domenica 15 giugno 2008

Le mani della signora AGNESE

Grazie, Signora Agnese!!!!!



L'ambiente è angusto, persino sotto il livello del marciapiede, fin dall'entrata è stipato di stand con appendini e tutti appesi in fila sono articolini vari, tele, tendine, asciughini, che puoi toccare e rivoltare e ammirare: colori, ricami, trafori ed intagli....poi un banco all'altra parete con confezioni di asciugamani, canovacci, servizietti, ben esposti sui ripiani...e la Signora Agnese, quasi sul fondo, sorridente, serena, colori pastello azzurri nel suo vestire, un parlare simpatico, disinvolto..ma defilata contro la parete non si può ignorare una "testa" di macchina da cucire, un telaietto circolare di legno che trattiene già un centrino in corso di lavoro sotto la barra dell'ago, trafori a barrette, quindi realizzo che è la Signora Agnese che fa tutte le cose, che vedo alle pareti o sul banco.
Non posso fare a meno di fotografare e di pensare già al post da mettere nel mio blog, per dare merito a questa signora anziana, un pochino più di me, ma tanto impegnata, attiva, creativa e instancabile! Mi ha persino parlato, con modestia e reticenza quasi, di un riconoscimento onorifico, per i tanti anni, 42, di gestione di un negozio, penso anche per la sua attività di volontariato, il suo prestarsi a collaborare con le associazioni benefiche della città.
La macchina da cucire è una meraviglia, con incisioni simil oro, che come tutto un tatuaggio metallico l'abbraccia! Voglio vedere e fissare nell'immagine le mani della Signora Agnese mentre ricama a macchina, un'operazione delicata, armoniosa e ben coodinata nei movimenti del piede sul pedale, delle mani che spostano impercettibilmene il tessuto in sintonia con l'ago che si alza e si abbassa, trapassando il tessuto, raccogliendo a barretta i fli già pronti del traforo.
Una signora coraggiosa, che ha avuto tre figli, e pure il dolore della morte prematura, ben 42 anni fa, del marito.
Il quarto d'ora passato con una persona conosciuta proprio da quel momento, mi ha gratificata e resa contenta...non so perché!










9 commenti:

unika ha detto...

ti ha reso felice perche la signora Agnese è vita...è una di quelle signore che non si perde d'animo e va avanti nella sua vita facendo con le sue mani tante cose belle e preziose...un bacio alla signora Agnese e un bacio grande a te che ci fai vivere tutte queste belle emozioni...buona giornata
Annamaria

ivana ha detto...

Hai ragione Annamaria,
mi emoziona perché sento il valore della passione per la vita, per il lavoro creativo..ma anche per la tenacia a combattere le mazzate che la vita ti riserva!!
Un grosso abbraccio, un augurio per la tua giornata...
Scappo dai nipotini...

Un grosso bacio

Luca&Sabrina ha detto...

Viviamo in una società dove l'importante sembra essere avere tutto, possedere, mostrare, esibire...dall'abbronzatura finto caraibi all'ultimo modello di auto lussuosa, al tv lcd da 50 pollici, agli abiti stra griffati, però si è stressati, depressi, profondamente infelici....forse Agnese ha tra le mani e nel cuore quello spicchio di sole che le fa e ti fa dire che la vita è la cosa più preziosa e l'amore che ha dentro prende la forma dei suoi ricami. Lo si sente e lo si legge nei suoi occhi tutto quell'amore!
Buona settimana, cara Nonna Ivana
Sabrina
Sabrina&Luca

ivana ha detto...

Ciao Sabrina!
Grazie delle tue parole!
Come vedi ho messo da contraltare una figura di donna già al tramonto, ma piena di certezze, conscia della scelta di vita, della fedeltà a quel tipo di vita, su binari che sembravano tranquilli...mentre per Elena, a trent'anni, avvocato, ancora incerta sulla scelta di vita, le certezze le cerca nel vasto mondo, quando forse sono solo in noi stessi!!!!
Non lo so...e non lo si può sapere...ma quando hai degli esempi di gioia nelle piccole cose, provi tu stessa gioia e appagamento!

Ciao cari Sabrina e Luca...buona settimana a voi!

Bibliotopa ha detto...

ma guarda un po', con la macchina da cucire! io credevo che quei ricami li facessero a mano, come li faceva la mia nonna!
a me piace anche ricamare, ma mi capita sempre meno di farlo, eppure è un'attività molto rilassante. Però quando confronto le mie opere con quelle delle nonne e bisnonne, le mie hanno un'aria naif e da principiante in confronto.. invece sono negata per il lavoro a maglia, che invece piaceva tanto alla mia mamma

ivana ha detto...

Cara Biblio,
inserisco per la quinta volta la mia risposta, che non sono ancora riuscita ad inviara! Ci spero!
è andata così: la sagra della "Fira di Ai" ha avuto un prologo domenica 15, e riprende venerdì, mi pare, per proseguire fino alla festa finale per San Giovanni, il patrono di Persiceto.
La zona è rinomata anche per l'aglio!
In un vecchio convento del 13. secolo è stata allestita la mostra delle scuole di ricamo della cittadina, che io visito tutti gli anni...non si può assolutamente fotografare...sono tutti capolavori "patinati" da copertina di M.d.F o R...m, provo ammirazione nel vederli, ma non proprio emozione...il motivo sta in me, che rifuggo da ciò che è estremamente ricercato, di cui non vedo la "praticità quotidiana"...per cui "ho ripiegato", si fa per dire, verso i due negozietti di due gentili signore, che per motivi di beneficienza, poi faccio vedere come era il biglietto con i versi (non ho installato in questo Note Book lo scanner!) avevano in vendita tantissimi articoli, confezionati anche nelle missioni brasiliane o africane ecc, in più c'era l'utilizzo della fibra di canapa, che era la coltivazione primaria nelle nostre zone fino al 1957 (vedi mio post!)
Va be'...io non so ricamare, le mie mani sono un po' rozze e maldestre...va be' faccio qualcosa d'altro!!!
Un abbraccio!

ivana ha detto...

Dopo un'eternità mi son resa conto che c'era una parentesi che mi impediva l'invio!
Che tonta che sono!

Maria Antonietta e Francesca Gaeta ha detto...

Nonna Ivana volevo ringraziarti x questo bellissimo modo di raccontare sulla signora Agnese. Un racconto che mi ha preso leggendelo tutto di un fiato.Vedo con grande gioia che ci sono persone sensibili e attente nel lavoro che fanno gli altri e pronte a cogliere ogni sfumatura. Un bacione da Maria.

ivana ha detto...

Grazie anche a te Maria,

le cose di questo genere mi attraggono davvero e sono grata a tali persone che dimostrano manualità, ma soprattutto dedizione al lavoro!
Ciao...buona domenica