venerdì 22 agosto 2008

Melanzane a lasagna versione 2










Melanzana a lasagna versione 2

Stavolta ho voluto fare un piatto della domenica, non un semplice accostamento di resti di frigo:

L'idea è quella di procedere come per le lasagne bolognesi, sostituendo la pasta all'uovo con fettine di melanzane, pretrattate.

500 g una bella melanzana violetta
70 g salsiccia luganega spellata e tritata
200 g polpa maiale scelta, macinata
3 bei pomodori maturi
1 cipolletta rossa
1 carota media
mi mancava il sedano
1/2 bicchiere lambrusco
1/2 bicchiere latte verso la fine cottura
olio, sale, pepe

besciamella: una tazza da caffelatte
20 g burro
20 g farina
250 ml latte
sale, noce moscata

30 g formaggio parmigiano grattugiato

Lavare e spellare a strisce la melanzana, serve per farle mantenere un po' di consistenza, tagliare delle fettine rotonde di 2-3 mm, farle leggermente spurgare con un po' di acqua salata, asciugarle bene, spennellarle di olio, posarle in un unico strato su un piatto e farle appassire per 3 minuti nel MO a 700 W.
Si prepara un ragù semplice, con cipolla e carota tritati (mi mancava il sedano), si aggiunge macinato e salsiccia, si rosola per una decina di minuti, si sfuma con vino lambrusco, o con vino bianco secco, quindi si aggiunge la polpa dei pomodori sbollentati e spellati, passata dal passaverdure,
Salare e pepare e continuare la cottura dolce, semicoperto per una mezz'ora, versando il latte per tenere
lento il ragù.

Preparare la besciamella.

Grattugiare il parmigiano.
Imburrare una pirofila, disporvi uno strato di melanzane, farcire con besciamella, ragù,parmigiano grattugiato.
Ho fatto 4 strati e ho rifinito con tutti gli ingredienti, ultima la besciamella, spolverato con parmigiano.
Se viene consumato subito, va in forno ventilato a 190° per 20-25 minuti

4 commenti:

paolap ha detto...

Ho trovato il tuo blog cercando nuovi ristoranti nella zona di Rocca Malatina dove ho una casa per le vacanze in affitto da circa 28 anni! Devo farti i miei complimenti per la vivacità, per la fantasia e per l'amore che metti in tutto quello che fai in cucina e non. Anch'io sono appassionata di cucina, purtroppo con poco tempo, perchè ancora lavoro, ma non vedo l'ora di andare in pensione per dedicarmi a questa passione. E ingrasserò!!! Questa rivisitazione della Mussakà greca è interessante, la rifarò, ma no avendo e non volendo il microonde, penso che friggerò le melanzane!! Continua ti leggerò con piacere.

ivana ha detto...

Ciao Paola,

grazie della visita!
Giusto...il parco di Roccamalatina è davvero interessante, come del resto tutto l'Appennino Bolognese, Modenese, Reggiano e Parmense (io conosco almeno questi)che nell'ultimo decennio ha avuto un incremento di valorizzazione enorme!!!
Per il richiamio esotico alla moussaka, be' qui mi oppongo, in genere sto aderente, come procedimento alle mie usanze, anche con i sapori, che nella moussaka sono molto diversi, come pure l'utilzzo della patata che nelle lasagne classiche non c'entrano per nulla.
Naturalmnete in tutto il Mediterraneo gli influssi, durante i secoli si sono verificati, per motivi storici di esodi o per semplici rapporti commerciali, e si ritrovano tantissime somiglianze.
Naturalmente la melanzana appartiene più alle zone calde, e ha una vera cultura culinaria nel nostro meridione...da noi ha un uso meno pronunciato, ma il frutto si sta diffondendo sempre più e anch'io mi sto adeguando, malgrado la naturale opposizione dei famigliari, che a volte non gradiscono!!!

Grazie e spero di vedere il tuo blog!
(Ci conosciamo?)
Ciaoooooooo!!!

bruchina ha detto...

Mi immagino il profumo!!!!
Una domanda, usi sempre il latte nel ragù o solo nel caso di preparazioni di questo tipo???
Dici di metterlo per tenerlo morbido, per questa necessità io aggiungo del brodo, metto latte solo se pomodori sono un po' acidi.
Grazie e ciao Roberta

ivana ha detto...

Ciao Roberta,
No, non l'uso mai, ma nel ragù alla bolognese lo si può aggiungere.
In questo ho ritenuto di dare un sapore più morbido, visto che io uso sempre olio al posto del burro. Tuttavia non è tassativo, io sto facendo una mia cucina personale, secondo contingenze del momento, e non trovo che sia controindicato, visto, che come te, i nostri piatti nel blog sono solo la reale nostra cucina, preparata e anche mangiata, e pur essendo anche sperimentale, seguono una innata esperienza personale che abbiamo, io per l'età e tu forse anche per interesse profondo per la cucina!!!

Graziee!!! Ciao!!!