sabato 26 luglio 2008

Dessert del Contadino (Pesca al Lambrusco)



Un improvviso flash, un sapore e un profumo che mi si risvegliano vividi nella memoria, un'emozione...sentimenti sulla mia antica famiglia...
Ecco la grande cucina, simbolo del mio blog, il papà a capo tavola, l'estate abbagliante fuori dalle imposte ben accostate, le nostre fragranti pesche sul tavolo; il papà prende una bella pesca, la accarezza con la mano robusta, poi col suo coltellino da tasca pela e rifila il frutto, trancia delle belle fette, le infila nel suo boccale (un bicchiere grosso col manico!) e con un allegro spruzzo le irrora di lambrusco.
Noi, attorno, con le teste protese verso di lui, ammiriamo le rosee bollicine che subitanee danzano fra le fette, smorzandosi.....

E io, sull'onda del ricordo, ho accarezzato la pesca odorosa, l'ho pelata, affettata...ho versato il lambrusco frizzante...e l'illusione s'è accesa per un nanosecondo!

25 commenti:

Scarabocchio ha detto...

Ciao Nonna Ivana, è da tempo che non ti lascio un pensierino, ma ti seguo sempre e leggo tutti gli aggiornamenti, anche se al volo!
Le tue pubblicazioni sono sempre ben farcite di racconti minuziosi che invitano alla lettura e alla riflessione... le belle foto accompagnano gradevolmente ricette ed aneddoti... insomma è sempre un piacere passare di qui!

Permettimi di urlartelo:
"SEI UNA GRANDEEE!!!!

ivana ha detto...

Carissima..
mi cogli in um momento di grande commozione...ho appena fatto e pubblicato questo post e sto quasi tremando!!!
Grazie per le belle parole!!!!
Ci risentiamo...i nipotini sono già in Toscana, ho anch'io due settimane di quiete e spero di mettermi in pari!!!

Un abbraccio forte, forte!!!

michela ha detto...

Certi piatti son speciali.
Sono i piatti della memoria, son quei piatti che hanno un sapore speciale perchè li assaporti con il palato e con il cuore.
Questo è un piatto di quelli.
Ognuno ha i suoi e capisce bene quello che provi.
Hanno un valore aggiunto che li rende unici.
ciao
Ivana.
Buona domenica..le foto del Trentino sempre splendide...ma a quante sagre vai?
Fai bene...io qui non ho tempo di andare nemmeno in centro a piedi...

ivana ha detto...

Grazie Michela...
cibi della memoria, improvvisi ricordi...avevo dimenticato questo semplice dessert di famiglia!!!
Sagre? Ce ne sono tante in giro, che non sappiamo più quale segliere...anche quella delle lumache, in questi giorni!!!
Va be', non andando in vacanza il nostro svago è anche questo...con amici è sempre piacevole!!!

Ciao!

unika ha detto...

carissima...sai la pesca con il vino è sempre sulla tavola d'estate a casa dei miei suoceri:_) un bacio
Annamaria

ivana ha detto...

Ciao cara,
Da me usava sessanta anni fa...mai ci avevo più pensato!!!
Allora era forse il dessert naturale, assieme a melone e cocomero...e nient'altro!!!
Un abbraccio, Annamaria!!!
Va meglio ora???

Buona domenica!

GiorgiaM ha detto...

Ivana le hai fatte tornare in mente anche a me è tanto che non le mangio !

In casa mia si fanno anche tagliate a spicchi cotte pochi minuti in padella con il cacao, mio padre ci cena con il pane !

La sagra delle lumache a Casumaro ?

ivana ha detto...

Sììììììììììììììì!!!
Giorgia, da ieri stavo scavando nella memoria per avere quell'immagine lì, come le pesche di tuo padre!!!!!
Mannaggia...devo farle!!!!
Grazie!!!!!!!!!!

Casumaro...nella struttura della parrocchia, che è molto organizzata...ma senz'altro la conosci anche tu!!!!

Ciao!!!

Giorgia lunedì mattina sono a LUGO!!!

Anonimo ha detto...

Ivana le ho fatte giusto ieri, buone buone, mi ricordano mia suocera. Io le preparo anche con un buon vino bianco frizzantino e allora aggiungo una cucchiaiata di zucchero.
Giorgia, le pesche del tuo papà mi ricordano l'infanzia, mia nonna cuoceva così le mele renette.

Un altro ricordo personale: un bel bicchiere di lambrusco, freddino, in cui "pucciare" del buon pane fatto in casa, una goduria, mio marito mi prende in giro ma a me piace troppo!!!

Dida

ivana ha detto...

Grazie Dida,

non c'è niente di più saporito e gradito del cibo del ricordo, così legato a sentimenti che ci hanno accompagnato dalla culla...al tramonto!
Sì, il lambrusco ha una vitalità ricca, dispensatrice, e fa parte della nostra Weltanschauung, per scomodare paroloni, e rende buono, gioioso anche il pane, soprattutto il crostino della rosetta di Crevalcore, di mia memoria (vedi le foto!).
Grazie Dida, una serena domenica a te...sì, l'arcobaleno era anche per te, poi domenica scorsa era l'anniversario della morte di mia mamma!!!
Un abbraccio!

