giovedì 29 gennaio 2009

Bigoli con radicchio di Vr e prosciutto

La pasta all'uovo alla bolognese è sempre il piatto forte in casa nostra, e tutte le settimane ne preparo di diversi tipi.

Bigoli al radicchio di VR e prosciutto!





Dalla pasta all'uovo avanzata dalla preparazione di tortellini, ho ricavato
tre sfoglie, tirate con la macchinetta fino alla terz'ultima tacca, che poi ho
passato al taglio nella trafila per vermicelli sempre con la macchinetta, un
accessorio che non era in dotazione alla macchina, ma acquistabile a
parte come anche per altri formati.






Circa 300 g di bigoli all'uovo

250 g di radicchio di VR
50 g prosciutto crudo a fettine
2 scalogni
2 spicchi di aglio
olio, sale, pepe
ev. parmigiano a scagliette

Preparare il condimento:
tagliare a pezzettini il radicchio, tritare gli scalogni e l'aglio.
Scaldare l'olio in una padella, farvi appassire scalogno e aglio, aggiungere
i radicchi e coprire bene con coperchio più piccolo del tegame, in modo che
non evapori niente. , dopo un 15 minuti, aprire, salare pepare, mettere il
prosciutto tritato e chiudere solo per un paio di minuti per fare insaporire.
Cuocere al dente, scolare, quindi versare nella padella e insaporire.
Mettere formaggio a scagliette sul piatto caldo...o anche senza, come
preferisco io, per gustare appieno il sapore delizioso del ragù.

6 commenti:

Bibliotopa ha detto...

questo mi sa che ce lo facciamo oggi a casa, magari solo il sugo, e invece con pasta industriale, secondo me andrebbe benissimo pure con normali spaghetti.

Anonimo ha detto...

sei forte

ivana ha detto...

Cara Biblio,
questo doveva essere il piatto della domenica...e invece il G. me lo prepara di giovedì!!!!
Sì, faccio in genere con penne e anche con spaghetti, e spesso metto lo speck, penso che sia nel cucinario, o anche, (per la domenica!!!!) i garganelli, anche perché non mi è difficile fare la pasta all'uovo, che faccio tutte le settimane per alcuni pasti, col mio robot!

Grazie..sono di ritorno tardi, Terry è con febbre!!!
ciao!!!

ivana ha detto...

Cara/o Anonimo

grazie dell'apprezzamento...che gradirei più palese...se non vuoi farti riconoscere da altri, basta esprimere che non vuoi che lo pubblichi, e io non lo pubblicherei!
Se invece vuoi essere anonimo a me...peccato, che non so chi sto ringraziando!

Ciao

Bibliotopa ha detto...

fatto, venuto bene, ma forse nelle dosi fatte da me il prosciutto nascondeva un po' il gusto del radicchio. Con gli avanzi del prosciutto crudo, un finocchio rimasto in frigo ed una brisée oggi ci facciamo una bella torta salata al finocchio e prosciutto ( e tre uova intere sbattute sopra).

ivana ha detto...

Bene!!
Può darsi!
Io ho curato questa cottura in modo particolare, in quanto non aggiungo liquidi, nè vino, e il coperchio così aderente rende morbida e succosa la verdura, per cui il suo umore e sapore rimane integro, e io ci tengo a non rendere confusi i sapori, sempre poche spezie, almeno mi sembra!!!
In queste settimane non butto niente delle verdure fresche, recupero le foglie esterne con questo metodo, e mi piace davvero!

Ciaoooooooo!!!
la tua crostata salata penso proprio che sia ottima!