Passa ai contenuti principali

Base per torte con frutta fresca

L'impasto si lavora bene con uno sbattitore elettrico La teglia va imburrata e infarinata, poi messa in frigo

Si versa l'impasto nella teglia

Va farcita con crema, ma anche panna montata, quindi ricoperta con frutta a scelta

Nella versione estiva, con pesche, leggermente gelatinate con zucchero e acqua in padella.








Per le torte farcite con crema e frutta fresca uso una pasta-base morbida ma compatta, che viene cotta nelle teglie scannellate, e la ricetta l'ho ricavata dalle istruzioni allegate alla teglia, di marca tedesca, ma reperibile ovunque, penso, anche se io posseggo la mia da decenni.
Non è un impasto difficile, ma bisogna stare attenti ad eseguirla

100 g. burro,
100 g zucchero,
2 uova,
140 g farina,
2 cucchiaini rasi di lievito per dolci,
vanillina o buccia limone grattugiata.

Per prima cosa imburrare bene la teglia, fare attenzione a passare con il pennello imburrato tutte le scannellature e spolverizzare con farina, poi metterla in frigo.
Montare il burro, aggiung. lo zucchero, la scorza di limone, poi 1 uovo alla volta, quando è tutta una bella crema setacciare sopra la farina mescolata al lievito. Si ottiene un composto che si stacca a fatica dal cucchiaio, se le uova erano piccole, meglio aggiungere un paio di cucchiai di latte, sempre alla fine.
Versare il tutto nella teglia ben fredda, aggiustare con il cucchiaio a rovescio bagnato, cuocere in forno preriscaldato a 160° ad aria, per 25 minuti circa
Tolta dal forno rovesciarla dopo pochi minuti, affinché raffreddandosi non si indurisca attaccandosi, se il fondo sembra attaccato fare molta attenzione, ad ogni modo viene poi coperto dalla farcitura.
Questa base va utilizzata capovolta, e la crema e la frutta vanno distribuite nell'incavo centrale.






Commenti

Luca and Sabrina ha detto…
Siamo arrivati solo oggi per leggere che ieri compivi gli anni.
Sono 73! Ma perchè te li aumenti?
Vorremmo regalarti questo aforisma di Pablo Picasso:
CI SI METTE MOLTO TEMPO PER DIVENTARE GIOVANI.
Baci
Sabrina&Luca
ivana ha detto…
Infatti!!!!
...
ma dall'altro verso è parecchio veloce!!!!
Ciao a voi!!!!

Grazie!

Post popolari in questo blog

La vecchia salsa da lesso del suocero

Anche se poi non raggiungo mai il risultato equivalente! Tanto per cominciare si usavano solo i prodotti dell'orto, che un tempo erano un po' scarsini. Si dovevano avere essenzialmente questi ortaggi: non i bei peperoni carnosi di oggi, ma i diavolicchi verdissimi e piccantissimi, le pastinache, così chiamavano le carote, le solite cipolle e il sedano verde, e tantissimo prezzemolo; la rifinitura era l'aceto agro fatto in casa, con i rabbocchi dei resti di vino! (Non dovrei dirlo, ma 'sto aceto a volte era solo acido!) Vi passo le immagini della mia versione, come prassi, si va ad occhio! Senz'altro non eccedo in prezzemolo, perché mi piace vedere il pot pourrit di colori, inoltre do un finale tocco di addensamento con farina che proprio non ci dovrebbe andare, perché importante era avere la parte oleosa ben separata dalle verdure, mentre la farina dà consistenza cremosa.

BAMJE, OKRA; GOMBO ...un INCONTRO SERENO

Il G. ed io abbiamo fatto dopo anni ritorno alla casa di una coppia di amici, che purtroppo non ci sono più, erano molto più anziani di noi: Nella grande casa in mezzo al verde vive Roberta, la figlia minore...a lei dobbiamo portare il nostro saluto, ma anche le condoglianze per la morte prematura di sua sorella Luisa. Dolore e mestizia, ma il rievocare la nostra frequentazione per decenni della loro casa le ha addolcito quell'ora, distogliendola dal presente. Armando, il compagno rientrato dal lavoro, è  gentile e attento, lo vedevo qualche volta lì in casa, ma ora mi rendo conto quanto sia disponibile, premuroso... Dobbiamo venir via...ci accompagnano, e viene il discorso del cibo, e Armando ci presenta il suo orto, e non solo... Una striscia del parco è adibita ad orto, piante di pomodoro, sostenute da frasche di legno, melanzane violette e un quadrato di rigogliose foglie verde scuro, che mi ricordano l'ibisco e il malvone...questa pianta Armando voleva proprio mostra

PLATESSA al MICROONDE!!!

Il microonde è un elettrodomestico che mi piace sempre di più, sia a pranzo che a cena mi sono preparata due piatti semplici, simpatici...me lo dico da me stessa, ma in fondo anche il G. gradisce! Una confezione di platesse surgelate coop,  sono 6 filetti, per il pranzo delle Ceneri. Non sono molto amante dei pesci così delicati, piatti da malatini, mi ricordano le infinite volte che si preparano per bambini inappetenti, che poi lo diventano ancora di più! Nella padella si sbriciolano, non sai come voltarli, o ci fai una tale impanatura...che poi mangi solo pane bruciacchiato! O sono io che non so trattarli!  Stavolta invece ecco come ho fatto! Testo e immagini di ivanasetti 6  filetti di platessa scongelati, tenuti in un po' d'acqua e limone, poi asciugati 1  pomodoro maturo sodo e grande, tagliato a fette di pochi millimetri 1/2  limone, succo 2  cucchiaini di prezzemolo secco 2  cucchiaini di salamoia bolognese 2+2  cucchiai di olio e.v. 2       cucchiai di