Bibliotopa ha detto...

anche papà mangiava le pesche sono nel vino, anche se non era lambrusco!

ivana ha detto...

Ciao Biblio!

Mi commuove questa eco nord sud per questa pesca al vino...sono usanze davvero estese, dando valore così alle affinità trasversali riferite al cibo!!!
Grazie, buona domenica!
Gianni mi ha appeno portato una cassa di pesche bianche dalla campagna...da domani quindi maratona...conserviera!!!!

Nona ha detto...

Era il dessert preferito di mio papà, anche se, su consiglio del papà di bibliotopa,(mio papà era un po' anemico a causa di una pleurite) mia mamma lo faceva col barbera!
ciao ciao

ivana ha detto...

Ciao Nona...

ma che interessante...lo stesso concetto veniva espresso anche qui, magari tra brodo per i malatini, birra per le puerpere, vino per gli anemici, zabajone per i deboli e via discorrendo, la farmacia era questa qua...
Mi manca l'olio di ricino...lo spauracchio dei bambini rachitici!!!!!

Va be'..il lambrusco si metteva anche nel brodo con i tortellini!!!! Oggi processione di San Giacomo, a Bevilacqua...poi chissà se Gianni vuol tornare allo stand dei tortelloni?!!!
Penso di no, siamo sempre in giro per cene!!!

Bibliotopa ha detto...

Noo... ai bambini rachitici si dava l'olio di fegato di merluzzo!!!
e a 14 anni lo fecero prendere anche a me, subito dopo mi facevo fuori mezza tavoletta di cioccolata per togliere il saporaccio. Quello di ricino, me lo fecero prendere una volta, ma non durò. lo vomitai immediatamente e nessuno ci ritentò.
beata te che le pesche ti arrivano a casse, e pure le bianche, che quando sono buone sono squisite. Io mi sto accontentando di albicocche del supermarket

michela ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
ivana ha detto...

Biblioooo!!!

Un lapsus!!!! era quello di fegato di merluzzo...l'olio di ricino era usato per ....motivi politici!!!!

Domani siamo via a Lugo di Ravenna, quindi spero che le mie pesche non mi vadano a male!!!!!
A volte mi arriva tutto insieme e non riesco a smaltire tutto!

Bene, leggo la posta, perché siamo entrati ora dalla festa a Bevilacqua!

Ciao buona notte!!!

LAle ha detto...

ODDIO BUONE NONNETTA!!! APPENA TROVO IL LAMBRUSCO BUONO LE FACCIO DI SICURO!!!

ivana ha detto...

Ciao nipotina!!!!!

Grazie...ma sono proprio cosette da nonnetta sentimentalona!!!!!!!!

Ciao, a presto!

Nona ha detto...

Cara nonna Ivana,un lapsus è consentito! L'olio di ricino e quello di fegato di merluzzo.... brrrrr che ricordi poco piacevoli! Mia mamma dava a noi figli e a tutti i bambini della casa l'olio di fegato di merluzzo mettendoci in fila davanti al "fogoler" e ognuno di noi aveva un cucchiao in mano che dopo aver usato per quella cosa tremenda, dovevamo infilare nella cenere! I nostri figli sono stati più fortunati, perchè in seguito l'olio di ricino è stato migliorato e aromatizzato, non chiedetemi come
e aveva un gusto molto più gradevole. Purtroppo però, l'olio di ricino è rimasto sempre uguale!:(

ivana ha detto...

Ciao Nona,

ma vedi che te l'ho fatto scappare anche a te il lapsus...chissà perché...erano nomi comuni ai nostri tempi, va be' tu sei più giovane!!!!

Hai ragione i ricordi dell'olio di fegato di merluzzo sono proprio...amari!!!!!

Un abbraccio...e ci sentiamo!!!

Nona ha detto...

Cara Ivana,
distrazione, distrazione! E non ho riletto quello che ho scritto!
ciao ciao

ivana ha detto...

Nona cara...

ma io se rileggo, mica me ne accorgo dei refusi...testarda non noto le cavolate che ogni tanto mi scappano...cattivo segnoooo!!!!!

Anonimo ha detto...

ivana come sei brava con le foto.
Bello il tuo ricamo.
Per quanto riguarda le tradizioni sei il top. nanà

ivana ha detto...

Ciao diana,
mi fa piacere...sono nostalgica e per me anche piccole cose legate al ricordo, hanno un valore aggiunto inestimabile!
Tutto bene ieri al controllo!
Forse hai letto nell'Arcobaleno?

Salutami gli amici che mi ricordano!!!!
Un abbraccio, grazie della visita!
Buona vacanza se non ci sentiamo!