secca, il savòr,le uova, il burro sciolto, quindi le parti farinose, farina e macinato di mandorle, noci, nocciole, bagigi, se occorre latte, aggiungerne un po'! Deve essere un impasto che si stacca con fatica dal cucchiaio!
Un'ora di cottura, prima a 180 per un quarto d'ora poi a 155-160 ventilato:
Non ho ancora riscritto la ricetta di questi di quest'anno, che sono leggermente diversi!
BUon lavoro!

Renata ha detto...

Carissima Ivana,
il tuo panettone sembra quasi un zelten trentino.
Ti auguro un sereno Natale e un 2010 esuberante di nuove ricette.
Renata

Sandy B ha detto...

Ciao Ivana!

Hello from Santiago where I have free internet today, so I am able to visit your blog and say HI. I have missed reading about your adventures.

Your cake sounds so much better than the store bought ones that I have had. I do like them better than our American fruitcakes. Wish I could stop by for a slice.

Big hugs for a very Merry Christmas, my friend!

ivana ha detto...

Ciao Renata!
Non posso dire che sia il "mio" panone, perché è quello della nostra tradizione locale, che a me fa piacere continuare!
E' il pane ricco di Natale, dove si profondono i doni dell'autunno, la frutta secca o conservata, o candita, le uniche cose di cui si disponeva nelle nostre campagne, quando i frutti erano ancora quelli autoctoni, non viziati dalla coltura forzata!!!
Per questo si trovano tante affinità con prodotti di altre zone, soprattutto a carattere rurale!
Grazie e buone feste!!!

ivana ha detto...

Ciao Sandy!
I'ld be glad to have you here for a slice bread!
Thanks for visiting, I missed your comments!!!
See you soon!!!
Hugs!!!