martedì 20 maggio 2008

TORTELLINO storia e passione












Tortellino classico: la sua festa!
Siamo a Castelfranco nell'Emilia, la patria del Tortellino Classico: quello che il buongustaio bolognese e modenese, e non solo, si augurano di poter sempre gustare nella versione originale, come è "scritto" nelle carte ufficiali, e anche come ancora si prepara presso le famiglie tradizionali dalle nostre parti.
Il Tortellino ha una storia, una tradizione e quindi una ricetta collaudata nel tempo, riconosciuta e registrata presso le istituzioni e associazioni preposte alla salvaguardia delle tradizioni più pure.
Secoli fa qui a Castelfranco un cuoco ebbe la meravigliosa visione che lo ispirò nella realizzazione del tortellino.
Per chi ancora non lo sapesse, la leggenda narra di un cuoco, che, avendo fatto il curioso, dal buco della serratura della porta che dava nella camera di una nobildonna di passaggio da quelle parti, aveva potuto ammirare l'ombelico della dama.....e questo gli ispirò il tortellino...le stranezze della vita!!!
Ogni anno, con la collaborazione di comune , sponsor importanti, volontari e privati, nella seconda settimana di settembre, in occasione della Fiera di San Nicola, si celebra in maniera degna la nascita del tortellino.
Castelfranco E. è una grossa cittadina, oggi della provincia di Modena, che è attraversata proprio longitudinalmente dalla Via Emilia, per cui, limitandone il traffico tramite le moderne tangenziali, si ha una piazza ampia e molto lunga, fiancheggiata da portici e palazzi, ben idonea a farvi svolgere un corteo storico, per celebrare appunto il Tortellino.
La direzione Est-Ovest consente un procedere quasi simultaneo di due tronchi del corteo, da est la processione della coppia Cuoco-Dama della passata edizione 2006, e da Ovest l'arrivo della nuova coppia Cuoco-Dama, designati per rivestire la carica di difensori e divulgatori della bontà, originalità, purezza del Tortellino Classico di Castelfranco.
Al centro del percorso si trova il palco per la cerimonia di investitura, del passaggio dello scettro, simbolo della ben nota abilità della szdoura, il Mattarello, dalla coppia 2006 a quella del 2007!
La manifestazione si realizza con la partecipazione di gruppi e associazioni che curano le rievocazioni storiche, quindi costumi rinascimentali e quant'altro, con contorno di cavalieri, dame con seguito, musici, danzatrici, saltimbanchi, mangiafuoco, armigeri ecc...che attirano molti visitatori da altri comuni e province.
Spesso la carica di Cuoco e Dama viene data a famosi personaggi pubblici, dell'economia, dello spettacolo, a volte anche stranieri, che ben accettano questa investitura, che dura un anno..
Nalla cittadina, per le vie e nelle piazze laterali, si svolgono mercatini, si trovano stands espositivi, molti banchi di prodotti tipici del territorio, ma soprattutto ci sono i ristoranti della fiera presso i quali, la sera, si può cenare con il prelibato piatto classico di tortellini in brodo.
Molti spettacoli di vario genere animano le serate per tutta la settimana.



2 commenti:

Scarabocchio ha detto...

Ma che bello Nonna Ivana: sempre pronta a non perderti le migliori occasioni di cultura e società e a condividerle con i tuoi lettori!
Ti ammiro molto, sai?

^^

ivana ha detto...

Ciao anna,

sì..sto sempre all'erta e vado dove c'è quacosa di interessante e legato soprattutto alla tradizione...e riferisco, come al solito!
Ciao, grazie!