venerdì 1 agosto 2008

Lumaca...chiocciola??? SAGRA della LUMACA

Mi trovo un po' spiazzata da questo argomento!
Ricordate il mio minuscolo fazzoletto di insalata?
Totalmente annientato dalle lumache o chiocciole!
I vasi di fiori sono visitati costantemente dalle chiocciole, che si abbarbicano alle pareti, si nascondono nel terriccio e mi sconquassano le pianticelle!
Bene...con che entusiasmo potrei andare alla Sagra della Lumaca? Non ci sono mai andata...il nominare anche solo innocentemente questo gasteropodo mi si accapona la pelle, non solo per la sua nocività ma per il fatto che striscia, mia idiosincrasia!

Esiste dunque "La Sagra della Lumaca", che si svolge da 34 anni in una cittadina del Ferrarese, Casumaro, che, vedi caso, è pure stata insignita del titolo "Città delle Lumaca"
Da sabato 26 luglio a domenica 10 agosto, tutte le sere si va a mangiare lumache in tutte le salse.
Molti miei amici e parenti ci vanno da anni, entusiasti, e sempre che ci sollecitano ad accompagnarli! Sarà la volta buona? Non dovrei lasciarmi scappare una occasione del genere, una nonna cuciniera che non sa cosa vuol dire gustare un primo e un secondo piatto con le lumache?

Mi sto documentando: un bel sito c'è, specifico, e metto il link, perché merita:

http://www.casumarofc.com/index.php?option=com_frontpage&Itemid=1

Lì ci trovate le indicazioni più chiare, per andarci, sul menu, e belle immagini della struttura di accoglienza, dei piatti ecc...
Da questo sito estrapolo la ricetta storica, che è quello che richiama il mio interesse, e ve la incollo:

ANTICA RICETTA DELLA LUMACA ALLA CASUMARESE
(12 novembre 1611)

"A fare piatti X di Lumache.
Piglia 20 dozzine di lumache che sieno colte nell'inverno e che nella bocca habbiano il suo coperchio che così coperchiate sono purgate, e che habbiano pasciuto erbe odorifere, e le migliori sono quelle che si colgano negli spineti.
Poi habbi una pignatta et poneli dentro et che boglino per mez'hora. Poi cavale con un ferro dalla sua casa, e getta le budelle e lavale bene con sale, aceto et acqua rosata a più lavature.
Poi ponerai a cuocere nella tinella con buono olio et lardo, e pevere, sale, cipolle, porri, carotte et serali tagliati minuti e falli bollire molto bene per quattro hore.
Dopoi che hanno boglito bene metti quanto che sia hora buon brodo grasso et vin biancho. Poi piglia mandole ambrossine brustolate, canella, gengevro un poco, zaffrano un poco et molena di pan boffetto grosso brustolato mogliato in succo di naranci, e pesta bene ogni cosa insieme, e passa per la stamegna, e metterai sale, pevere et zuccaro poco, poi lo farai cuocere a fuoco lento, e come le lumache seranno cotte ge lo porrai dentro, e ge lo lascerai un pochetto dentro, poi le imbandirai con buon formaggio duro grattato, e seran ottime, e vogliono essere mangiate calde che sono vivanda divinissima."

Bene...tanto dovevo...se andrò, lo vedrete!!!!

2 commenti:

Luca and Sabrina ha detto...

Cara Ivana, come ti capisco, anch'io ho l'idiosincrasia per tutto quello che striscia, non ho mai mangiato le lumache e pensa che mio padre e mio zio sono andati per anni a cercarle, dopo giornate di pioggia. Tornavano con ceste piene e poi le lasciavano "sbavare" per giorni utilizzando l'aceto se non ricordo male, ero piccola e per quanto curiosa del mondo, non ho mai voluto approfondire questo argomento, perchè le lumache mi facevano senso e a pensarle in un piatto a tavola, non mi si solleticava l'appetito!
Luca invece le gradisce, avevamo letto della sagra e avevamo pensato di andarci, tanto immagino che in menu ci sarà qualche piatto non a base di lumache. Non ha senso andare alla sagra delle lumache e mangiare altro, ma farei contento Luca!
Baci Sabrina&Luca

ivana ha detto...

Cara Sabrina,

mi sto sacrificando!!! Abbiamo prenotato per stasera alle 20, ma non in questa mega struttura, ma in quella in paese, mi pare sala polivalente....ci sono anche altri piatti naturalmente!!!!
Non so come la metterò...fotograferò i piatti degli amici!!!!!
Ciao Sabrina...un grosso abbraccio a voi!!!!