Passa ai contenuti principali

SAGRA a S. BIAGIO in Padule /MO 2009

19-25 Agosto, Sagra della B.V. delle Grazie nella frazione di San Felice s. Panaro/MO
Qui illustro l'aspetto religioso della manifestazione, che si abbina a una grande fiera dei motori agricoli, delle attività della campagna, quali trebbiatura, messa a macero della canapa da fibra, come si fa il parmigiano reggiano ecc...




La Chiesa Parrocchiale di San Biagio in Padule celebra ogni anno nella settimana dopo Ferragosto, la B. Vergine delle Grazie, e a metà sagra, si svolge la processione in onore della Vergine. Vi partecipa moltissima gente.
La Chiesa è già citata nel XIII secolo, e già dal Basso Medioevo era Parrocchia autonoma.








cappella dove viene custodita la Immagine della Vergine





Il carro è pronto davanti al sagrato, verrà posta l'immagine della Madonna, opera carpigiana del XVII secolo,nella teca di vetro. Poi la processione si avvierà e percorrerà per un tratto la strada comunale che attraversa per il lungo la frazione.





parte anteriore del bellissimo carro agricolo dell''800, con intagli, e decorazioni





parte posteriore del carro





vista della parte posteriore della chiesa, con abside circolare e campanile





Dalla cella campanaria comincia il concerto delle campane, azionate da 4 esperti campanari.





dopo che tutti i preparativi per il trasporto dell'immagine venerata della B. V. delle Grazie sono terminati, il carro trainato dai due bianchi buoi romagnoli si avvia,dietro al gruppo dei sacerdoti e dei chierici








altarini all'interno dei cortili, che testimoniano una partecipazione viva della popolazione del luogo



Commenti

Anonimo ha detto…
Veramente carine le tue foto cara Ivana. Ci fai far sempre delle belle passeggiate per i tuoi posti... CHIARA
this is very interesting again! i learn so much when i visit you my friend... i went back and looked at the tomato sauce again too and the cats as well! it is fun here!

smiles, bee
xxoxoxoxoxoxoxo
ivana ha detto…
Ciao Chiara!!!!
Grazie, mi piace interessarmi ai piccoli eventi dei paesi abbastanza vicini e partecipare il mio entusiasmo!!!
Un abbraccio!!!
ivana ha detto…
Ciao Bee!

It's fun...I look at the worl, as it were new, with curious eyes and mind!
The cats, the hens, are like friends, who understand our life!

Thanks!

Ciao,un abbraccio!!
xoxoxoxo
Sandy B ha detto…
Ciao Ivana...
Thanks for the chance to visit your country again, through the internet, and enjoy the beautiful churches, places, people, and critters! Your photos are great. Big hugs to you...
ivana ha detto…
Ciao Sandy!

You see, I consider the other aspect of Emilia Romagna, the little realities, little towns and villages...we also have other valuable things like Ferrari, Maserati, Fashion production, but my interest looks for the tradition world!

Thank you!

Un abbraccio

xoxoxoxoxoxo
Anonimo ha detto…
Ciao Ivana!
Ho appena scoperto il tuo blog cercando proprio la sagra del mio paese su internet :-)
Sono contenta ke ti sia piaciuta, peccato sia già finita, ma spero verrai a trovarci anche quest altro anno!!
Saluti Deborah da San Biagio
ivana ha detto…
Ciao Deborah!!!

Grazie..mi fa piacere che tu abbia letto, se sei di San Biagio!
E' il terzo anno che ci vado e ne ho già parlato altre volte in Internet!
Ora dovrei mettere anche le foto della manifestazione agricola, ho scattato 105 foto, ma ne metto sempre una piccola parte!
Un'amica proprio oggi mi ha prestato il libro sul santuario, e metterò quindi qualche notizia in più!!!
Grazie e a presto!!!!!
ivana

Post popolari in questo blog

FEGATO di CINGHIALE....à la nonna ivana

Espressamente per Miss BEE and Paul from Canada!!
Per farglielo apprezzare e gustare!




Circa 200 g fegato fresco di cinghiale (caccia)


1 cipolla dorata circa 150 g,
5 pomodorini dell'orto ( ancora di questa stagione...tardivi, quindi non sono molto rossi!)
sale e pepe nero macinato fresco
olio extra vergine d'oliva

Due padelle antiaderenti

Rosolare in due cucchiai di olio, dolcemente, la cipolla tritata, aggiungere i pomodorini a fettine e cuocere una decina di minuti



Intanto mettere 3-4 cucchiai di olio nella seconda padella, scaldare bene, cuocere velocemente voltando un paio di volte le fette di fegato asciugate bene.
Salare e pepare solo alla fine, servire subito, e rifinire con la salsetta!



PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce!
Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri.
Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più!
Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!
 Stavolta invece ecco come ho fatto!

Testo e immagini di ivanasetti




6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati
1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri
1/2  limone, succo
2  cucchiaini di prezzemolo secco
2  cucchiaini di salamoia bolognese
2+2  cucchiai di olio e.v.
2       cucchiai di pangrattato bianco secco


Ve…

ZUCCHINA TROMBETTA...a COTOLETTA e FANTASIE di nonna ivana

La trombetta qui da noi è una stravaganza, che qualche famiglia mette nel suo orto, proprio per sfizio, poi al momento della raccolta, non sanno più che farsene, per questo le distribuiscono a destra e a manca!
A me succede che le ricevo da qualcuno, che a sua volta le ha ricevute...si fa il passa mano!
Io sono ben contenta, le ho cominciate ad apprezzare da alcuni anni, ne ho fatto alcune ricette, un po' diverse da quelle che uso per le zucchine verdi o quelle chiare, come faccio per quelle tonde, anch'esse non proprio frequenti sulle nostre tavole.
Vado qualche volta negli orti dei pensionati, proprio qua vicino, per ammirare le zucchine lunghe e sinuose, dal corpo bello sottile dal picciolo, che poi si allargano a fiaschetta all'altro estremo!


Esistono dei piatti particolari che nella loro semplicità tradizionale ti danno sensazioni di conforto, appagamento...purtroppo sono spesso dei cibi pesantucci..ma qualche volta possiamo lasciarci andare...anzi, il piacere di gustare…